closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp

Edizione del 12.05.2019

Dai tre a quattro milioni di euro. È la multa che dovrebbero pagare le ong che hanno salvato la vita di 873 migranti dall’inizio dell’anno se il decreto Salvini bis fosse in vigore. Norme incivili che riaccendono lo scontro con i 5 Stelle. Ma anche il Colle potrebbe opporsi

Italia

Zanotelli: tante minacce e nessuna soluzione

Adriana Pollice

Sgombero all’alba senza preavviso e senza offrire alternative. Sulla linea della Lega, i comuni cacciano i rom perché lascino l’Italia. C’è un livello di razzismo che mi terrorizza

Ligia e Daniel Tomescu, i candidati rom di «Bari Bene Comune»

Giansandro Merli

Alle elezioni amministrative del 26 maggio nel capoluogo pugliese si presentano i due coniugi protagonisti delle lotte per i diritti. Li abbiamo incontrati: «Dobbiamo affermare il diritto di ogni cittadino che si trova in Italia ad avere alloggio, lavoro e possibilità di mandare i figli a scuola. Sono tre cose che sogniamo per noi e per tutti»

Omicidio Scieri, nuova autopsia in cerca di prove

Riccardo Chiari

Sarà riesumato per una nuova autopsia il corpo di Emauele Scieri, l'allievo paracadutista di 26 anni trovato morto nella caserma Gamerra il 16 agosto 1999, dopo aver mancato il contrappello notturno del 13 agosto, nonostante che più di un testimone lo avesse visto pochi minuti prima all'interno della caserma della Folgore. Tre commilitoni indagati per omicidio volontario nell'inchiesta bis della procura di Pisa.

Commenti

Lo zero virgola qualcosa del Pil non dice nulla

Maurizio Gallegati

Che la misurazione del Pil sia poco affidabile lo si insegna presto, nel corso base di macroeconomia, ma evidentemente lo si dimentica ancor più velocemente. Per misurare il Pil attribuiamo il prezzo di ieri a beni di oggi che ieri magari non esistevano e valutiamo la produttività di un impiegato pubblico o di un insegnante in base al suo stipendio

Internazionale

Iran: «Trump usa fake intelligence per attaccarci»

Michele Giorgio

«Ci accusano le stesse persone che hanno fatto altrettanto prima dell'invasione Usa in Iraq», ha denunciato l'ambasciatore iraniano all'Onu riferendosi al consigliere per la sicurezza nazionale Usa John Bolton. Washington intanto invia nel Golfo anche una nave anfibia e una batteria di Patriot

Internazionale

Chi sono i naxaliti e perché vogliono boicottare le elezioni in India?

Daniela Bezzi

Conversazione con Alpa Shah, antropologa, scrittrice, considerata tra i massimi esperti di questa infinita guerriglia in India nel nome di Mao . Questa sera, 12 maggio, ore 21, alla Libreria Trebisonda di Torino ci sarà la presentazione del suo ultimo libro “Marcia Notturna, Nel cuore della guerriglia rivoluzionaria indiana”, Ed Meltemi

Cultura

La voracità degli infelici

Alessandra Pigliaru

Un’intervista con lo scrittore e giornalista di «Vita su un pianeta nervoso», pubblicato da e/o. «In un contesto sociale così mutato, alla sovrabbondanza di stimoli non corrisponde una tenuta di benessere per ciascuno di noi». Oggi al Lingotto

Visioni

Il valzer delle panchine

Nicola Sellitti

Ci si avvia al finale di stagione con una grande certezza: molti saranno i club della massima serie che cambieranno allenatore

Nel raffinato Mare Nostrum

Luigi Onori

Il ritorno nell'Aula Magna della Sapienza del supergruppo jazz formato da Paolo Fresu, Richard Galliano e Jan Lundgren

La paura del corpo intersessuale

Silvia Nugara

Tra i film in programma al festival bergamasco Orlando, «Ni d’Ève, ni d’Adam. Une histoire intersexe» di Floriane Devigne. Storie e difficili realtà di chi nasce con un apparato genitale non binario

REPORTAGE

Riabilitati in nome del Profeta

Margaux Benn

A Djalalabad, in Afghanistan, i ragazzi reclutati dall’Is vivono all’interno di riformatori dove insegnanti provano a «combattere l’indottrinamento attraverso la religione»

Exit love fra ex pugile e documentarista

Silvia Albertazzi

Doveva essere un «fictional bridge» tra le apparentemente irriconciliabili fazioni del «leave» e del «remain», in realtà è un romanzo riuscito nel dare voce ai lavoratori: «Il taglio»

Leo Spitzer, detective sul fronte dell’appetito

Corrado Bologna

Sgramaticata e geniale, la lingua che i prigionieri italiani della Grande guerra inventano per mascherare la durezza del bisogno: «Perifrasi del concetto di fame», dal Saggiatore

Van Gogh e gli inglesi

Giacomo Dini

Da Millais van Gogh trasse un certo sguardo autunnale, su Bacon pesò con il suo cupo anticonformismo... La mostra è un’antologia di influssi reciproci, a partire dal soggiorno di van Gogh giovane a Londra

Hockney, lo Yorkshire sotto il sole di Arles

Davide Dall'Ombra

L’intenso omaggio dell'artista inglese al pittore di Zundert, modello nella ricerca della campitura cromatica pura e abbacinante. Ma mentre in Vincent van Gogh il colore si associa a una vertigine drammatica, in Hockney è fonte di una felicità a pieni polmoni, ancora di più in vecchiaia

Sinceramente crudele

Paolo Simonetti

Nato a Spring Valley da genitori ghanesi, Nana Kwame Adjei-Brenyah esordisce con racconti incalzanti, che rispecchiano le distopie sociali statunitensi: «Friday Black, da Sur

Strand, ricordi familiari in scena

Massimo Natale

Una poesia continuamente tentata dalla prosa, sùbito segnata dall’urgenza di dire «io» parlando al contempo per tutti: la parabola dell’«americano» Mark Strand dagli anni sessanta a ieri

Il secondo Balla: tardivo o aurora della pop art?

Giorgio Villani

Una mostra sulla fase pittorica che parte dalla metà degli anni venti: ritenuta di restaurazione, secondo il curatore è piuttosto testimonianza di un'acuta sintonia con la cultura di massa, in particolare nel confronto con l'immagine fotografica (Luxardo, Ghergo)

Fabre, l’anatomopatologo

Mario Francesco Simeone

Fra il Museo di Capodimonte, il Pio Monte della Misericordia, il Madre e lo studio Trisorio, il belga Jan Fabre si mette alla prova con una vorticosa congerie di strumenti e linguaggi. Pugnali, teschi, cuori: ibridando la seduzione dell’alchimista col rigore dello scienziato, il barocco Fabre si affida questa volta al corallo, l’oro rosso

Artaud, ci vuole crudeltà per uscire dal cul-de-sac

Pasquale Di Palmo

Il teatro e il suo doppio di Antonin Artaud si leggeva nella storica edizione Einaudi Morteo-Neri. Dino Audino Editore pubblica ora una nuova versione: meno «elegante» ma più sensibile ai tic e ai grovigli dell’autore