closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp

Edizione del 12.02.2016

Il capo della Cei, Bagnasco, ruba la poltrona al presidente del senato Grasso e chiede il voto segreto per affossare il disegno di legge sulle Unioni civili. L’ingerenza del Vaticano arriva mentre lo scontro a palazzo Madama si infiamma e il Pd si divide. Così il testo Cirinnà rischia di saltare

Politica

La bolla Cei: serve il voto segreto

Andrea Colombo

Ddl Cirinnà, avviso di Bagnasco a Grasso. Il governo: decide il presidente dell’aula. Scontro al senato, insultato un senatore dem (e suo figlio). Ma il Pd non sa come uscirne fuori: il ’canguro’ farebbe saltare anche gli emendamenti dei cattolici. E quelli promettono guerra. Il rischio è che dopo il primo sì la legge sia tutta da rifare. Renzi tentato dallo stralcio della stepchild adoption

Trivelle, niente election day. Il governo teme il quorum

Serena Giannico

La consultazione si terrà il 17 aprile. Gli ambientalisti si appellano a Mattarella. Il comitato No Triv: «Uno schiaffo alla democrazia e alle casse dello stato: potevano essere risparmiati oltre 350 milioni»

Scuola

L’università verso lo sciopero generale

Adriana Pollice

L’iniziativa di protesta e proposta alla Federico II prima tappa di una mobilitazione ampia. Boicottaggi, convegni in tutti gli atenei, sit-in a Roma, nulla resterà intentato per impedire la morte della ricerca.

Tasse universitarie alle stelle, studenti padovani in rivolta

Ernesto Milanesi

La protesta invoca «Università libera e accessibile per tutti». Il nuovo rettore sbarra il portone d’ingresso al Bo, simbolo della libertà nell’Ateneo, e fa blindare da carabinieri e Digos ogni accesso. Lo scontro è anche su numero chiuso e quiz insulsi a Medicina

INCHIESTE

Etruria fallita, Boschi nei guai

Riccardo Chiari

Il tribunale fallimentare certifica l'insolvenza della vecchia Bpel. La procura aretina acquisisce la sentenza per indagare sulla bancarotta fraudolenta. Coinvolto fra gli altri Pier Luigi Boschi, padre della ministra delle riforme. I risparmiatori spennati pronti a costituirsi parte civile al futuro processo.

OPERAZIONE NAVALE

La Nato interviene nella crisi dei profughi

Anna Maria Merlo

Per la prima volta, l'Alleanza atlantica in primo piano su questo fronte. Decisione veloce, di fronte alla paralisi Ue. La Turchia domina la strategia sui migranti. La Russia evoca un possibile cessate il fuoco in Siria, dove ci sono ormai 470mila vittime

Commenti

Il capro espiatorio delle nostre crisi

Ignazio Masulli

Il fallimento delle strategie economiche e delle politiche neoliberiste è sotto gli occhi di tutti. La crisi e la recessione prolungata sono i sintomi più evidenti. La forte e crescente concentrazione tecnico-produttiva e finanziaria ha finito con il frenare e, tendenzialmente, arrestare l’allargamento delle basi produttive. Sennonché tale allargamento costituisce una dinamica vitale per lo sviluppo capitalistico

Nuovo governo: Hollande seduce i Verdi

Anna Maria Merlo

La segretaria di Europa Ecologia, Emmanuelle Cosse, entra nel governo (e si dimette dalla carica di partito). Nominati anche due dissidenti verdi, seduzione per far esplodere la galassia ecolo. L'ex primo ministro, Jean-Marc Ayrault, sostituisce Fabius agli Esteri

Italia

Regeni fu pedinato durante le sue ricerche

Giuseppe Acconcia

Oggi i funerali a Fiumicello. Ma l'inchiesta resta ancora piena di punti oscuri. Uno su tutti: perché non è stata resa immediatamente pubblica, su tutti i media, la notizia della scomparsa di Giulio Regeni? Tra il 25 e il 31 gennaio, quando la stampa è stata allertata, non è ancora chiaro cosa sia avvenuto tra Roma e Cairo

Commenti

Giulio Regeni e il dovere di denunciare

Paolo Hutter

Quello che può capitare a giovani italiani giornalisti o ricercatori in paesi, o contesti drammatici, è solo un risvolto di situazioni inaccettabili innanzitutto per chi ci vive. Situazioni che in qualche misura ci rimbalzano poi addosso. Accettare la violazione dei diritti umani non porta mai a niente di buono

Herzog sempre più a destra propone “Piano di separazione”

Michele Giorgio

Per il leader laburista non esistono le condizioni per realizzare ora la soluzione dei "Due Stati" ed occorre completare il Muro e separare decine di sobborghi e quartieri arabi da Gerusalemme. Il premier di destra Netanyahu gongola.

INCONTRO BERGOGLIO-KIRILL

La rivoluzione cristiana a Cuba

Franco Cardini

Il capo della Chiesa cattolica romana e quello della Chiesa ortodossa russa in uno storico incontro oggi all’Avana, luogo "neutro" scelto non certo a caso. Saranno loro due a salvare il mondo da fondamentalismi e turbocapitalismi?

Cultura

Una lettera dal passato

Arianna Di Genova

L'artista, architetto e filmmaker libanese Akram Zaatari è a Roma, alla British School, per un incontro pubblico e una mostra. «La memoria è un lavoro sul campo. Anche quando le storie sembrano scontate, qualcosa sicuramente sfugge a quella prevedibilità»

Visioni

Il corpo imbambolato del valletto Garko

Cecilia Ermini

La figura dell'attore piemontese è la piccola - e involontaria - rivoluzione del festival frantuma record di ascolti. Perché tralasciando le trasparenze di Madalina Ghenea, il vero ruolo «femminile» spetta proprio all'attore piemontese

Vite di confine, realtà invisibili

Cristina Piccino

Nell'anno dell'accoglienza dei profughi in Germania e delle feroci polemiche, i migranti sono protagonsti del festival appena inaugurato. «And-Ek Ghes..» è il primo titolo della sezione Forum, al centro la storia di un giovane uomo rom e la sua famiglia

Hollywood come ti amo

Giulia D'Agnolo Vallan

Apertura del festival con l'omaggio al grande cinema americano dei fratelli Coen in «Ave, Cesare!». Ma è l’incantesimo di quanto accade sullo schermo, il vero oggetto di celebrazione dei registi, non la realtà. Con un gusto della miniatura che ricorda Wes Anderson

Enrico Ruggeri, «All’Ariston con i Decibel eravamo veri alieni»

Cecilia Ermini

A Sanremo il cantautore milanese anche per presentare il doppio album in uscita oggi, composto da brani inediti, ripescaggi dal passato e un omaggio a Bowie. «In tempi in cui tutto si brucia, oggi artisti come Dalla o Battiato, che non hanno sfondato al primo disco, avrebbero delle enormi difficoltà ad emergere».

Mercato e liberismo, maschere linguistiche

Paolo Favilli

La retorica neoliberista occulta l’analisi strutturale della globalizzazione. La modernità liquida di Bauman è già post-capitalismo o una forma del capitalismo?