closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp

Edizione del 12.11.2019

In Bolivia anche l’esercito e i sindacati abbandonano il presidente Morales, che si dimette per evitare la guerra civile. Un colpo di stato vecchio stile fa calare il sipario sul primo governo indigeno nella storia del paese. Ma l’odio e le violenze non si fermano

Commenti

Ilva, fine del modello «produzione a tutti i costi»

Antonella De Palma

L’Ilva-Italsider-Ilva-Arcelor Mittal di Taranto, nata quasi sessant’anni fa come fabbrica all’avanguardia, con le migliori tecnologie allora disponibili, ha continuato a usare lo stesso ciclo produttivo fino ad oggi, incurante delle trasformazioni avvenute e ampiamente in uso nel resto del mondo

Lavoro

Ex Embraco, operai in corteo funebre

red. eco.

«Manca l’ad», la scusa della Ventures il cui piano per produrre biciclette elettriche e robot per la pulizia di pannelli solari è fermo. La solidarietà del sindaco Appendino

Economia

Manovra, ora c’è il rischio di dissesto per i comuni

Mario Pierro

La denuncia dei sindaci dell’Anci. La plastic e la sugar tax saranno riviste. E anche le norme sulla tasse per le auto aziendali. I sindacati: «Poche risorse per il cuneo fiscale, gli ammortizzatori sociali e le pensioni». Sabato 16 a Roma i pensionati Spi Cgil, Fnp Cisl e Uilp in piazza contro il governo

Lavoro

Scatta il bonus alle aziende. E lo chiamano ancora «reddito di cittadinanza»

Roberto Ciccarelli

Inps: previsto l’esonero sui contributi per chi assume i beneficiari del sussidio in cambio di lavoro gratuito e obbligo alla mobilità sul territorio nazionale. Il governo: «Questa è una politica attiva del lavoro». E si ricorda che c'è anche il carcere con pene gravi e sproporzionate. Lo strano caso di un "reddito di cittadinanza" attaccato da tutti per le ragioni sbagliate: a che punto siamo di una commedia degli equivoci sulle spalle di poveri e disoccupati

La Comunità Autonoma di Madrid si tinge di verde

Lorenzo Pasqualini

Nella capitale si conferma il Partito popolare, soprattutto nei quartieri del nord, ma Vox cresce arrivando a essere primo partito in alcune zone, come nel distretto di Fuencarral-El Pardo, e in ben 62 comuni della regione

Commenti

Sánchez ha fatto male i calcoli

Loris Caruso

I socialisti si trovano ora in un Parlamento quasi identico al precedente, ma con l’estrema destra di Vox al posto di Ciudadanos, che ha subito un tracollo forse definitivo. Nel progetto del leader del Psoe, Unidas Podemos doveva scomparire. Così non è stato: continua l’emorragia di voti ma i viola sono ancora lì

Messico, governo concorde nel condannare il golpe in Bolivia

Andrea Cegna

Andres Manuel Lopez Obrador non ha solo parlato di golpe ma ha anche con forza intimato che l'Organizzazione degli Stati Americani non resti in silenzio e prenda una posizione a differenza di quanto fatto domenica dopo aver sentenziato l'irregolarità delle elezioni del 20 ottobre

MISSIONI DI GUERRA

L’Isis rivendica l’ordigno di Kirkuk. E fa strage in Siria

Chiara Cruciati

Daesh c’è ancora: feriti cinque soldati italiani, uccisi sette civili e un prete a Qamishlo. Il contingente italiano conta in Iraq un massimo di 1.100 unità, dubbi sul ruolo dei reparti speciali. I carabinieri addestrano la polizia, 30mila agenti dal 2015 a oggi «a presidio della legalità». Ovvero i reparti anti-sommossa che stanno reprimendo le proteste popolari

Internazionale

Italia, la missione (segreta) in Iraq non si tocca

Domenico Cirillo

«Bisogna insistere», dicono i vertici politici e militari convocati da Mattarella. «Garantire la nostra presenza nelle principali aree di instabilità» contro il terrorismo. E di fronte allle minacce «indeterminate» ci vuole «certezza nelle risorse»: maggiori investimenti per la difesa

Internazionale

Siria, muore il finanziatore dei Caschi bianchi

Red. Esteri

Trovato senza vita a Istanbul James Le Mesurier, fondatore del gruppo Mayday Rescue, il principale sostenitori dei Caschi bianchi siriani, la controversa protezione civile accusata di legami con i gruppi qaedisti e jihadisti attivi in Siria

La memoria di Arafat è viva ma non cessa il declino di Fatah

Michele Giorgio

Commemorazioni per il leader scomparso 15 anni fa si sono svolte ovunque in Cisgiordania. A Gaza Hamas le ha vietate. Fatah, il movimento politico guidato per decenni da Arafat, resta in crisi. Abu Mazen, 84 anni, viene ancora indicato come "unico leader"

Alain Touraine e la sfida necessaria della modernità

Riccardo Mazzeo

Parla il sociologo francese: «Pur nelle loro irriducibili differenze le ideologie del ’900 facevano leva su un’idea del noi. Ora il rifiuto dell’universalismo passa per il vocabolario dell’identità»

Visioni

Jim Starlin, un guastatore fra i supereroi

Andrea Voglino

Dalla Marvel a DC Comics, l’irresistibile carriera del disegnatore e sceneggiatore americano. «Eravamo tutti in uno stanzone, un manipolo di giovani leoni della Nona arte più Stan Lee: era proprio una combinazione esplosiva, più forte di ogni soggezione

L'Ultima

Campo da basket senza confini

Chiara Cruciati

Dalla squadra femminile di pallacanestro di Shatila, casa per migliaia di rifugiati palestinesi, e dagli All Reds romani è partita una rete di sport popolare. Contro le frontiere fisiche e mentali: «Basket Beats Bordersdà alle ragazze palestinesi l’occasione per uscire. Perché uscendo cambia l’orizzonte che qui a Beirut è quello limitato del campo»

1989-2019 Trent'anni di passione

L’esplosione delle nuove destre e i muri della sinistra

Norma Rangeri

Dalla caduta del muro di Berlino al muro dell’Umbria che stava in piedi da sempre, ridotto in macerie con il trionfo della destra italiana. Naturalmente si parla di Terni, degli operai che dopo tante lotte perdono la speranza di un miglioramento collettivo e cercano una strada individuale, un altro modo di cavarsela perché la risposta neoliberista ha modificato il modo di pensare, il senso comune, i rapporti tra le persone

«Quando il segretario mi disse che ero matto»

Guido Moltedo

Mario Giachini, amico e compagno della vigilanza che andò con Occhetto alla Bolognina: «Un giorno mi fece fermare la macchina e mi chiese: ’Ma tu non hai nessun dubbio?’»