closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp

Edizione del 15.08.2013

Esercito e polizia reprimono le piazze dei Fratelli Musulmani, sparano sulla folla e fanno una strage. I morti sono centinaia, uccisi anche due giornalisti. Gli islamisti assaltano le chiese copte. Si dimette il vicepremier El Baradei e i militari decretano lo stato d’emergenza. L’Egitto sprofonda nel caos

Internazionale

Il giorno del massacro

Giuseppe Acconcia

La polizia sgombera piazza Rabaa, è un bagno di sangue. Per il governo sono 150 i morti, ma i Fratelli musulmani ne contano 2000

El Baradei si sfila dal massacro

Marco Boccitto

Il governo ad interim perde il suo esponente più importante. Finisce in pezzi il fronte liberali-militari-Al Azhar

Politica

La grazia? Può essere un boomerang per il governo

Andrea Fabozzi

"Se il presidente della Repubblica graziasse Berlusconi per motivazioni politiche innescherebbe un cortocircuito istituzionale. Si tratterebbe di un atto irregolare che ricadrebbe sul ministro che deve controfirmarlo e su tutto l'esecutivo Letta". Intervista al costituzionalista Andrea Pugiotto

Economia

Ue fuori dalla recessione. L’Italia no

Antonio Sciotto

I 27 paesi dell’Unione dopo 7 trimestri segnano un +0,3%, noi siamo a -0,2%. E in un anno il Pil perde ben il 2%. Big performance del Portogallo: +1,1%. E nel mondo vanno forte Usa e Giappone

Non opponiamo il reddito al lavoro

Alfonso Gianni

Non è vero che è impossibile perseguire la piena occupazione, come i teorici del «mainstream» neoliberista vorrebbero farci credere. E una sinistra moderna non può non essere fondata sul lavoro. Quello che è in discussione è il ruolo dello Stato: solo un suo intervento pubblico diretto nell’economia potrebbe portare a scelte produttive alternative a quelle monetariste

Un negoziato a ostacoli

Emma Mancini

Livni ed Erekat si incontrano a Gerusalemme. Lo scoglio delle colonie. Tel Aviv scarcera 26 detenuti palestinesi condannati prima del ’93. Poi bombarda Gaza per il lancio di un missile

Cultura

In Europa non siamo tutti berlinesi

Marco Bascetta

Riduzione soft del welfare state, lavoro flessibile e austerità. Così la Germania ha vinto la sfida della globalizzazione e vuol imporre il suo modello agli altri paesi. Qualche ipotesi sulla crisi a partire dal volume di Angelo Bolaffi «Cuore tedesco»

Caccia grossa contro il libero accesso

Carola Frediani

Resi pubblici i materiali della polizia federale su Aaron Swartz, l’attivista che si era tolto la vita dopo le accuse di sottrazione di documenti e violazione dei computer del Mit. Emerge che l'Fbi era interessata a controllare l'attività del giovane e il complice silenzio della presigiosa università sull'operato della polizia federale

La combattente in nome del genere

Mauro Trotta

«Regina nera. La giustizia di Mila» di Matteo Strukul per e/o edizioni. Una seconda storia pulp per la "guerriera" in lotta contro le secolari violenze sulle donne

L'Ultima

La ragazza del mare

Gianluca Diana

Serena Carpentieri dal 2006 è sulla Goletta Verde e da allora non ne è praticamente più scesa