closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp

Edizione del 17.01.2014

Oltre 1500 migranti tunisini sono scomparsi in mare nel 2011. Altri 350 sono spariti nel nulla nel 2012. Il dramma delle mamme che continuano a cercarli. E ieri a Roma, mentre i leghisti «occupavano» il senato contro l’abolizione del reato di clandestinità, un gruppo di associazioni italo-tunisine ha chiesto al governo una commissione d’inchiesta: che fine hanno fatto?

Italia

I frutti della conoscenza

Fabio Ballerini

A Pisa 11 richiedenti asilo fuggiti dalla Libia occupano da un anno l’ex centro della Croce Rossa. L’incontro con i coetanei italiani apre le porte dell’integrazione

Matteo, Enrico e la guerra fredda

Daniela Preziosi

Il leader: «Il governo è al minimo storico, ma non farò le scarpe al presidente del consiglio». Sfila il dissenso della sinistra

Renzi si gioca tutto

Andrea Fabozzi

Il segretario dice addio ad Alfano e si prepara a firmare con Berlusconi. Sfida Letta e i gruppi parlamentari del Pd. Lunedì la direzione vota sulle sue proposte

L'inchiesta

L’ecosistema urbano è un bene comune

Piero Bevilacqua

Devastate da trent’anni di neoliberismo, le città italiane, considerate le più belle del mondo, hanno vissuto uno sviluppo edilizio selvaggio Dimenticando il loro rapporto con la campagna e l’aria

Internazionale

Laura Boldrini nell’inferno di Gaza

Michele Giorgio

Dopo la visita in Israele, la presidente della camera è andata nella Striscia per rendersi conto della condizione di un milione e mezzo di palestinesi colpiti dal blocco israeliano ed egiziano

Referendum farsa in Egitto, vota il 36%

Giuseppe Acconcia

«Plebiscito» per il generale golpista Al Sisi, ma non è una vittoria di tutti gli egiziani. La legge sancisce l’esclusione della Fratellanza dalla scena politica nazionale

Cultura

L’ombra di Confucio si stende su Pechino

Maurizio Scarpari

Considerato un simbolo del passato feudale, il filosofo è stato riabilitato dal gruppo dirigente cinese. Che cerca nella sua ideologia, nel pensiero di Deng Xiaoping e nella difesa d’ufficio della figura di Mao una risposta alle tensioni sociali ed etiche di una società governata da logiche liberiste

La sporca natura di Pechino si tinge di romanticismo

Simone Pieranni

«Le lacrime del lago Tai», romanzo dello scrittore Qiu Xiaolong. Un noir che ha come sfondo l’emergenza ambientale. E quando affronta le rivolte del paese, la denuncia assume toni mainstream

Scatti su una malattia senza nome

Sabrina Ragucci

I malati di Mcs nel libro «Canaries» della fotografa danese Thilde Jensen. Gas di scarico, plastica e wi-fi sono gli agenti di una malattia senza nome sempre più diffusa

Una controcultura profetica

Antonello Cresti

La storia degli hippie in un libro per Mimesis. Il «flower power» ha condizionato liguaggi artistici e ha fornito argomenti teorici all’ecologismo libertario

Visioni

Le guerre di potere sotto la neve

Matteo Tacconi

I giochi olimpici cominceranno il prossimo 7 febbraio, ma sono già i più costosi della storia. E uno strumento di prestigio personale nelle mani di Putin