closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp

Edizione del 10.04.2020

Nella notte compromesso all’Eurogruppo. Dopo l’ennesima giornata di veti incrociati e l’irremovibile No dell’Olanda ai Coronabond, Merkel d’accordo con Macron propone un fondo di solidarietà comune. Ma l’Italia dovrà accettare il Mes. «Piano di aiuti da 500 miliardi». Gentiloni: pacchetto Ue di dimensioni senza precedenti

Politica

Roma vede il compromesso. Fondo comune e Mes “light”

Andrea Colombo

Il ritardo nelle conclusioni dell'Eurogruppo spinge all'ottimismo l'esecutivo italiano. Fondamentale che l'impegno per i "coronabond", qualsiasi sia il loro nome, sia definito. Ci sarà anche il meccanismo salva stati, ma l'adesione dovrebbe essere volontaria. Comunque troppo per i 5 Stelle

Commenti

Eurogruppo, tra incoscienza e intese poco cordiali

Luigi Pandolfi

Gli stati del nord sono ancora restii ad approvare meccanismi di socializzazione del debito. Ma la possibile debacle economica degli stati del sud potrebbe avere conseguenze nefaste anche sulle più solide economie teutoniche

Politica

Cura Italia, pasticcio al senato: fiducia su un testo che cambia

Andrea Fabozzi

Seduta complicata per le misure anti contagio. I continui decreti legge che si inseguono costringono la maggioranza ad aggiornare i provvedimenti anche fuori tempo massimo. La presidente del senato: episodio irripetibile. Eppure, per la prima volta, off-limits per i giornalisti

Italia

Meno ricoveri, ma più morti. «Il momento è molto delicato»

Andrea Capocci

Secondo gli epidemiologi i veri contagi sono dieci volte i dati della Protezione civile. Franco Locatelli (Css): «È in partenza uno studio sierologico per stimare il vero numero di persone contagiate». In Lombardia finalmente la rete diagnostica è stata potenziata: effettuati in un solo giorno 9396 tamponi

INTERVISTA

Don Mussie Zerai: «Non chiudere i porti a chi fugge dalla Libia»

Giansandro Merli

Don Mussie Zerai lancia un appello al governo. Il prete cattolico, nato ad Asmara nel 1975, è anche un attivista impegnato nella difesa dei diritti umani. Ha fondato l’agenzia Habeshia per la cooperazione allo sviluppo e difende i rifugiati, dopo essere stato rifugiato lui stesso. Per molti profughi è diventato un punto di riferimento, prima e dopo il viaggio. Nel 2015 ha ricevuto la nomina al Nobel per la Pace

Il laburista Alex Sobel: «Senza reddito di base, il Covid porterebbe al disastro»

Bruno Montesano

«Con l’Universal Basic Income daremmo a ogni adulto nel Regno Unito abbastanza denaro per mangiare, pagare l’affitto e le utenze domestiche. Senza obblighi, senza domande. L’Ubi sarebbe più universalistico di un sostegno ai salari dei lavoratori dipendenti perché coprirebbe tutti», spiega il deputato inglese autore della proposta che ha raccolto il consenso di 175 parlamentari di partiti diversi

Spagna, verso una misura ponte per le famiglie

Luca Tancredi Barone

Il governo sta lavorando per approvare con urgenza un ‘reddito minimo vitale ponte’. L’obiettivo, nelle parole di Iglesias, è di «completare lo scudo sociale che stiamo costruendo perché nessuno rimanga senza protezione durante questa crisi» il più presto possibile

Orbán ha i suoi «untori», 15 studenti iraniani

Alessandra Briganti

Campagna costruita ad arte da media e governo: immigrazione uguale malattia. I giovani migranti saranno espulsi. Il loro legale chiama in causa la Corte europea dei diritti dell'uomo che però boccia il ricorso

Internazionale

Oxfam: «A rischio povertà mezzo miliardo di persone in più»

Anna Maria Merlo

L’allarme: con la pandemia la lotta alla miseria può tornare indietro di 30 anni, evitare gli errori del 2008, che avevano ampliato le ineguaglianze nel mondo. Le proposte dell’organizzazione: sovvenzionare subito le persone a rischio, con soldi liquidi, e annullare il debito estero dei paesi più poveri

