closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp

Edizione del 11.08.2018

Ankara sulle montagne russe della svalutazione (-14%) della lira. Erdogan si appella ad Allah contro il complotto del dollaro e invita i turchi a cambiare le valute estere. Ballano le borse europee, crolla l’italiana Unicredit. Allarme a Francoforte

Internazionale

Tracollo della moneta turca. Erdogan grida al complotto

Dimitri Bettoni

In un solo giorno svalutazione del 15%, il 40% in pochi mesi. Il governo presenta un nuovo piano economico, ma non convince. Trump getta benzina sul fuoco di un’economia già debole, a monte il caso Brunson e l’intervento in Siria. Il presidente: «Questa è una guerra economica che non perderemo. Loro hanno i dollari, noi il nostro Dio»

Per le strade di Istanbul: «Qui la pacchia è finita da tempo»

Dimitri Bettoni

I pescherecci sul Bosforo fermi o in vendita, i fruttivendoli ogni giorno alzano i prezzi. Orhan, barista a Kadikoy: «La gente che ora spende meno. Gli alcolici costano sempre di più e poi anche le famiglie benestanti ormai devono tenere d’occhio il portafoglio»

LO SCENARIO

I dazi di Trump e lo sballo dell’economia turca

Anna Maria Merlo

Con un tweet il presidente Usa annuncia un aumento del 50% delle tariffe doganali sull'acciaio e del 20% sull'alluminio importati dalla Turchia. La lira turca crolla. Le mani di Erdogan sull'economia. Le tensioni con gli Usa e i rischi per la Ue

Commenti

Nel gioco dei Tre Imperi Erdogan chiama Putin

Alberto Negri

Oggi il triangolo Russia-Turchia-Iran – decisivo per la questione siriana ma non solo – è costituito da Paesi nel mirino delle sanzioni americane. Se poi aggiungiamo i dazi alla Cina si capisce bene che è in atto una sorta di scontro tra gli Stati uniti e l’Eurasia

Turchia, Pil triplicato ma disoccupazione e debito alle stelle

Luigi Pandolfi

Negli ultimi quindici anni, quelli che coincidono con il potere dell’Akp di Recep Tayyip Erdogan, la ricchezza nazionale si è più che triplicata. Ad un ritmo di crescita molto sostenuto non si è accompagnata però una riduzione significativa del tasso di disoccupazione, che rimane ancora molto elevato (10%).

Renzi, la tentazione del ritorno

Daniela Preziosi

Spinto dai suoi che non hanno un candidato da contrapporre a Zingaretti, l'ex segretario potrebbe correre alle primarie. Ma solo se il congresso slittasse a dopo le europee

Orlando: sulle case ai rom non mi fermeranno

Alfredo Marsala

Il sindaco dopo l'occupazione della villa destinata a tre famiglie sgomberate dal campo della Favorita: i populisti dell'intolleranza che hanno in Salvini un punto di riferimento non si illudano, sappiamo che la protesta è stata organizzata con persone arrivate da fuori e chiediamo alla procura di individuare i responsabili

Cultura

L’archeologia tinta di misterioso giallo

Valentina Porcheddu

Un matrimonio fra complici: Agatha Christie, la scrittrice del crimine più tradotta al mondo e Max Mallowan, lo studioso inglese che riscoprì Nimrud. Dal Partenone alla Siria rurale: cronistoria di due viaggiatori speciali

L’America, con humor

Federico Cartelli

La retrospettiva di Elliott Erwin nel Castello di Carlo V d'Asburgo si avvale dell'amicizia ventennale della sua curatrice, Biba Giacchetti, con il fotografo della Magnum

La passione di Christo

Arianna Di Genova

Il documentario «Walking on water» di Andrey Paunov, presentato al festival Fuori concorso, racconta l'epopea che ha portato alla gigantesca passerella sul lago d'Iseo, una delle ultime installazioni dell'artista bulgaro

La Casa delle donne e la particolarità femminile

Sarantis Thanopulos

Raggi, sindaco di Roma, ha sfrattato, lei donna, la “Casa delle donne”. La particolarità del modo femminile di essere è la casa della civiltà delle donne e degli uomini. Dimenticarlo è suicida

L'Ultima

E poi arrivarono i popoli del mare

Vincenzo Comito

Seconda tappa del viaggio nella globalizzazione, dalla Mesopotamia a Goldman Sachs. Tra il XV e il XII secolo a.C. Micenei e Ittiti, Ciprioti e Minoici, Cananei e Egiziani diedero vita ad una cultura raffinata e ad un sistema economico e sociale interconnesso. La crisi viene fatta risalire al 1177. La minaccia venne da Sicilia o Sardegna, forse dagli etruschi. E coincise con calamità naturali, terremoti e carestie. Caos e cambiamento: dall’età del bronzo si passerà progressivamente a quella del ferro