closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp

Edizione del 14.04.2017

La madre di tutte le bombe: la GBU-43, undici tonnellate di esplosivo, il più grande ordigno mai usato in guerra, è stata sganciata da Trump in Afghanistan alla vigilia della conferenza di pace in Russia. Contro l’Isis e contro Mosca

Lavoro

La lunga notte di Alitalia

Riccardo Chiari

Trattativa nella notte con tre ministri al Mise, e Gentiloni al telefono, per mediare fra l'azienda, privata, e i sindacati che provano a resistere. Effetto diretto del non-piano industriale, di fronte al quale anche le banche azioniste pensano a un possibile disimpegno

«Ho voluto ritrarre gli sfruttati invisibili»

Antonio Sciotto

La stampa sperimentale, il significato "politico" delle ricevute che sbiadiscono, la compagna archeologa precaria: così l'artista spiega come sono nati i mosaici degli "scontrinisti" della Biblioteca nazionale di Roma

Internazionale

Vik, amico sincero e appassionato di Gaza

Michele Giorgio

Con una cerimonia al porto di Gaza domani centinaia di palestinesi ricorderanno l'attivista italiano assassinato sei anni fa. Intervista a Khalil Shahin, vice direttore del Centro per i diritti umani e amico di Vik

Il ruggito d’oro della leonessa Schneemann

Arianna Di Genova

Il premio alla carriera va alla body performer americana che ha sempre lavorato sulle questioni di genere e sulla sessualità. Fra le sue azioni più celebri, il rito orgiastico «Meat Joy»

Visioni

A Cannes 70 le storie di guerra

Giovanna Branca

Nessun titolo italiano in concorso, ma al Certain Regard passano il nuovo film di Sergio Castellitto «Fortunata» e «Après la guerre» dell'esordiente Annarita Zambrano

Forever young

Andrea Penna

Alla IUC il concerto di Canino e Ballista, insieme al pianoforte da sessant’anni, mentre a Santa Cecilia di scena il giovanissimo e virtuoso percussionista Simone Rubino

Addio Toshio Matsumoto, la libertà del cinema

Matteo Boscarol

Morto a 81 anni il regista giapponese. Ha animato e alimentato il dibattito culturale nel dopoguerra. Nel 1968 con «Funeral Parade for Roses», ribalta struttura e forma del documentario