closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp

Edizione del 15.06.2019

«Il lavoro torni al centro». In decine di migliaia allo sciopero nazionale dei metalmeccanici. Cortei a Milano, Firenze e Napoli. La rabbia delle tute blu deluse dalle promesse del governo gialloverde. Nel capoluogo partenopeo gli operai della Whirlpool guidano la protesta

“La sicurezza che ci serve è quella sul lavoro”

Riccardo Chiari

Almeno 15mila metalmeccanici attraversano il centro di Firenze, nel corteo che unisce le tute blu toscane, liguri, umbre, marchigiane ed emiliano romagnole. "Il sistema dei subappalti, fra le tante, condiziona in negativo la sicurezza e peggiora l'ambiente di lavoro. Ma anche questo governo va avanti a destrutturare i sistemi produttivi".

Risiko procure

Lotti si autosospende, Zingaretti ringrazia. Renziani in rivolta

Daniela Preziosi

L’ex ministro si arrende ma avvisa: fa quasi sorridere che la richiesta di dimissioni arrivi da un senatore di lungo corso già coinvolto in una celebre seduta spiritica in pagine buie della storia del Paese. Le minoranze accusano: è un’epurazione. Il leader: riforma del Csm, ma la magistratura resti indipendente

Commenti

Riprendiamo la voce, ce lo chiede la Costituzione

Filippo Miraglia

Le organizzazioni sociali possono e devono fare la loro parte oggi, subito, per contribuire a modificare l’agenda culturale e politica di questo Paese e costruire le condizioni affinché le ragioni del diritto, dei diritti, siano presenti nello spazio pubblico

Piano industriale e assunzioni o Roma sarà la Capitale dei rifiuti

Natale Di Cola*

Non raramente Ama si è trovata in situazione di grave ristrettezza, al limite dell’incapacità di pagare gli stipendi, e la mancata approvazione del bilancio consuntivo 2017 – e ormai anche di quello 2018 – non hanno fatto che peggiorare questo equilibrio precario

Cultura

Elaine Castillo: la mia California dalla faccia scura

Guido Caldiron

Parla la scrittrice che sarà martedi 18 a Roma per il Festival Letterature che si svolge presso la Basilica di Massenzio. Nel suo romanzo "L’America non è casa" (pubblicato da Solferino) racconta, attraverso tre generazioni di donne filippine, come è cambiata la società americana e le comunità immigrate. «Sono cresciuta a Milpitas, nella Bay Area, dove il 60% degli abitanti non è bianco e parla una lingua diversa dall’inglese»

La fine del secolo socialdemocratico

Jacopo Rosatelli

A dieci anni dalla morte, una riflessione sulla figura del sociologo liberale Ralf Dahrendorf che piaceva tanto a Occhetto. La fortuna del pensatore anglo-tedesco presso il gruppo dirigente della Bolognina resta un fenomeno legato alla congiuntura dell’89

Visioni

Peter Whitehead, poesia cinema e rivoluzione

Nicole Brenez

Con la morte dell’artista inglese se ne va un pezzo della controcultura, la sua parte più libera e radicale. Figura culto del doc dei ’60, ha filmato Ginsberg, Ferlinghetti, Jagger, Pink Floyd e Rudd

L’ultimo Nekrosius «neorealista»

Gianfranco Capitta

Ad aprire la nuova edizione di Napoli Teatro Festival un omaggio con mostre e proiezioni al regista lituano scomparso. Presentato anche «Zinc», suo testamento artistico. Enzo Moscato propone «La ronda degli ammoniti»

Tool, il ritorno dei giganti

Roberto Peciola

Alla Visarno Arena, per la prima giornata del festival Firenze Rocks, la band di Maynard Keenan ha entusiasmato 45mila fan con un concerto incendiario, a tredici anni dalla loro ultima apparizione in Italia. Prima di loro, tra gli altri, Dream Theater e gli Smashing Pumpkins

La famiglia di Fort Apache

Ester de Miro

Valentina Esposito raccoglie e mette in scena gli eterni fantasmi di una famiglia alla deriva

Materre, la poesia tra i Sassi

Michele Fumagallo

Il poeta Domenico Brancale elabora la voce della natura. Un progetto a più voci che sarà presentato ad agosto

Lo zen a Rebibbia

Damiano Tavoliere

Dal braccio della morte di San Quintino ai detenuti del carcere romano: la compassione di un monaco buddista

La poetica di uno scatto

Manuela De Leonardis

«Questo non è un catalogo, un elenco, le nostre immagini sono una serie che si compone e scompone»