closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp

Edizione del 16.11.2015

Parigi verso un giro di vite sulle libertà: pressato dalla destra, Hollande vuole estendere lo stato d'emergenza a tre mesi, mentre le indagini confermano che alcuni attentatori sarebbero francesi e belgi. Il numero delle vittime sale a 132. Morta una ragazza italiana, Valeria Solesin. Intanto, al G20 dall'alleato turco, Francia e Stati uniti annunciano che intensificheranno gli attacchi contro l'Isis. E il ministro degli esteri iracheno gela l'Eliseo: «Avevamo avvisato la Francia»

Cinque arresti a Bruxelles, sei nella periferia parigina

Angelo Mastrandrea

Il procuratore di Parigi ha parlato di tre commando che avrebbero agito in maniera coordinata: quello che è entrato in azione al Bataclan, un secondo del quale faceva parte Salah e infine quelli della Seat nera. Di questi non si sa ancora nulla

VIENNA

Ministro degli esteri iracheno: «Avevamo avvisato Parigi»

Chiara Cruciati

Nuovo attacco a Baghdad, 26 morti. Una strage continua: secondo le Nazioni Unite solo ad ottobre in Iraq sono state uccise in atti di terrorismo 714 persone (di cui 559 civili), altre 1.269 sono rimaste ferite. Baghdad resta il target: ben 298 vittime, oltre il 50%, si sono registrate nella capitale

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.