closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp

Edizione del 15.03.2015

«Siamo qui per unire tutti quelli che il governo ha diviso, non siamo un partito». Maurizio Landini lancia la coalizione sociale. Il 21 marzo a Bologna prima tappa in piazza con Libera, poi il 28 a Roma. Il Pd, scatenato, volta subito le spalle: «In Italia la sinistra siamo noi, non le urla televisive della Fiom»

Politica

Landini, la coalizione è servita

Antonio Sciotto

«Non siamo un partito, ma siamo qui per unire tutti quelli che il governo ha diviso». Il leader delle tute blu Cgil presenta il suo nuovo soggetto. All’incontro con movimenti e associazioni, ma senza politici né stampa, c’erano anche studenti, avvocati e partite Iva. Con i distinguo di Libera e l’attacco frontale da parte del Pd

Europa

Varoufakis lancia il piano Merkel

Jacopo Rosatelli

Il ministro delle finanze greco da Cernobbio propone un'alternativa al Quantitative easing di Draghi. La stampa tedesca lo attacca: è isolato, prossimo alle dimissioni. Da Atene la smentita

SI SLEGA LA LEGA

Tosi si candida in Veneto (e punta a Roma)

Sebastiano Canetta, Ernesto Milanesi

Dopo l’espulsione dalla Lega il sindaco di Verona annuncia la sua candidatura a governatore. E' appena partito ma già finisce nell'imbuto delle alleanze: «Sono l’anti-Renzi, ora in regione, poi penseremo al resto d’Italia». Salvini? «Mai visto trattare così le minoranze»

Reportage

Sì Tav alla sbarra

Mauro Ravarino

Si è aperto a Torino il processo del «tribunale dei popoli» alle grandi opere, in Valsusa e nel resto d’Europa. Livio Pepino ha rappresentato l’accusa, perorando i diritti dei cittadini

EXPOPE 2015

La «magica» misericordia del papa

Luca Kocci

Tutti, o quasi, a destra e a «sinistra» conquistati dalla proposta a sorpresa di Francesco. Il tema prediletto da Bergoglio forse una via d’uscita dalla difficoltà delle riforme. E i cambiamenti annunciati: la Curia, le questioni della famiglia e delle coppie..?

GIUBILEO 2015

La «rivoluzione» di Francesco

Raniero La Valle

Con la misericordia vera, da fare nel mondo e non tra i fumi dell’incenso, il vescovo di Roma propone un altro paradigma di civiltà, che può diventare anche un progetto politico

Nel 2010 soldi Usa nelle casse di al Qaeda

Chiara Cruciati

Kabul pagò 5 milioni di dollari a Bin Laden per liberare un suo diplomatico e li attinse dal fondo segreto della Cia. Sotto i riflettori la strategia della Casa Bianca, incapace di controllare denaro e armi girati agli alleati

Cia: «Se cade Assad, in Siria sarà il caos».

Chiara Cruciati

Il direttore dell'intelligence Usa contro la strategia ufficiale di Obama, che intanto versa altri 70 milioni di dollari alle opposizioni moderate. In Iraq Baghdad libera Tikrit con l'Iran

Il Likud chiede il “voto utile” a coloni ed estrema destra

Michele Giorgio

Il partito del primo ministro Netanyahu, dato per sconfitto dai sondaggi, fa appello agli ultranazionalisti per vincere le legislative. In campo scende anche l'icona Benny Begin. Il leader di Casa Ebraica, il partito dei coloni, deve fare buon viso a cattivo gioco.

Palestinesi indifferenti, l’Anp molto meno

Michele Giorgio

Nei Territori occupati la popolazione non mostra alcun interesse per il voto del 17 marzo. I palestinesi non vedono alcuna differenza sostanziale tra Netanyahu e Herzog. L'Anp tace ma dietro le quinte tifa per il leader laburista

Lorca e Machado in attenuazione

Massimo Raffaeli

Rispetto a storici traduttori di Lorca e Machado come Bo e Macrì, cultori del Grande Stile, qui prevale un registro medio e la semplicità

Un oggetto narrativo di incerto statuto

Luca Briasco

«Nel mondo a venire»: un romanzo sospeso tra realtà e invenzione, che cerca un equilibrio, divaga, ondeggia fra diverse trame, mentre il tempo sbanda dal prima al poi

A Berlino, tendenze e agoni dei russi moderni

Valentina Parisi

La mostra sottolinea la competizione tra costruttivisti, razionalisti e classicisti all’interno dell’«Atelier superiore d’Arte e Tecnica» fondato da Lenin nel 1920