closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp

Edizione del 15.06.2013

Lo stato sociale va a rotoli. Presentato il decimo Rapporto su welfare, sanità, pensioni, lavoro e condizione femminile. Sotto accusa le politiche di austerità e le riforme del governo Monti. E il vertice europeo di Roma sulla disoccupazione si chiude con un flop

Genova 2001

Bolzaneto, 7 colpevoli e tortura «prescritta»

Marina della Croce

La Cassazione conferma il verdetto della Corte d’Appello, ma in 4 sono assolti. Il massimo della pena è 3 anni e 2 mesi, ma nessuno andrà in carcere. Risarcimenti per le vittime da rivalutare in sede civile. Pagherà lo Stato. Che non ha ancora chiesto scusa.

Politica

Il referendum che non vogliono

A. Fab.

Governo in allarme per il suo disegno di legge costituzionale che deroga alle procedure dell'articolo 138. Il ministro Quagliariello avverte: se non raggiungerà il quorum dei due terzi verrà meno il patto politico

Il nostro orizzonte resta la democrazia costituzionale

Gaetano Azzariti

Avanza un dirompente processo costituente non sottoposto al alcun ordine costituito. E se siamo giunti a questo punto è anche perché in troppi, anche a sinistra, si sono fatti pendere da pulsioni costituenti, perdendo il senso della storia e delle proporzioni

Lavoro

Come ti distruggo il Welfare

Roberto Ciccarelli

Presentato a Roma il rapporto sullo stato sociale. Barca difende l’operato del suo governo: «Non ha fatto danni». Camusso (Cgil) insorge, mentre Fassina attacca Giovannini sul lavoro

Europa

Il parco Gezi è salvo. Per ora

Alberto Tetta

Erdogan incontra i manifestanti e fa una mezza marcia indietro: sospesa la demolizione. Piazza Taksim incassa la prima vittoria ma non si fida: la protesta non smobilita

Audiovisivo: la Francia tiene duro

Anna Maria Merlo

Braccio di ferro al Consiglio europeo di Lussemburgo dei ministri del commercio. La Francia vuole escludere dal negoziato con Washington i servizi culturali. Pressioni di Bruxelles e della Germania. Malumore di Washington

MOHAMMED ASSAF

Il sogno della Palestina canta su «Arab Idol»

Michele Giorgio

Mohammed Assaf ha 23 anni e vive a Gaza. Rischia di vincere uno dei «talent show» più popolari del Medio Oriente. Nelle sue canzoni la «questione palestinese» trova una nuova voce. Che influenza i giovani e può cambiare la politica

Letteratura, grado zero

Sonia Gentili

Ha senso oggi parlare del "gene" della letterarietà? Dove si intrecciano e dove si separano, nel linguaggio, rappresentazione e realtà?

ALIAS

Le bacchettate di Biko junior

Rita Plantera

Parla Hlumelo, figlio di Steve, imprenditore che accusa il suo paese e lamenta l'emergenza più grave, quella dell'istruzione