closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp

Edizione del 15.08.2015

Nikos Pappàs, ministro alla presidenza del consiglio, al manifesto: «Ho sempre pensato l’Europa come il campo delle lotte di classe. Per questo con le leggi e una diplomazia economica cercheremo di raggiungere i nostri obiettivi: maggiore libertà nazionale, difesa dei deboli, colpi duri agli interessi costituiti, revisione del debito, diverso ruolo della Bce». E su Syriza. «Purtroppo la frattura sta diventando definitiva»

Europa

Eurogruppo, aiuti con il contagocce

red. pol.

I ministri degli esteri dell'area euro - assente Padoan - al termine di una lunga riunione dicono sì al terzo pacchetto per la Grecia. Ma degli 86 miliardi attesi ne arriveranno 26, in gran parte destinati alle banche. Nuove tranche dopo nuovi esami

Eterologa, prima gravidanza al Sant’Orsola

Redazione

A Bologna la prima gravidanza da fecondazione eterologa, una settimana dopo le cinque linee-guida che il ministero della salute ha trasmesso alla conferenza stato-regioni.

Non si può morire di Tso

Stefano Cecconi

Bisogna aprire subito un confronto sullo stato e sulla qualità dei servizi di salute mentale nel nostro paese. E sulle condizioni difficili in cui sono costretti a lavorare gli operatori spesso in conseguenze dei tagli alla sanità. Insomma, sulle buone e sulle cattive pratiche

Economia

Pil, Padoan non si scompone

Redazione

Entusiasmo dei renziani per la micro crescita, mentre il presidente di Confindustria fa il pessimista e avanza nuove richieste al governo. Il ministro dell'economia: si deve fare di più

Mohammed Allan è in fin di vita

Michele Giorgio

L'avvocato palestinese, in carcere da novembre e che digiuna da 60 giorni contro la "detenzione ammiistrativa", ieri mattina ha perduto coscienza facendo temere il peggio. I leader del Jihad Islami avvertono: «Dovesse morire reagiremo con forza»

Abe, «rimorso» ma niente scuse

Marco Zappa

Il discorso del primo ministro giapponese nel settantesimo anniversario della resa del Giappone al termine della Seconda guerra mondiale. Gelide Cina e Corea.

Cultura

Una cosmogonia dal gusto new age

Alessandro Santagata

Un ritratto dell'ultimo dei cosmologi: Pierre Teilhard de Chardin. Secondo il gesuita francese, l’uomo è il centro e il fine ultimo di quello sviluppo dell’universo permanente che procede in alto verso Dio, ma anche orizzontalmente, nella noosfera, vero «luogo» della nostra socializzazione

La resistenza delle idee

Luca Tancredi Barone

Un incontro sull'isola di Lindau con la scienziata Ada Yonath, premio Nobel per la chimica nel 2009 per aver spiegato la struttura e la funzione del ribosoma

Visioni

Renzi, vieni a cena ad Anghiari

Gianfranco Capitta

«Disajob» è il nuovo spettacolo della Tovaglia a quadri, compagnia composta da un gruppo abitanti della città della battaglia leonardesca. E quest’anno coinvolge davvero tutti, il nesso tra il malessere che affligge la società e la mancanza di lavoro

Requiem sonoro per la grande guerra

Flavio Massarutto

Il documentario francese realizzato nel 1919 En dirigible: la grande guerra vista dal cielo, risuonato dal vivo. A cura di Cinemazero

L'Ultima

La dieta pantagruelica

Claudio Corvino

Un certo determinismo razzista tende a sottolineare come alcuni stati del Sud (Grecia in primis) non siano capaci di risollevarsi economicamente a causa della loro indole «cuccagnesca». Non sarà fuori luogo allora occuparsi della persistenza di quel mito: il paese della Cuccagna è il protagonista di una rassegna al Castello Sforzesco di Milano, mentre un’altra esposizione a tema inaugurerà a settembre, sfruttando l’intero territorio nazionale

Il gusto frizzante dell’estate

Flaviano De Luca

Bibite Sixties: la regina è la gassosa, seguono tutte le altre: aranciata, limonata, cedrata, orzata, menta, tamarindo, ginger e le più ricercate Moscatella, brasilena e rabarbaro

Bikini, il costume post-atomico

Michele Ciavarella

Dopo il divieto assoluto, l'accettazione sociale da parte del voyerismo maschile. E man mano che i costumi delle donne si riducono sempre di più, quelli maschili diventano sempre più coprenti