closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp

Edizione del 12.04.2019

Julian Assange è stato arrestato nell’ambasciata dell’Ecuador a Londra e ora rischia l’estradizione negli Usa. Per i suoi legali è un «serio precedente per il giornalismo». Personaggio controverso, ma con WikiLeaks è riuscito a diffondere i segreti e a denunciare le atrocità dei potenti

ASSANGE

Sopravvissuto all’era dei social network

Benedetto Vecchi

Di strada ne ha dunque fatta molta Julian Assange da quando giovane attivista australiano, in nome del cypherpunk, faceva l’agit prop a favore dell’anonimato in Rete e contro lo strapotere di governi e imprese, sbarcando anche, agli inizi di questo millennio, al forum sociale di Porto Alegre, dove, da dietro un banchetto improvvisato, distribuiva i materiali della nascente Wikileaks

Scandalo Ina Papers, la vendetta di Moreno

Claudia Fanti

Appena due settimane fa Wikileaks aveva reso pubblici documenti da cui emergerebbe il ricorso del presidente dell'Ecuador e della sua famiglia a paradisi fiscali. La reazione di Rafael Correa che ad Assange riconobbe l'asilo: «Traditore, è un crimine contro l’umanità»

Commenti

Governi vigliacchi contro chi rivela i loro crimini

Daniele Archibugi

Occorre difendere Julian Assange per proteggere le nostre libertà. I giornalisti e gli editori mostrino coraggio e scioperino a difesa di un loro collega. Se avessero tenuto fede alla propria natura democratica, i governi lo avrebbe dovuto ricoprire di encomi perché il meccanismo da lui creato rende più facile individuare i reati di chi, incaricato di agire nell’interesse pubblico, opera contro i cittadini

Elly Schlein: «Non mi candido, alla sinistra serve una scelta unitaria»

Daniela Preziosi

L'europarlamentare uscente: non corro per le europee, avrei dovuto spaccare mondi che lavorano insieme. Ma il mio impegno per ricostruire raddoppia. Sosterrò alcuni candidati in liste anche diverse. I verdi hanno scelto di non parlare con la sinistra. Prodi mi ha chiesto: cosa vuoi fare? Abbiamo ragionato, lo ringrazio

Sorpresa: il Pd ascolta i sindacati

Massimo Franchi

Il nuovo progetto di legge di Nannicini prevede validità erga omnes dei contratti e rappresentatività. Riduzione di orario a parità di salario: Di Maio apre (con cautela) alla proposta Tridico

Consiglio europeo

Ubu Roi al Brexit

Anna Maria Merlo

Il Consiglio europeo propone alla Gran Bretagna un'estensione dell'articolo 50 fino al 31 ottobre. Prima di Halloween, Londra può' votare l'accordo, scegliere un no deal, restare nella Ue. Nervosismi tra i 27. Grottesco: se entro il 22 maggio non c'è una decisione a Westminster, i britannici dovranno organizzare le elezioni europee del 23-26 maggio (altro paradosso: la presenza di deputati Labour potrebbe favorire lo Spitzenkandidat socialdemocratico)

Pompeo in tour per aumentare la pressione contro Maduro

Claudia Fanti

Mike Pompeo ha iniziato ieri, fino al 15 aprile, una visita a quattro paesi latinoamericani - Cile, Paraguay, Perù e Colombia - per discutere proprio della questione venezuelana, mentre, con lo stesso obiettivo, il 9 aprile l'inviato speciale per il Venezuela Elliott Abrams si è recato in Spagna e Portogallo

«Tutto si aggiusta», almeno in dieci anni

Roberto Pietrobon

Travolta prima dalla crisi del 2008, con il sistema bancario in bancarotta e le successive politiche di austerity, poi dallo scandalo dei Panama papers, oggi l’isola ha ritrovato la sua strada: l’economia è ripartita e il tenore di vita continua ad essere tra i migliori al mondo. Grazie a un programma puntato su ambiente, welfare, infrastrutture, politiche fiscali e istruzione

«La prima coalizione è tra le deputate»

Roberto Pietrobon

Il governo islandese è femminista e porta avanti politiche di genere, ma «nonostante la nostra legge per la parità di retribuzione molto c’è ancora da fare per vederla realizzata realmente e non ci fermeremo fino a quando otterremo questo diritto», spiega Steinunn Þóra Árnadóttir

Obiettivo energia pulita, ora è al 70%

Roberto Pietrobon

Il governo islandese rivendica, con orgoglio, il suo cronoprogramma per rispettare l’accordo di Parigi sul clima. Dopo lo stop a nuove fonderie e la legge per la pesca sostenibile, occhi puntati sulle ricerche cinesi nel bacino artico

Tra i ghiacci, un popolo di grandi scrittori

Silvia Cosimini

Fino a qualche anno fa gli islandesi erano al primo posto al mondo per libri letti pro capite, ma ora il mercato è in recessione, nonostante il trend giallistico

Cultura

Tel Aviv e Gaza, lo stesso mare

Guido Caldiron

Intervista a Yishai Sarid, tra i protagonisti della nuova narrativa di Israele, autore de «Il Terzo Tempio» (Giuntina, 2018), «Il poeta di Gaza» e «Il mostro della memoria» (entrambi per e/o, rispettivamente 2012 e 2019). «Il personaggio di un mio libro, agente dello Shin Bet, manda all’aria la sua missione contro i terroristi in nome dell’amicizia con un vecchio palestinese. Solo se si ritroverà la via dell’incontro e dell'interazione umana si potrà riaprire la strada verso la pace che ora appare irraggiungibile»

L'Ultima

Emigrati, italiani, linciati

Giuseppe Galzerano

Una vicenda dimenticata della storia dell’emigrazione italiana negli Usa: 14 aprile 1891, strage di 11 immigrati nella capitale del jazz. Oggi, 128 anni dopo, le «scuse» del primo sindaco donna e afroamericana di New Orleans, la democratica LaToya Cantrell