closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp

Edizione del 13.07.2016

Almeno 25 morti e decine di feriti gravi: è il bilancio provvisorio del terribile scontro frontale tra due treni sul binario unico Adria-Corato. La tragedia che ha sconvolto la Puglia forse causata da «errore umano». Sott’accusa il sistema di comunicazione telefonico. La procura indaga per omicidio colposo plurimo. Difficoltà nei soccorsi. Sos sangue negli ospedali. Renzi sul luogo del disastro

Italia

Bari, scontro sul binario, è l’apocalisse

Gianmario Leone

Schianto fra due treni sulla Bari-Barletta. Il bilancio per ora è di 25 morti e oltre 50 feriti. Per i pm è omicidio colposo e disastro ferroviario a carico di ignoti La ferrovia stava per essere raddoppiata

Editoriale

Affari e abbandono, dai tempi dei Piemontesi

Pino Aprile

Ancora oggi, un secolo e mezzo dopo, manca il collegamento fra le due più grandi città del Mezzogiorno continentale, con enormi danni economici, perdite di tempo: provate a immaginare se non ci fosse linea diretta fra Milano e Torino

Italia

I treni con più di 20 anni non li fermano. Li mandano al Sud

Gianluca Coviello

A Nord si investono miliardi in Alta Velocità, da Roma in giù si taglia. I veri tagli sono arrivati con il governo Berlusconi che 2010 ridusse le risorse del 50,7%. Da allora dilagano le società degli autobus. Uno dei convogli dell’incidente era del 2004, un lusso per gli standard concessi ai meridionali

Politica

Il cordoglio e le lacrime, in cerca di responsabili

Gilda Maussier

Mattarella: «Inammissibile tragedia». Renzi: «Dolore ma anche rabbia. Pretendiamo chiarezza, non ci fermeremo fino a quel momento». M5S: «Se causa è il blocco del "via libera telefonico" siamo davanti a un invito al disastro»

Renzi a Milano, la terra promessa

Luca Fazio

Il premier ritrova l'ottimismo nell'unico capoluogo che alle scorse elezioni non gli ha dato un dispiacere. Promette di cancellare Equitalia, attacca Massimo D'Alema e incontra la nuova giunta al gran completo del sindaco Beppe Sala

FERMO

Fermo, il ritorno della zona grigia

Moni Ovadia

Gli abitanti della zona grigia si pretendono anche incolpevoli per definizione, essi non partecipano direttamente alle ingiustizie, ai soprusi o alle violenze, si limitano a permetterle e a contemplarle più o meno compiaciuti

Banche: trattative a Bruxelles, polemiche a Roma

Riccardo Chiari

Aspettando il bis di Atlante, vanno avanti le discussioni fra Ue e governo italiano per l'ok agli interventi sui crediti inesigibili. Ottimista Angela Merkel, mentre M5S e Fi attaccano Renzi e chiedono a Padoan di riferire in Parlamento. Dopo le rassicurazioni di Visco la borsa ci crede. E Bankitalia segnala: sofferenze lorde sempre a 200 miliardi, ma con tassi di crescita in diminuzione.

Commenti

Obama, troppe promesse non mantenute

Fabrizio Tonello

Oggi gli afroamericani continuano a essere discriminati, maltrattati e talvolta uccisi anche perché poveri e i poveri, si sa, sono esclusi dal gioco politico americano. Non stupisce, quindi, che Obama non sia riuscito a migliorare di un pollice la loro condizione, avendo scelto di essere un presidente centrista e rispettabile, sempre timoroso di essere accusato di parzialità a favore della comunità da cui proveniva

L’Aia favorisce le Filippine. L’ira di Pechino

Simone Pieranni

Le Filippine hanno definito una «pietra miliare» la decisione della Corte dell'Aia; la sentenza, come affermato dal ministro degli esteri Perfecto Yasay, verrà ora esaminata dagli esperti per valutarne le conseguenze. «Nel frattempo -dichiara il ministro- chiediamo alle parti coinvolte di esercitare moderazione e sobrietà»

Cultura

Il teologo dei tempi migliori

Benedetto Vecchi

È una testimonianza a difesa dell’«idea comunista» il filo rosso che unisce «Il nostro male viene da lontano» (Einaudi), «Alla ricerca del reale perduto» (Mimesis) e «Lacan» (Orthotes). Dalla strage al Bataclan compiuta da giovani banlieusard alla passione per il reale in tre libri del filosofo francese

Una fatale sete di potere

Francesca Giommi

«Neighbours. Storia di un delitto» della scrittrice mozambicana Lilia Momplé, uscito per Fila 37. Destini individuali e complotti omicidi in un'Africa che ancora sconta i retaggi della dominazione portoghese

Incerti fra deserto e formicaio

Gianpaolo Cherchi

«Allarme demografico. Sovrappopolazione e spopolamento dal XVII al XXI secolo» di Scipione Guarracino per Il Saggiatore

Il basket degli dèi

Giacomo Giossi

Il libro di Simone Marcuzzi «Ventiquattro secondi. Storia autobiografica di Vittoriano Cicuttini», per 66thand2nd. L'avventura di un italiano nell'Nba

Steve Lehman e gli spettri del jazz

Luigi Onori

L’ottetto dell’alto sassofonista e compositore nell’anfiteatro romano, un concerto nell'ambito della manifestazione Along Came Jazz

L'Ultima

Il sogno di Abdul Sattar Edhi

Emanuele Giordana

Filantropo, musulmano, socialista. Schivo e poco incline alla pubblicità. Chi era l’ottuagenario pachistano che voleva trasformare l’inferno di Karachi in una speranza per gli ammalati poveri. Funerali di Stato e una folla immensa in preghiera alle sue esequie. Ma c’era chi lo odiava: le madrase estremiste e le cliniche private. L’ingresso negli Stati uniti gli costò otto ore di interrogatorio e Israele gli negò il permesso di entrare nella Striscia di Gaza

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.