closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp

Edizione del 16.07.2017

7mila profughi in fuga da fame e guerre arrivati nei porti del Sud. Tensioni a Civitavecchia e nei Nebrodi. «Non c’è più posto» per 203 minori non accompagnati a Corigliano Calabro. E il diritto alla cittadinanza dello Ius soli, atteso da un milione di ragazzi, naufraga nei calcoli elettorali. Il vescovo di Palermo: «L’esodo dei nostri giovani e dei migranti deve portarci a cambiare un mondo sbagliato»

Reportage

A Polla accogliere funziona

Nicola Sellitti

A Polla e nel Cilento lo Sprar è riuscito a inserire 70 ragazzi da 11 paesi diversi. Lavorano, seguono tirocinii e corsi di formazione, costruiscono il proprio futuro con gli italiani

Internazionale

A un anno dal golpe, Erdogan si autocelebra

Dimitri Bettoni

Il Sultano Erdogan celebra la notte in cui sventò un colpo di stato sul quale gravano ancora sospetti. Da allora solo epurazioni e una narrazione dei fatti che spinge a distinguere un «noi», il governo e i suoi seguaci, da un «loro», ovvero tutti gli altri

Cultura

L’estinzione di massa è alle porte

Andrea Capocci

Uno studio sulla rivista «Proceedings of the National Academies of Sciences» sui rischi da scomparsa degli umani. La Terra ha già conosciuto «rivoluzioni ecologiche» segnate dalla morte di piante, batteri e animali. Se nel passato le cause erano dovute a eventi esterni questa volta la responsabilità sarà degli umani

Addio a Maryam Mirzakhani

Red. clt.

La scomparsa della matematica iraniana. E' stata la prima donna premiata con la Medaglia Fields

Yes, un’avventura senza fine

Fabio Francione

Con Rick Wakeman e Trevor Rabin, Jon Anderson ha riportato in vita la storica band, domani sera all'Auditorium Parco della Musica di Roma per il primo di tre concerti in Italia. «Ritengo che i musicisti e i gruppi nati in quell’epoca condividessero lo stesso desiderio: non avere né ostacoli né barriere di alcun tipo. Poi eravamo tutti amici »

Alias Domenica

Accadeva domani, il tempo ci insegue

Stefano Tedeschi

Il sassofonista Johnny Carter, ispirato a Charlie Parker, e il critico musicale Bruno sono i protagonisti del racconto lungo «Il persecutore», in cui lo scrittore argentino abbandona il fantastico

Cose terribili su Aristofane

Federico Condello

In «Cleofonte deve morire», edito da Laterza, Luciano Canfora riporta il commediografo nel vivo della lotta politica ad Atene: sorprese

Le radici occidentali di Shankara

Stefano Beggiora

Attingendo alla sua erudizione, Coomaraswamy identificò, fra il ’32 e il ’47, una sostanziale conformità fra la metafisica del Vedanta e quella di Platone: «La tenebra divina», Adelphi

A Folly Down le anime sono in pericolo

Viola Papetti

Un furgone Ford irrompe in un piccolo villaggio della campagna inglese... Scritto nel 1927 con ironia e leggerezza settecentesche, torna da Adelphi «Il buon vino del signor Weston», romanzo di Theodore F. Powys

Robert Klein, manierismo “aristotelico”

Andrea Cavalletti

Finezza stilistica e argomentativa, erudizione incomparabile, per una rilettura della storia dell’arte alla luce della tradizione aristotelica. L'autore, uno studioso segreto scampato alla Shoah e suicidatosi nel 1967 sui colli di Settignano (era borsista ai Tatti)

Epifanie del mood newyorchese con sbirri in azione

Andrea Colombo

Riediti da Stile libero i primi due romanzi dell’87° Distretto, la più celebre serie procedural, opera dell’autore americano il cui vero nome era Evan Hunter: «Odio gli sbirri» e «Fino alla morte»

Un robber baron scala la città adagiata in riva al lago

Caterina Ricciardi

Chicago con le sue nuove opportunità è al centro di «Il titano», ora ritradotto da Mattioli 1885: è il secondo pannello della trilogia ‘del desiderio’ che Theodore Dreiser dedicò all’escalation capitalista

La Rinascente, utopia merceologica

Maurizio Giufrè

La storia del magazzino battezzato da D’Annunzio nel 1921, che fino agli anni ottanta è stato all’avanguardia nel fare del prodotto un luogo dell’immaginario: da Dudovich ad Albini, da Max Huber a Albe Steiner

Hockney, acrilica comédie humaine

Davide Racca

Una carrellata di ritratti: stessa postazione, stessa gamma cromatica. David Hockney ne fa un laboratorio di investigazione psico-sociale