closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp

Edizione del 09.11.2019

«Mittal sta fermando gli impianti dell’acciaieria». La denuncia dei sindacati nel giorno dello sciopero all’ex Ilva contro i ricatti dell’azienda. Conte vola dagli operai di Taranto e ammette: «Non ho soluzioni in tasca». La protesta della città inquinata. «La fabbrica uccide, va chiusa»

Lavoro

Ex Ilva, lo sciopero degli operai. Conte: «Non ho la soluzione in tasca»

Mario Pierro

Il premier in fabbrica a Taranto: «Non ho la soluzione in tasca. Se l'azienda va via faremo una battaglia molto dura». I sindacati: «ArcelorMittal ritiri immediatamente la procedura». Annunciato il taglio della produzione: 4 milioni di tonnellate in meno e 5 mila licenziamenti. Antonio Talò (Uilm): "Gli impianti sono destinati alla fermata totale senza provvedimenti". Maurizio Landini (Cgil): "Perché non pensare a un controllo pubblico sul 20-30% delle azioni?"

Politica

Mattarella: «L’odio è concreto se Segre è messa sotto scorta»

Roberto Ciccarelli

La solidarietà del presidente della Repubblica Sergio Mattarella a Liliana Segre: «L’odio è concreto se è messa sotto scorta». La senatrice: «La commissione è contro l’odio». In serata l’incontro con Salvini. Dall'Emilia Romagna alla Basilicata mozioni a sostegno della battaglia della senatrice. Reggio Calabria e altri comuni pensano alla cittadinanza onoraria, ancora polemiche a Pescara. A Milano un presidio di solidarietà

Economia

Tutti condannati per il crack del Monte dei Paschi

Riccardo Chiari

Il Tribunale di Milano non fa sconti sui derivati Santorini e Alexandria, sul prestito ibrido Fresh, e sulla cartolarizzazione Chianti Classico, architettate per mascherare le perdite di Rocca Salimbeni dopo l’acquisto nel 2008 di Antonveneta. Una strategia messa in atto per occultare nei bilanci di Mps perdite per circa 2 miliardi, di qui le imputazioni di manipolazione del mercato, falso in bilancio e falso in prospetto. Condannate anche Deutsche Bank e Nomura, con la confisca di 152 milioni.

Editoriale

Una grande puzza di guerra

Tommaso Di Francesco

Che cosa volesse dire davvero e quanto avesse ragione Luigi Pintor sarebbe stato chiaro solo due anni dopo nel 1991, la stessa data della fine dell’Unione sovietica. Con la prima guerra occidentale all’Iraq a partecipazione anche italiana e con il nuovo protagonismo della Nato a partire dai Balcani

Alias

Berlino, tutti contro il Muro

Guido Mariani

Eretto nel ’61 e abbattuto nell’89, è diventato tra i simboli più ricorrenti in una sfilza di canzoni. A est come a ovest. Tra le censure del partito aggirate nei modi più fantasiosi, i primi concerti delle star internazionali, il fascino eterno della città divisa. Ripensando a David Bowie e ai Karat

Erdogan: «Lunedì mi libero dell’Isis». Ma spara sul Pkk

Chiara Cruciati

Il governo turco annuncia le estradizioni a senso unico di foreign fighters in Europa a partire dall'11 novembre. E lancia la quinta fase dell'operazione militare contro il sud-est curdo. Intanto nel Rojava la guerra continua

REMO BODEI

Le sue mappe di senso tra ragione e passione

Michelina Borsari

Addio al filosofo cagliaritano, morto a 81 anni, e ai suoi «cristalli di storicità». Dallo studio del flauto traverso l’idea che la musica esprima al meglio l’antagonismo di idee e sentimento. La sua prassi filosofica, mai algida, intelligentemente ricostruttiva, evita di recidere i nessi col senso comune

Castellucci e il mistero sanguinario

Gianfranco Capitta

Il regista e scenografo rielabora «Il primo omicidio» che Alessandro Scarlatti mise in musica nel 1707. Spettacolo imponente, brilla il lavoro di René Jacob con la B'Rock Orchestra

Rubriche

La morale dei comportamenti contro Katie Hill

Sarantis Thanopulos

La giovane deputata americana, costretta a dimettersi, nel suo discorso finale alla camera ha denunciato la cultura misogina che ha “consumato” il suo corpo nudo nelle foto e ha “capitalizzato” sulla sua sessualità di fronte all’intero paese che stava guardando. Un’altra vittima della morale cucita addosso alla “moglie di Cesare” che può far cadere teste maschili e femminili (molto di più), ma, non si abbia nessuna illusione, è costruita da maschi voyeur

Greta si è fermata a Taranto

Marco Bersani

L’Ilva non è sostenibile da nessun punto di vista, va portata alla chiusura in sicurezza e l’intera area deve essere coinvolta in un progetto di bonifica e di riconversione produttiva, in grado di garantire occupazione e reddito a tutti gli attuali lavoratori. Il progetto andrebbe finanziato dallo Stato, che, per poterlo fare, deve prendere di petto la trappola del debito che ogni anno ci obbliga a pagare 60 miliardi di interessi, quando ne basterebbero tre per ridare un futuro ai bambini di Taranto

Anne Innis Dagg, un’intraprendente giraffologa

Arianna Di Genova

La zoologa canadese, oggi 86enne, parla della sua passione per gli animali più alti del mondo che viene ricordata nel documentario sulla sua vita «The Woman Who Loves Giraffes» di Alison Reid