closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp

Edizione del 08.12.2018

Oggi a Torino la risposta dei No Tav alla «marcia dei 40 mila» favorevoli alla grande opera. Dalla Val di Susa attese migliaia di persone. In piazza anche il vicesindaco 5Stelle. Beppe Grillo invitato non si sbilancia. Mentre Salvini prepara il «caffè dolce» alle imprese Sì Tav

MANOVRA

Manovra, la camera ha fiducia nell’ignoto

Andrea Colombo

Al governo 330 voti, ma il testo «vero» arriverà al senato e l'incontro con Juncker resta in forse. Di Maio: «Tutto si mette bene» e «Tria deve restare». Il contratto? «Si può rivedere solo dopo il 2019»

Internazionale

Aquarius, stop ai soccorsi: «Costretti a rinunciare»

Adriana Pollice

Guerra alle ong e porti chiusi, «siamo stati criminalizzati» spiega Marco Bertotto di Msf, «il rapporto Frontex e poi l’inchiesta di Zuccaro, da lì iniziò la narrazione delle Ong come taxi del mare. In pochi mesi da angeli del mare siamo diventati complici degli scafisti»

Trump si barrica: alla Giustizia nomina un anti-Russiagate

Marina Catucci

Al posto del dimissionato Sessions arriva William Barr, noto critico del procuratore speciale Mueller. I democratici temono che possa affossare l’inchiesta: «Non lo voteremo». Game over anche per Nikki Haley: all’Onu Heather Nauert, neofita di politica estera

Israele vuole dagli alleati via libera a guerra “preventiva”

Michele Giorgio

Un ministro fa sapere che l'esercito potrebbe espandere in Libano l'operazione “Scudo del Nord” per distruggere i tunnel di Hezbollah al momento in corso sul versante israeliano del confine. Una mossa che innescherebbe un nuovo conflitto

Commenti

Una patente filo-israeliana per la destra razzista

***

La lettera degli ebrei italiani in vista della visita del ministro degli interni Salvini in Israele: «l’intesa tra la destra italiana ed europea e l’attuale governo israeliano costituisce un problema per la democrazia a cui gli ebrei della diaspora dovrebbero essere moralmente e politicamente interessati»

La democrazia in Afghanistan? Un bel regalo ai Talebani

Giuliano Battiston

La Commissione per i reclami elettorali annulla i voti espressi a Kabul, causa brogli e irregolarità, quella elettorale "indipendente" insiste: elezioni valide. E la comunità internazionale plaude al «processo democratico»

Cultura

Il noir alla ricerca del conflitto perduto

Guido Caldiron

Parla la scrittrice francese Dominique Manotti che presenterà domani alle 15 a Più libri più liberi (Sala Sirio) il suo romanzo "Vite bruciate" pubblicato da Sellerio. Già sindacalista, militante politica cresciuta nel Sessantotto parigino e docente di Storia economica, Manotti analizza ancora una volta le fasi di passaggio della storia recente per restituire voce e dignità ai protagonisti invisibili della società francese. Un percorso che ne ha fatto una delle protagoniste del noir transalpino. «Dopo che con Mitterand una parte della gauche si è convertita al culto del denaro, il mio impegno si è trasferito nei romanzi»

Un arcobaleno per lo Stonewall

Nicola Sellitti

La prima squadra Lgbt in Inghilterra che gioca la prima gara di campionato a Wembley, un evento. Vincendo anche per 3 a 1...

Salvataggi di ieri, crisi di domani

Matteo Bortolon

Mentre a ridosso dello spostamento del focus della crisi globale in Europa si parlava ovunque di debito e banche - oltre che di euro e spread - sembra si sia smarrita la connessione di essi con le perduranti politiche di austerità

Alias

Brasile, un paese stordito

Alessandra Vanzi

Da Rio a Salvador de Bahia con visita all'Icbie, istituto di cultura italo brasiliana e intervista a Ana Maria Buarque de Hollanda ex ministra della cultura di Dilma Roussef

«Il Brasile sta tornando indietro di 200 anni»

Alessandra Vanzi

L'allarme di Ana Maria Buarque de Hollanda, figlia dello storico Sergio e sorella tra gli altri di Chico, ex ministra della Cultura del governo di Dilma Roussef: «La situazione è drammatica in tutte le aree: Sanità, Istruzione, Trasporti, Ambiente sono minacciati da misure spaventose. Nella Pubblica Istruzione, per esempio, vogliono abolire le materie che possono suscitare riflessioni, come filosofia»

Marie Colvin in Kosovo

Giancarlo Bocchi

L'incontro con la reporter alla quale è stato dedicato un film ora nelle sale

Au-delà de la censure

Pierandrea Amato

Il Centre Pompidou per ragioni di stato su richiesta del Marocco cancella i Sahrawi

Lovecraftiana

Francesco Mazzetta

Call of Cthulhu, inquietante mondo sotterraneo

Disegno chi canta la gente perduta

Virginia Tonfoni

Un incontro con il celebre illustratore argentino José Muñoz, in Italia per presentare la graphic novel «Billie Holiday» a Più libri più liberi