closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp

Edizione del 15.05.2015

La contestata riforma della scuola è entrata ufficialmente alla camera per la discussione. Il governo vuole approvarla entro mercoledì, ma i sindacati al completo non demordono e lanciano un appello ai parlamentari: «Venite in piazza a sentire le nostre ragioni». L’appuntamento è per oggi pomeriggio in piazza del Pantheon. Intanto il Garante per gli scioperi avverte i docenti: «Niente blocco degli scrutini o vi precetto»

Scuola

Blocco degli scrutini, docenti pre-avvisati

Roberto Ciccarelli

Pre-annuncio di precettazione per i docenti contro il blocco degli scrutini da parte del garante sugli scioperi. Bernocchi (Cobas): «Pretestuoso. La precettazione la può fare solo il prefetto. E' perfettamente lecito scioperare per due giorni consecutivi, poi ci sono sanzioni pecuniare, non precettazioni». Alle 16,30 al Pantheon a Roma grande assemblea dei sindacati. L’appello rivolto ai parlamentari: «Venite in piazza con noi e manifestiamo insieme»

Caro Renzi, ecco perché respingo la sua lettera

Valerio Cuccaroni

Valerio Cuccaroni, insegna lettere ad Ancora.Insieme a centinaia di migliaia di colleghi ha ricevuto una mail da Renzi sulla sua "Buona Scuola". Ecco cosa ha risposto, punto, su punto allo spot di governo.

Giorgio Israel: «L’errore di Renzi sulla scuola: non ha capito la trasversalità dell’opposizione»

Roberto Ciccarelli

Lo storico della scienza e matematico critica lo storytelling messo a punto dal governo sul Ddl scuola. «Il preside-manager viene istituito per una ragione di controllo politico-ideologico e per creare un ceto di dirigenti che faccia da cinghia di trasmissione con i precetti del Miur». «La scuola forma persone libere, non individui confezionati da un’ideologia tecnocratica»

Politica

Fassina: c’è tanto Pd ormai già fuori dal Pd

Andrea Fabozzi

L'esponente della minoranza del partito: il percorso dell’opposizione interna l’ho fatto tutto, la battaglia sulla scuola è quella decisiva. Renzi svolge la funzione della destra merkeliana che l’Italia non ha. Serve una sinistra innovativa, ma un nuovo gruppo in parlamento è l’esito di un percorso

NAPOLI

Fca, l’operaio che aspetta Renzi sulla gru

Adriana Pollice

L’uomo è stato licenziato dal sito Fiat di Nola per una protesta definita «macabra» dall’azienda. Il premier è atteso in città domani, ma non è certo che arrivi. Ci saranno anche precari e insegnanti contro la "buona scuola"

Economia

La banda ultra larga è in stand by

Federico Guerrini

L’Italia è fanalino di coda nella velocità di connessione a Internet.Il governo twitta però di stare sereni. Enel, Fastweb, Metroweb, Telecom e Fs sono in attesa di una scelta che non arriva

SBILANCIAMO L'EUROPA

I conti non tornano

Giulio Marcon

I contro-pilastri di una politica di sinistra contro le ricette liberiste di Renzi dovrebbero essere la difesa dei beni comuni e del patrimonio pubblico; un piano del lavoro fondato sulla dignità e i diritti delle persone; il ruolo degli investimenti pubblici; la difesa del welfare e dei diritti

Nakba, Israele contro i rifugiati ritornati di Kuf Bi’rem

Chiara Cruciati

A 67 anni dall'esilio di 800mila palestinesi dalle proprie terre, la lotta per il ritorno non si ferma. In Galilea un gruppo di rifugiati è tornato nel proprio villaggio, ancora target delle politiche di espulsione israeliane

Cultura

I diktat del web

Luca Illetterati

«Mobilitazione totale»: questo il titolo del volume che Maurizio Ferraris, autore del «Manifesto del nuovo realismo», discuterà oggi al Lingotto nella sua lectio magistralis

L’orda dei kamikaze cannibali

Giulia D'Agnolo Vallan

Ritorna l’epopea post atomica di «Mad Max». Il regista George Miller dimostra di sapersi muovere in questo universo crudo e distopico

Garrone: «Il bello del cinema popolare»

Giovanna Branca

Il regista e il cast presentano il film sulla Croisette. «Ci sono altre storie - sottolinea il regista - che avrei potuto raccontare. Magari in un altro film o in una serie tv...»

L'Ultima

Periscope, lo streaming della rivolta

Marina Catucci

Periscope è un’applicazione gratuita comprata da Twitter. Permette dirette video e interazione immediata. Baltimora e altri eventi avrebbero avuto una narrazione diversa, senza questa app «sul campo»