closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
1 ULTIM'ORA:

Edizione del 10.09.2013

Una grande manifestazione, il 12 ottobre, della sinistra e dei movimenti di opposizione oggi divisi. A Roma una sala gremita risponde alla «via maestra» (la difesa della Costituzione) indicata da Landini, don Ciotti, Carlassare, Zagrebelsky. E da Rodotà, che al manifesto ne chiarisce le ambizioni: «Inizia una nuova sfida»

Politica

Rodotà: «Letta? Ci avesse ascoltato, le riforme erano già fatte»

Daniela Preziosi

«Il 12 ottobre tutti in piazza per l’attuazione della Costituzione e la sua ’buona manutenzione’. Non escludiamo nessuno. Ma non siamo una zattera di salvataggio per i perdenti della sinistra». «No al bicameralismo perfetto. Ma le resistenze le fanno i senatori, il premier lo ha ammesso». «Ergastolo, carceri, migranti, giusti referendum. La politica è sorda, destra e sinistra»

Decadenza, catenaccio europeo in giunta

Andrea Fabozzi

Il relatore propone di rinviare la legge Severino alla corte di giustizia e alla Consulta. Per superare le sue pregiudiziali e sostituirlo serviranno altre sedute, poi il voto (segreto) in aula, ultima spiaggia per Berlusconi

Italia

Acqua pubblica, un modello europeo

Corrado Oddi

Saranno depositate oggi le 67 mila firme raccolte per l’Iniziativa dei cittadini europei. In tutto il continente raccolto un milione e 800 mila firme contro la privatizzazione, un milione e 200 mila nella sola Germania

Lavoro

Mirafiori, il miliardo fantasma

Antonio Sciotto

Ancora nessuna conferma sugli investimenti annunciati. Ma nasce l’unione con Grugliasco. Accordo separato sul neonato «polo del lusso»: la Fiom chiede di essere invitata in Regione

Europa

I sindacati al voto, sperano nella Spd

Jacopo Rosatelli

Steinmeier prende fiducia e punta su Klaus Wiesehügel, segretario Ig Bau, anche in caso di grande coalizione. Come possibile ministro del lavoro, il leader degli edili dovrà ancorare a «sinistra» il governo

Rinazionalizzare le pensioni conviene

Sergio Cesaratto

Dopo Argentina e Ungheria anche la Polonia si riprende gli investimenti pubblici dei fondi pensioni privati. E riduce il suo debito di 37 miliardi di dollari, pari all'8% del Pil

Internazionale

L’urgenza di attendere

Anna Maria Merlo

Kerry propone a Assad di restituire alla comunità internazionale lo stock di armi chimiche. La Russia è favorevole. Ban ki-Moon "la distruzione sotto controllo Onu". L'amletico Obama su 6 tv difende l'intervento. Il Senato, che vota domani, è incerto, l'opinione pubblica contraria, in Usa come in Francia

“La colpa è dei ribelli”

Emanuele Giordana

Il dettagliato racconto del politologo belga Pierre Piccinin rapito insieme al giornalista della Stampa

Dagli Usa ancora nessuna prova di responsabilità Assad

Michele Giorgio

L'agenzia di stampa americana Ap sottolinea la mancata diffusione di qualsiasi prova definitiva del presunto uso di gas contro i civili fatto da Damasco. Washington dice di avere elementi decisivi ma non li rende pubblici

Cresce sdegno per attacco a Maaloula

Michele Giorgio

Il villaggio cristiano è stato occupato dalla milizia qaedista del Fronte al Nusra. Notizie di abitanti sgozzati e di siti religiosi saccheggiati. L'Esercito di Assad cerca di riprerderne il controllo

India, una legge contro gli espropri terrieri

Matteo Miavaldi

Si introducono tutele stringenti non solo per i mezzadri, ma anche per i contadini, che in caso di confisca riceveranno una nuova casa, un congruo risarcimento o una «pensione»

Michael Hardt

Alternativa in cerca di autori

Anna Curcio, Gigi Roggiero

I movimenti sociali in Brasile e Turchia nascono, a differenza che nel Nord del pianeta, in un contesto di forte sviluppo economico. Ma forti sono i punti di contatto con quanto accade in Europa e Stati Uniti. Un’intervista con il teorico statunitense

Cultura

Scatti all’henne per la presa di parola

Manuela de Leonardis

Le fotografia di artiste arabe in una mostra americana. Immagini scandiscono la resistenza in società dove il patriarcato fa spesso rima con guerra. Dall’Iran alla Palestina, la difficile costruzione di un’identità che sfugga ai richiami dell’orientalismo