closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp

Edizione del 13.03.2014

10 miliardi per diminuire l’Irpef a 10 milioni di lavoratori dipendenti, con la promessa di 80 euro in busta paga da maggio. Il miracolo di Renzi è affidato alle forbici di Cottarelli (che però di miliardi ne ha solo 3). In una sala stampa gremita il presidente del consiglio annuncia la «svolta buona» e si prepara alla campagna elettorale. Dal cilindro spunta il decreto per allungare la flessibilità da 1 a 3 anni. E nessun taglio agli F35

Politica

JobsAct, mille euro per il voto

Antonio Sciotto

Il premier lancia il suo progetto di riforme: «È un’operazione storica». Sgravi sui salari già da maggio, sotto le elezioni europee. Non è chiaro come verranno reperiti i 10 miliardi necessari. Tassa sulle rendite finanziarie: dal 20 al 26% per tagliare l’Irap alle imprese

Renzi e le promesse mancate sull’occupazione

Giuseppe Allegri

Ci sono voluti tre mesi di promesse, slogan, tweet perché Matteo Renzi arrivasse finalmente a dire che il suo fantomatico JobsAct è rinviato a data da destinarsi. Perché ammettere che la tanto urgente riforma degli ammortizzatori sociali sarà contenuta in un disegno di legge delega e in un successivo decreto delegato del governo è come fare un tuffo nel vuoto

VIAGGIO IN ITALIA

Bologna che ha perso la memoria

Franco Farinelli

Fino all’inizio della seconda metà degli Settanta, urbs e civitas erano tenute insieme. Ma il silenzio istituzionale sui fatti del ’77 e la tempestiva riconversione privatistica della gestione pubblica hanno portato alla crisi della coincidenza tra pratica politica e sentimento civico

G7, Obama, Hollande: “annessione della Crimea illegale”

Anna Maria Merlo

Frenesia diplomatica a pochi giorni dal referendum in Crimea. Iatseniuk negli Usa, deve anche l'Fmi. Oggi la crisi di nuovo al Consiglio di sicurezza dell'Onu. La Ue stanzia per Kiev un miliardo di euro in più, oltre gli 11 già promessi

Internazionale

La Knesset impone la divisa agli ultraortodossi

Michele Giorgio

Una nuova legge costringerà gradualmente gli ebrei "timorati" a fare il servizio militare. Esultano la destra ultranazionalista e il partito laicista Yesh Atid. Intanto ieri sera si temeva un duro attacco israeliano contro Gaza dopo il lancio di razzi da parte del Jihad Islami

Venezuela: dalle guarimbas agli omicidi mirati

Geraldina Colotti

Mentre una parte dell’opposizione ha accettato la mano tesa di Maduro e le sessioni di dialogo che si stanno svolgendo in diverse parti del paese, i sindaci più barricaderi hanno costituito un’associazione per coordinare proteste e iniziative

Cultura

Il terrorismo della virtù

Marco Bascetta

Autore di tre voluminosi pamphlet, Thilo Sarrazin si propone di demolire «il politicamente corretto». Niente di nuovo, ma l’autore però è un dirigente della Spd, che si scaglia contro il «delirio dell’egualitarismo» dovuto alla presenza degli immigrati e l’Unione europea. Tace, però, il fatto che tra le sue posizioni e le scelte economiche della Troika non ci sono tante differenze. E che il dispositivo linguistico che attacca è lo stesso che viene usato per legittimare e prevenire le critiche verso le scelte neoliberiste del governo di Berlino e dell’Union europea

Partiture poetiche

Massimo Raffaeli

«Nevica sulla mia mano». L'incontro e la speciale collaborazione del musicista Dalla con il poeta Roversi, in un lussuoso cofanetto della Sony Music, con tre album storici, un volume di documenti, manoscritti, canzoni inedite

Costanza e i pregiudizi di genere

Marina Montesano

L'avventura dei popoli del nord nel libro «I normanni» di Hubert Houben e «Regine per caso» di Cesarina Casanova, dove si indagano alcune figure di donne al trono dal Medioevo all'età moderna

Visioni

Omicidio a Fruit Vale Station

Giulia D'Agnolo Vallan

Assassinio a sfondo razziale avvenuto durante il Capodanno 2009 del ventiduenne Oscar Grant, da parte della polizia. Premiato al Sundance 2013

Cosa non si fa a scuola

Giuseppe Caliceti

«Anche se ti scappa forte la pipì, non si può andare in bagno senza prima chiedere il permesso alle maestre»