closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp

Edizione del 18.02.2014

Lucida lezione del voto sardo. Perde il Pd (-2,5%) ma vince il centrosinistra di Pigliaru grazie ai voti di Sel, Rifondazione e degli autonomisti di sinistra che, insieme, superano il 10%. Perde il berlusconiano Cappellacci, resta a casa il voto grillino e l’astensionismo vola al 48%, un cittadino su due

Politica

L’isola naviga controcorrente

Costantino Cossu

Francesco Pigliaru ottiene il 42,6% e strappa la Regione a Ugo Cappellacci, al 39,8. A Michela Murgia il 10% dei consensi, che non basta per entrare in consiglio. Ma ha votato solo il 52%

Caro Fassina, incontriamoci a Bruxelles

Giorgio Airaudo, Giulio Marcon

No al fiscal compact, riforma della Bce, piano del lavoro europeo: il 19 marzo il seminario di Sbilanciamoci e economisti progressisti

NUOVO GOVERNO

Quattro riforme, due maggioranze

Andrea Fabozzi

Il segretario del Pd al lavoro. Sul Colle ascolta tutte le raccomandazioni di Napolitano e anticipa una lista di impegni dettagliata e un’orizzonte lungo. Ma al centro restano le riforme e dunque Berlusconi

Economia

La Ue: “Mantenete gli impegni”

Antonio Sciotto

Monito per il nuovo governo Renzi: rispettare il 3% e abbattere il debito. Un rimprovero all’Italia: «Non ci sono ancora arrivati i dati sulla spending review». Corte dei Conti: migliora l’utilizzo dei fondi europei, ma resta alto l’allarme sulle frodi

La protesta dei precari di Bros

Adriana Pollice

Immigrati, attivisti e studenti in sostegno hanno manifestato davanti al tribunale in solidarietà ai disoccupati arrestati dalla Digos

La misteriosa uscita di scena di Muqtada Sadr

Michele Giorgio

Si moltiplicano i tentativi per persuadere Sadr a fare retromarcia e a non rinunciare ad essere uno degli attori principali sul palcoscenico politico e militare iracheno. Governativi e qaedisti continuano a combattere nella zona di al Anbar. 300 mila civili in fuga

Cultura

Il codice bloccato della sovranità nazionale

Marco Bascetta

La paralisi politica dell’Unione europea è da cercare nella gerarchie di potere tra i paesi del vecchio continente. E dalla visione miope di chi ha tratto vantaggio dall’assenza di una gestione sovranazionale della crisi del neoliberismo. "L'Europa in trappola" del sociologo tedesco Claus Offe per la casa editrice Il Mulino

Il tramonto dell’umano

Alessandra Pigliaru

L'ultimo libro di Rosi Braidotti, «Il postumano. La vita oltre l’individuo, oltre la specie, oltre la morte», arriva in Italia tradotto da Derive e Approdi. Una riflessione profonda sul presente che muta, cancellando ogni rigurgito di umanesimo

Rosi Braidotti e la metamorfosi del postumano

Benedetto Vecchi

La manipolazione del Dna, l’innesto di protesi meccaniche e il potenziamento delle facoltà cognitive sono fattori che hanno cancellato il confine tra natura e cultura. E che spingono a elaborare una etica pubblica del postumano