closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp

Edizione del 15.09.2020

Oltre cinque milioni di studenti sono tornati in classe in 12 regioni. Dopo mesi di annunci mancano gli spazi e i docenti, migliaia di cattedre vacanti, a cominciare dal sostegno. Dal 24 settembre scattano le proteste. E sabato 26 tutti a Roma con «Priorità alla Scuola»

Scuola

La scuola riapre dimezzata: orari ridotti e precariato

Roberto Ciccarelli

Oltre cinque milioni di studenti sono tornati in classe in 12 regioni Dopo gli annunci poche certezze su organici, spazi e didattica. Conte si è detto «soddisfatto» che «le attività scolastiche siano riprese in modo ordinato»

MILANO

A Milano manca il personale, le medie più penalizzate

Francesca Del Vecchio

Nel capoluogo lombardo e provincia si aspettano ancora 30mila docenti supplenti, oltre a 5.106 di ruolo. «La colpa è di graduatorie ministeriali piene zeppe di errori, di un meccanismo farraginoso che non ha permesso nemmeno agli istituti di aggiornare i propri elenchi», denuncia la Cgil

Politica

Destra, la svolta che non si dice

Andrea Fabozzi

Meloni e Salvini accarezzano la vittoria del No. Ufficialmente sono per il Sì, ma cominciano a ragionare ad alta voce sulla bocciatura del taglio dei parlamentari. E incoraggiano le libertà di coscienza

Internazionale

Un brodino russo per il traballante Lukashenko

Yurii Colombo

Il leader bielorusso in cerca di ossigeno, mentre si rinnova la protesta nelle strade di Minsk. Ricevuto da un presidente russo confortato dopo l’exploit nel voto locale di Russia unita, rafforza l’asse con Mosca e strappa nuovi aiuti economici

Investimenti, la lunga marcia di Ue e Cina

Anna Maria Merlo

Raggiunta ieri un’intesa preliminare sulla protezione reciproca di 100 prodotti che beneficiano dell’«indicazione geografica», ma per arrivare a un accordo ci vorrà tempo

Vogliamo un Brasile dove ci sia lavoro per tutti

Luiz Inácio Lula da Silva

L'ex presidente nei giorni scorsi ha rivolto un appello pubblico: per ricostruire il Brasile post-pandemia, abbiamo bisogno di un nuovo contratto sociale tra tutti i brasiliani

Due mesi senza Mario Paciolla e senza giustizia

Simone Scaffidi, Gianpaolo Contestabile

Ancora irrisolta la drammatica morte dell'Osservatore internazionale Paciolla in Colombia. Il governo italiano e le Nazioni Unite promettono il massimo impegno per fare luce sulla vicenda. Ma dalle inchieste indipendenti emergono molti punti oscuri

I lunghi silenzi sul caso Paciolla

Gianpaolo Contestabile, Simone Scaffidi

I fatti emersi finora sulla morte di Mario Paciolla, avvenuta in circostanze ancora misteriose. Le inchieste della giornalista Duque restituiscono un quadro complesso che coinvolge la politica colombiana

Cultura

Scuola, non è mai troppo tardi

Paolo Vittoria

Anticipiamo l’intervista a Roberto Farné, docente di didattica generale a Bologna. Esce oggi «Educare a distanza» (Marietti), un libro che si apre a più confronti per orientarsi in classe e non solo. «Le tecnologie non possono essere sostitutive, ma integrative in una modalità che ha bisogno di un luogo fisico, di presenza reale»

Una casa dalle cifre fantascientifiche

Luca Celada

La dimora della scrittrice è in vendita a Berkeley per 4,1 milioni di dollari. Costruita nel 1907 dall’architetto Bernard Maybeck con le caratteristiche dello stile «crafstman», in voga in California nei primi anni del '900, ha accolto l'autrice fin dall'infanzia

La «stonatura» della polemica sui premi

Cristina Piccino

Un comunicato dell'amministratore delegato di Rai Cinema ha «bacchettato» l'assenza di «Le sorelle Macaluso», «Miss Marx» e «Notturno» dal palmarès

Rubriche

Siamo fatti delle relazioni con gli altri

Alberto Leiss

I recenti fatti di cronaca rimandano un paese violento e che ha paura del diverso. Una concezione di noi stessi come nodi di relazioni, mutuata dalla scienza, troverebbe applicazione anche nel ripensare la politica

Chi c’è dietro la giudice che processa Assange

Manlio Dinucci

Coinvolta in diversi conflitti di interessi a causa dei suoi legami familiari, la giudice che decide sulle sorti di Assange è sposata con un pezzo grosso dell'industria militare e dei servizi di intelligence