closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp

Edizione del 16.02.2020

Patrick Zaki denuncia torture e abusi ma resta in cella. Il giudice del tribunale di Mansoura riceve una telefonata e cambia idea: respinto l’appello dei legali. I media di regime: è «ingerenza» la campagna internazionale di solidarietà. La famiglia Regeni: «Il governo ritiri l’ambasciatore». Oggi Roma si mobilita

Commenti

Centocelle, la rete dei diritti contro le mafie

Giuseppe De Marzo

Cittadinanza e associazioni insieme per affermare che il quartiere romano sul quale hanno messo le mani i clan «è CøAsa Nostra». Un percorso per riappropriarsi del territorio. C’è un potere criminale, ma c’è soprattutto una criminalità del potere ancora più grande a Roma. Cultura, bellezza e diritti sono strumenti di contrasto e di cambiamento

Europa

«Rijeka-Fiume è il porto delle diversità»

Marinella Salvi

«Il nostro obiettivo è superare i confini», racconta il sindaco della città, Capitale europea della Cultura 2020. Che al primo cittadino di Trieste spiega: «La stella a 5 punte - che ricorda anche tutti gli antifascisti, compresi quelli italiani - è un’installazione della rassegna "L’era del Potere"»

Internazionale

Il Covid-19 uccide per la prima volta in Europa. Dramma sulla Diamond Princess

Andrea Capocci

Turista cinese di 80 anni non ce la fa in Francia. 67 nuovi casi sulla nave da crociera bloccata in Giappone. In Cina 143 vittime solo ieri, ma la crescita non sembra più esponenziale. Parla Ilaria Dorigatti, alla guida del gruppo che ha condotto le ricerche del Centro per l’analisi delle malattie infettive globali dell’Imperial College di Londra: «Nel nostro ultimo rapporto stimiamo una probabilità dell’1% che una persona infetta possa morire»

Commenti

Il governo italiano con un piede in due scarpe

Alberto Negri

L’Italia si prepara a prendere una bella fetta di commesse militari egiziane, ecco perché l’esecutivo finge di interessarsi della sorte di Zaki e della verità su Regeni ma in realtà non vede l’ora di archiviare queste questioni

Cultura

L’identità prigioniera delle opere d’arte

Tiziana Migliore

«Capolavori rubati» di Luca Nannipieri, per Skira. Un itinerario tra i più celebri saccheggi di gallerie e musei. Dopo le razzie di Napoleone e Hitler, il contrabbando odierno è il più proficuo tra i commerci criminali. Un quesito accompagna il volume: come cambia l’immagine di un capolavoro dopo la sua scomparsa? Il «mito» della Gioconda è sorto anche grazie al furto dal Louvre nel 1911

Visioni

«Apollon», il cinema messo alla prova dall’occupazione

Beatrice Fiorentino

Il film di Gregoretti in dvd per Schockproof, insieme a «Contratto», un racconto dell’autunno caldo. Voice over di Gian Maria Volonté, colonna sonora free jazz, tra humor e fede politica. La lotta degli operai nella tipografia romana, lo scontro coi registi

L'Ultima

Obiang il cleptocrate

Andrea Spinelli Barrile

Teodorin Obiang, figlio del dittatore della Guinea equatoriale Teodor Obiang, amante della dolce vita tra Parigi, Portofino e Malibù, è il primo vice capo di Stato condannato in Europa per riciclaggio e furto di soldi pubblici

Alias Domenica

Rachel Cusk, dramatis personae

Francesca Borrelli

Una sorta di inventario della condizione umana nell’era del narcisismo, che aggiorna implicitamente il catalogo delle bêtises di flaubertiana memoria: «Onori», da Einaudi Stile libero

Gennaro Serio, tutto ciò che vale lo trattiene l’inchiostro

Massimo Raffaeli

Enrique Vila-Matas è un assassino: questo l’indizio per orientarsi in questo romanzo d'esordio, nel quale le scelte strutturali confermano come l’esperienza della letteratura prevalga su quella della realtà: «Notturno di Gibilterra», da L’orma

Starnone, quel che segue a un terribile segreto

Mimmo Cangiano

In «Confidenza» l’intreccio viene a più riprese interrotto da inserti di natura critico-riflessiva sulla scuola, la politica, la disgregazione sociale, perfezionando il carattere del protagonista: da Einaudi

Kavafis, una finestra levantina

Massimo Natale

Il poeta neo-greco nella traduzione elegante e contemporanea di Paola Maria Minucci (che ha l’effetto di «classicizzare» Pontani)

Huysmans e gli amati barbari

Tommaso Mozzati

Nel controverso allestimento di Francesco Vezzoli, la critica d’arte dello scrittore decadente: nel segno della torbida «trinità» Degas-Moreau-Grünewald

De Nittis, midcult o modernità fotografica?

Giorgio Villani

In Giuseppe De Nittis il gusto de dettaglio minuto e la civetteria mondana richiamano, più che gli impressionisti, Tissot e Stevens: ma la sua Parigi va letta in base agli sviluppi della fotografia

Duomo e Torre di Pisa, le epigrafi parlano

Daniele Giorgi

Già agli occhi di Giorgio Vasari il complesso monumentale pisano offriva un corredo ineguagliabile di memorie «scritte»: qui vengono studiate, con un approccio multidisciplinare. In particolare viene rivelato che l’iscrizione murata all’interno della base della Torre pendente si riferisce a Bonanno Pisano "non" in chiave funeraria: è in realtà la firma dell’autore-architetto