closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp

Edizione del 12.09.2017

Crescono le diseguaglianze tra ricchi e poveri, abbandoni sopra la media Ue. È iniziato l’anno scolastico per otto milioni di studenti: quelli delle superiori saranno istruiti al precariato con l’«alternanza scuola-lavoro». E gli stipendi degli insegnanti restano al palo

Le stellette al “papa buono”

Luca Kocci

Accordo tra il Vaticano e l'Italia: Giovanni XXIII, autore dell'enciclica "Pacem in terris", sarà il patrono dell'esercito. Protesta il vescovo di Altamura, presidente di Pax Christi

Scuola

Otto milioni di studenti tornano tra i banchi di una scuola di classe

Roberto Ciccarelli

Istituti riaperti in sei regioni, entro venerdì in tutte le altre. Meno 100 mila iscritti in tre anni, 774mila tra dieci. Ma restano le «classi pollaio». 234 mila alunni disabili. È record. Un terzo dei docenti di sostegno è precario. Flc-Piemonte: 12 mila euro in media, tanto lo Stato ha espropriato in sette anni di blocco dei contratti agli insegnanti, i meno pagati d’Europa. Crescono le diseguaglianze: abbandona il 58,1% dei figli di chi ha la terza media. Con genitori laureati il tasso si riduce al 13,2%. Da quest'anno «McJobs» obbligatori per tutti con l’«alternanza Scuola-Lavoro»

Editoriale

Questioni irrisolte, occasioni mancate

Alba Sasso

Un Paese che non fa del sistema del sapere il cuore della sua crescita, che non punta sulle intelligenze e sui talenti dei suoi giovani è un Paese che rischia di rimanere fermo, se non di tornare indietro. E questo è il tema che dovrebbe trovar posto nell’agenda politica italiana. Altro che numero chiuso

Commenti

Sinistra spaccata, la sindaca Colau tra due fuochi

Luca Tancredi Barone

L'alcaldesa vuole facilitare la partecipazione dei cittadini alla «mobilitazione», ma non mettere in pericolo i funzionari e l’istituzione viste le decisioni del Tribunale costituzionale. Per Podemos la consultazione è giusta, ma questa non è valida

Cultura

Lo stress per il dominio del mondo

Teresa Numerico

L'antropologo sociale norvegese Thomas Hylland Eriksen sarà ospite a Pordenonelegge con il suo ultimo libro «Fuori controllo», edito da Einaudi. «Nonostante tutto, fake news, teorie complottiste e ideologie retrogade, le persone ormai sono consapevoli di vivere in un pianeta condiviso»