closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp

Edizione del 16.09.2014

Mezzo governo piomba tra i banchi di scuola per propagandare la sua riforma. Una consultazione lunga due mesi sulla svolta «americana»: super autonomia e apertura agli sponsor, presidi manager, più professori ma sottopagati, programmi à la carte. Sindacati e studenti sul piede di guerra

Scuola

Ministri sui banchi spot a larghe intese

Roberto Ciccarelli

Nella giornata in cui otto milioni di studenti rientrano in aula in quindici regioni, il premier ha pubblicizzato la riforma che piace anche a Mariastella Gelmini. Tutto l’esecutivo ha ribadito l’impegno ad assumere «149 mila precari» a settembre 2015. Ma nessuno ha spiegato perché il contratto dei docenti dovrà fermarsi per un altro anno e gli scatti di anzianità saranno sostituiti con quelli «di competenza» comprimendo ulteriormente i già magri stipendi. Gli studenti si preparano a protestare venerdì 10 ottobre

Editoriale

Back to school con Renzi l’americano

Anna Angelucci

Il governo punta forte su un modello che ha già fatto disastri negli States. Adottando il «bring your own device», ovvero «portati il tuo pc da casa», e «social impact bonds» a beneficio dei privati. Così il preside-manager sarà costretto a cercarsi uno sponsor

PD-FORZA ITALIA

Il patto del Nazareno tiene la Consulta in ostaggio

Andrea Fabozzi

Scrutinio per la Corte Costituzionale, il duo Violante (Pd) e Bruno (Fi) ancora non passa Renzi si gioca la faccia. Tre eletti per il Csm: sì a Bene, Balduzzi e Casellati. Valanga trasversale di assenti e dissidenti. Il Pd: «L’accordo tiene» Ma il premier potrebbe incontrare Berlusconi

ECONOMIA

Chi si rivede: la recessione

Antonio Sciotto

Ocse e S&P tagliano le stime di crescita. Il nostro Paese chiuderebbe il 2014 in pesante calo: -0,4%. Il governo ha la ricetta: «Superare l’articolo 18». Ma nel Pd resta la contrarietà della minoranza

Lavoro

I sindacati in ordine sparso

Massimo Franchi

Camusso da sola in piazza. Bonanni: niente mobilitazione nazionale. Il leader della Cisl lancia «iniziative territoriali». Ma lascia uno spiraglio alla Cgil: se fate marcia indietro ok a proteste unitarie

Vincono gli eurofobi e nostalgici

Jacopo Rosatelli

Alternative für Deutschland è il vincitore morale delle elezioni in Brandeburgo e Turingia. La Cdu suggerisce a Merkel l’alleanza, ma la cancelliera è ferma: «Nessun dialogo con gli anti-europeisti»

Internazionale

Guerra all’Isis: una coalizione a molte incognite

Anna Maria Merlo

Hollande inaugura l'incontro e contemporaneamente due Rafale decollano da Abu Dhabi per un'operazione di ricognizione militare. Comunicato finale dell'incontro a 29: verranno usati "tutti i mezzi necessari" per sconfiggere Daech. Ma sull'estensione dell'intervento in Siria, tensioni con la Russia e perplessità europee. L'Iran convitato di pietra. La Turchia non parteciperà agli attacchi militari. Al varo un Patriot Act alla francese

Dopo Gaza il Libano

Michele Giorgio

Mentre Gaza è dimenticata dai mezzi d'informazione, la tensione cresce al nord, lungo il confine con il Libano. Domenica, rivolgendosi a un gruppo di giornalisti, un alto ufficiale israeliano del comando settentrionale ha fatto riferimento a una "guerra preventiva" contro Hezbollah

Reportage

Messico, ultimo scalo

Orsetta Bellani

I contadini, privati delle terre, protestano per la costruzione dell'aeroporto, il terzo aeroporto più grande del mondo

Stravaganze d’architetto

Maurizio Giufrè

Nel suo ultimo libro «Etica dell'intenzione», Giovanni Durbiano analizza la crisi di relazione fra forme e contenuti, cercando possibili vie di uscita dall'eccessiva estetizzazione e autoreferenzialità dell'architettura

Frammenti urbani

Redazione cultura

MilanoCittàAperta è una esposizione che nasce da un progetto più ampio: narrare i luoghi meneghini, gli scorci suggestivi e le situazioni estreme. In futuro, se finanziato con il crowdfunding, potrà diventare una rete tutta italiana di narrazioni fotografiche

Visioni

Il Medio Oriente a tinte soap

Giulia D'Agnolo Vallan

A RomaFictionFest gestione Freccero l’irrequietezza creativa del nuovo immaginario seriale americano, anche quando si addentra su territori «minati»... Come nel caso di «Tyrant» e «The Honourable Woman» due produzioni che hanno per sfondo i paesi arabi e che spaziano arditamente tra generi

Gli 80 anni di Down Beat

Luigi Onori

La celebre rivista Usa nel numero di luglio ha festeggiato all’anniversario della prima uscita. Era il 1934 quando gli Usa (ed il jazz) stavano uscendo dalla tremenda crisi del 1929

Il tempo debito dello sciopero sociale

Alberto De Nicola, Francesco Raparelli, Cristian Sica

Movimenti sociali e sindacati di base si sono incontrati allo "strike meeting" di Roma per costruire una piattaforma comune per l'opposizione alle politiche neo-liberali del governo Renzi. Primo obiettivo: organizzare il 14 novembre uno sciopero sociale di 24 ore. In lotta per il salario minimo orario, il reddito di base e i beni comuni

Rubriche

Indipendenza

Alberto Leiss

Il referendum scozzese, noi e l'Europa. La rubrica settimanale di Alberto Leiss

Dalle «cento città» al Parlamento

Valentina Stella

L’Associazione Luca Coscioni continua a chiedere la discussione in parlamento della proposta di legge popolare sottoscritta da 67mila persone, il rispetto del potere democratico dei cittadini e della Costituzione