Commenti

Altro che Joe Biden, dopo Sanders ancora Bernie

Guido Moltedo

È duro smontare il ragionamento secondo cui la partita presidenziale si vince al centro, secondo i canoni della vecchia politica di potere, con un candidato espressione dell’apparato washingtoniano bianco, e così sarà nuovamente messo alla prova il prossimo novembre. Si spera davvero che non ci sia il bis del fiasco del 2016. Ma Biden non garantisce che non si ripeta

Internazionale

Christian Smalls: «Licenziato da Amazon per aver scioperato»

Fabrizio Rostelli

Intervista all'ex dipendente dell'azienda di Bezos cacciato dopo aver denunciato la mancanza di protezioni dal coronavirus per i 5mila dipendenti della sede di New York: «Lavorare in questo tipo di strutture richiede di interagire con le persone, non c’è modo di praticare il distanziamento sociale. Non è una scelta: vai al lavoro, vieni pagato e ti ammali, o resti a casa e diventi un senzatetto» 

Commenti

Trump alla guerra dell’acqua

Alberto Negri

Scontro tra Etiopia ed Egitto, crisi sanitaria ed economica per il coronavirus, invasione delle locuste e la rivalità tra Stati uniti e Cina in Africa orientale, con il tycoon che si propone come improbabile mediatore tra il Cairo e Addis Abeba mentre minaccia tagli all’Oms e accusa il suo capo di essere troppo dalla parte di Pechino

INSERTO DATA VIRUS

La cittadinanza virale

Roberto Ciccarelli

Questa condizione non risponde a un potere assoluto che decide su un’«eccezione permanente», né a un «grande fratello» digitale, ma alla necessità di includere e non respingere l’assolutamente estraneo, confliggendo sulle prassi del governo di sé e degli altri. E' una dimensione etico-politicaincomprensibile nei discorsi del soluzionismo tecnologico, delle teosofie della fine del mondo o nelle teorie sull’eccezione. E' qui che si afferma l’alternativa in cui vivremo: da un lato, possiamo essere incastrati in un potere autoritario; dall’altro lato, possiamo praticare una solidarietà potente

Cultura

Dror Mishani e le donne che raccontano il noir di Tel Aviv

Guido Caldiron

Parla lo scrittore israeliano, autore di «Tre» per le edizioni e/o. Una città livida assiste alle gesta di un assassino, ma stavolta protagoniste sono solo le sue vittime. «I miei personaggi non sono agenti del Mossad, racconto la violenza che abbiamo dentro: nell’anima, in casa, nella nostra società»

L’estetica moderna di Edo Avant Garde

Matteo Boscarol

Una delle più interessanti produzioni rese disponibili in questi giorni- e di cui francamente se ne sentiva il bisogno per lo stile contemplativo e quasi palliativo, è il documentario diretto da Linda Hoaglund

Europa

Usiamo il denaro della Bce per la salute e non per la finanza

***

Tra i primi firmatari il presidente del partito della Sinistra Europea e da vari esponenti della politica e dell'economia. Si richiede che la Bce finanzi immediatamente il sistema sanitario e quindi la riconversione sociale e ambientale delle produzioni e dell'economia.

Commenti

Se non ora, quando?

Alberto Bradanini

È quanto mai evidente che l’approdo ultimo della cosiddetta Unione Europea non saranno mai gli Stati Uniti d’Europa, che il direttorio Europeo (Berlino-Parigi) non ha mai inserito nel proprio orizzonte politico

Pioppo, tiglio, quercia o castagno?

Mariangela Mianiti

Capita in questi giorni di incorrere in pensieri tristi e negativi. Allora passeggiando un giorno all'improvviso viene da chiedersi sotto quale alberto vorremmo dimorare per l'eternità

L'Ultima

Balconi di donne in lotta

Serena Chiodo

Protesta alle finestre nel paese latinoamericano, dove la quarantena moltiplica la violenza di genere: 18 femminicidi in 20 giorni. Il governo lancia una mail e coinvolge le farmacie. Ma non basta