closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp

Edizione del 17.09.2014

Il presidente Renzi convoca il parlamento (e la diretta tv) per replicare lo slogan dei mille giorni di governo. Minaccia elezioni anticipate, attacca magistrati e giornali mettendo sul piatto la possibilità di cambiare le tutele del lavoro con un nuovo decreto per cancellare l’art.18 e così obbedire al diktat di Draghi e Ue

Lavoro

Jobs act anche per decreto

Massimo Franchi

Ultimatum di Renzi alle camere: approvare entro ottobre la riforma del lavoro, altrimenti ci pensa il governo. L’art.18 è «apartheid fra lavoratori di serie A e B». Landini: sarebbe strappo inaccettabile

1000 GIORNI

Renzi, l’attendista stregone

Andrea Fabozzi

I mille giorni sono la ratifica di un patto con il parlamento: «Possiamo durare». «Abbiamo cambiato verso alla legislatura, prima non aveva futuro». La legge elettorale è urgente, ma si può fare nel 2017.

Il paese che amo

Norma Rangeri

L'elogio del renzismo pronunciato da Renzi medesimo in parlamento è la retorica distillata dei luoghi comuni della destra. Ma la rendita elettorale del segretario del Pd potrebbe anche finire e la realtà infine bucare la retorica. Certo, le elezioni anticipate potrebbe anche vincerle, finché l'opposizione è rappresentata da Brunetta e l'informazione continua ad accanirsi sulla verità

Province, scontro Pizzarotti-Grillo

Redazione

Il comico vieta al M5S di candidarsi per l'elezione del 12 ottobre, ma il sindaco di Parma disobbedisce e dà l'ok a un listone con il Pd e il centrodestra. Lui stesso si candida consigliere

VENEZIA

Ruspe in laguna, è ora di invertire la rotta

Sebastiano Canetta, Ernesto Milanesi

Contro il «Comitatone» che in agosto ha dato via libera al progetto che spiana 5 km a beneficio delle mega-crociere, domenica 21 torna la protesta No Grandi Navi con corteo acqueo lungo il canale Contorta Sant’Angelo

FRANCIA

Valls II: fiducia, ma con rischio

Anna Maria Merlo

Il governo si salva, ma i margini si restringono. Valls corteggia senza successo la "fronda" socialista e affronta la violenta offensiva del padronato. Messaggio a Berlino e a Bruxelles: "la Francia decide da sola" (ma "l'accordo con la Germania è indispensabile"). Domani conferenza stampa di Hollande

Cultura

L’unità di misura della Nato per il mondo

Simone Pieranni

«Se dici guerra...», un volume collettivo per le edizioni Kappa Vu. I mutamenti geopolitici testimoniano il declino dell’impero Usa e l’incapacità dell’Europa di una propria politica estera autonoma

La lingua dell’esistenza

Alessandra Pigliaru

A colloquio con Luisa Muraro, ospite al Festivaletterature di Mantova, per ripercorrere la figura della filosofa e scrittrice Iris Murdoch

Un mondo a parte al Talos Festival

Gianluca Diana

Con i suoni bandistici del Mediterraneo condotti da Cesare Dell'Anna e la Girobanda si è chiusa domenica l'edizione 2014 della kermesse pugliese

L'Ultima

Borgata Paraloup, la montagna viva

Mauro Ravarino

In Piemonte è rinata la «Pompei dei partigiani», dove agì la prima banda di «Giustizia e Libertà». La Fondazione Revelli ha recuperato le baite, oggi gestite da tre ragazzi, per riscattare la memoria e il modello della civiltà alpina

Commenti

Il riformismo alla rovescia

Manfredi Alberti

Dagli anni Ottanta a oggi una girandola forsennata di stravolgimenti normativi si è abbattuta su scuola, sanità, pensioni, Costituzione, lavoro. Un vero e proprio «ritorno all’ordine capitalistico»