closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp

Edizione del 15.11.2015

A Parigi 129 morti e 352 feriti (di cui 99 gravi). Sette gli attentati simultanei. Il mondo si stringe attorno alla Francia sconvolta dalla strage dell’Isis. Hollande decreta lo stato d’emergenza e il lutto nazionale: «Siamo in guerra, reagiremo senza pietà». Ma è polemica sulle falle nella sicurezza

Europa

Parigi sotto choc si blinda

Anna Maria Merlo

Bilancio ancora provvisorio: 129 morti, 352 feriti (di cui 99 gravi). Daech rivendica. Appello di Hollande all'unità, ma ci sono già le prime crepe. Polemiche sui servizi. Parigi resiste

Marine Le Pen si fa Stato

Francesco Ditaranto

Il Front nationale approva lo Stato di emergenza, senza rinunciare ai suoi slogan

Europa

Fiori, lacrime e candele da Roma

Rachele Gonnelli

Cordoglio e solidarietà, a piazza Farnese e a piazza del Popolo. In una capitale senza sindaco a esprimere parole rassicuranti resta il governatore Zingaretti

Parigi, Netanyahu: «terrorismi tutti uguali»

Michele Giorgio

È dal 2001 che i governi israeliani tentano di dipingere la lotta palestinese per l'indipendenza come un'offensiva a sfondo religioso contro Israele e gli ebrei, parte di un disegno jihadista globale.

L'Ultima

Hoda Barakat rompe la gabbia dell’appartenenza

Guido Caldiron

Parla la scrittrice libanese Hoda Barakat, ospite in Italia della Società italiana delle letterate. "Le stragi di Parigi e Beirut lasciano attoniti. Occorre affinare lo sguardo per capire perché l’Isis fa proseliti nel Medioriente e tra i giovani europei di origine araba"

Alias Domenica

Mafia, camorra e altri formaggi

John Dickie

Immergendosi nella confusione dei discorsi ottocenteschi, Francesco Benigno reinterpeta i documenti relativi alla nascita della criminalità organizzata, alla luce del suo storicismo integrale: «La mala setta», edito da Einaudi

Trascendenze di versi in punta d’ala

Viola Papetti

Fra pastorale caraibica e classici echi di tragedie, "Egrette bianche", versi per una autobiografia di Derek Walcott allo scoccare dei suoi ottant'anni

La vocazione etica si fa sperimentale: l’ultimo Malamud

Luca Briasco

In un’ottima edizione a cura di Paolo Simonetti, l’ultimo Bernard Malamud si presenta come un caso letterario controverso: il tentativo di non rimanere ingabbiato nel canone modernista, a partire da «Gli inquilini» (1971), non sempre colpisce nel segno

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.