closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp

Edizione del 08.08.2021

La Grecia in fiamme è al collasso. Distruzioni a nord di Atene. Turisti sgomberati e in fuga. Morti due vigili del fuoco. L’isola dell’Eubea in cenere. Il governo sotto accusa cerca di oscurare la rabbia dei cittadini. Picchiatori fascisti aggrediscono troupe di tv private. Ma gli incendi divampano ovunque in Europa e nel mondo. In Italia si apre una settimana rovente

Conte annuncia (ancora) battaglia sulla giustizia

Andrea Fabozzi

Prescrizione ma anche i decreti delegati che attueranno la riforma del processo penale e nuovo Csm: l'avvocato del popolo avverte che i 5 Stelle torneranno a sfidare Cartabia. E la ministra si troverà a breve una maggioranza spaccata in due dai referendum radical-leghisti

Indicatori del rischio, dubbi sui dati delle Regioni

Andrea Capocci

L’indice di saturazione degli ospedali è il più importante per le zone a colori. Ma è facile manipolarlo, visto che chi controlla è anche il controllato. Per mantenerlo sotto la soglia critica e rimanere in zona bianca, le regioni ricorrono a mezzi leciti e non. Ne fanno le spese i pazienti con altre patologie

Brevi dal mondo: Thailandia, Palestina, Polonia, Cina

Red. Esteri

Covid-19 e crisi, lacrimogeni sul corteo di Bangkok. Palloni incendiari da Gaza, Israele risponde con i raid. Riforma giustizia, la Polonia cede alle pressioni Ue. Alibaba, accuse a manager di abusi sessuali

Cultura

La vita congelata in grigio chiaro

Manuela De Leonardis

Il belga Hans Op de Beeck parla della sua poetica e della mostra «The Boatman and other stories» alla galleria Continua. «Se si pensa a Pompei, la mia arte è come una versione pietrificata della realtà. C’è anche chi ha fatto notare che le mie sculture sembrano film in 3D»

Il medagliere e lo sport dimenticato

Filippo Barbera

Qui, come in altri campi, i bagliori delle “eccellenze” conquistate in pochi febbrili giorni lasciano in secondo piano le esigenze e gli obiettivi di una politica popolare

Commenti

Calabria, l’oblio delle buone pratiche

Tonino Perna

Oggi registriamo in Aspromonte due vittime per gli incendi (non era mai successo), e centinaia di ettari bosco, di larici secolari, trasformati in cenere. E tutto questo senza che nessuno gridi allo scandalo di un Parco nazionale una volta punto di riferimento delle buone pratiche e oggi completamente abbandonato

Forzare non è prova di saper dirigere, ma solo controllare

Pier Giorgio Ardeni

All’incertezza e alla paura, sulle cui braci che covano soffia ovviamente la destra, si è preferita una cultura dell’imposizione «dal basso» (che, in un clima sociale poco solidale come quello in cui siamo diviene un «tutti contro tutti»), piuttosto che andare alle origini del problema

Medaglie olimpiche e sport dimenticato

Filippo Barbera

La pandemia Covid-19 ha evidenziato potenziali linee di azione pubblica per promuovere spazi per la pratica sportiva diffusi sul territorio e vicini alle persone: vere e proprie infrastrutture sociali capaci di garantire l’esigibilità del diritto allo sport.

L'Ultima

Attacco alla privacy

Stefano Bocconetti

La direttrice dell’Europol e il procuratore distrettuale della contea di New York chiedono la fine della crittografia: «La usano i criminali», dicono. E il loro non è un desiderio isolato

Carrington, teatralizzazioni oniriche della strega

Stefania Zuliani

Doveva diventare un’obbediente signorina, ma pensò «dev’esserci qualcos’altro». Il suo singolare "corpus", abitato da creature anfibie, fra gioco e orrore; Parigi, il manicomio, la seconda vita in Messico

Grandi, l’atelier-serraglio per le Cinque Giornate

Massimo Romeri

Una disgregazione luminosa della forma in anticipo su Medardo Rosso: dietro questo esito espressivo che si vuole messaggio universale, l’ansia di riscossa, il dolore delle perdite, i tormenti, fin comici, dinanzi ai modelli

Cose piccole, magiche, di Adamo l’accidioso

Yuri Primarosa

Perfezionista solitario, lentissimo nel lavoro, il francofortese ha lasciato un pugno di opere, microcosmi perfetti impregnati di una luce «psicologica» che molto deve, nel pieno delle rivoluzioni naturalistiche, ai veneti del Cinquecento. Morì a 32 anni, nel 1610: Rubens lo pianse, con le lacrime agli occhi

Il Tevere dell’acquafortista melanconico

Federico De Melis

Suicida, il Lucchesino fu dissociato fra aspirazioni classicistiche e acuta sensibilità ‘romantica’. Orgoglioso provinciale, non sapeva proprio giostrarsi nella difficile Roma dei Barberini e poi dei Pamphilj. Disegnatore eccelso, ebbe per modello, disperatamente, l’arte dell’amico Poussin

Lavorìo sui monotipi, così Seghers perse il senno

Marco M. Mascolo

Paesaggista innovatore, sbalordisce soprattutto per l’allucinata modernità delle sue acqueforti, che rendeva "uniche" con olio e pigmenti. Finivano come cartocci per i grani di pepe: infatti nessuno le capì tranne... un genio

Goltzius, il sangue e il latte

Alessandro Morandotti

Nelle Vite di Karel van Mander, il Vasari settentrionale, è una delle poche personalità nevrotiche fra le socievoli e giudiziose: ma le disgrazie non vietano un furore inventivo che eccelle nel bulino e nelle matite

Gemito, o’ scultore pazzo fra gli alter ego

Andrea Bacchi

«Io vivo in un labirinto di immagini terribili»: Vincenzo Gemito a Meissonier, prima di sprofondare, nel 1887. Niente di certo, a livello di referto medico: rimane un’opera intimamente greca, e più moderna di quanto non si creda

Cellini, fra i lanzichenecchi come D’Artagnan

Rossana Sacchi

Rissoso, tracotante, durante il Sacco (1527) Benvenuto aveva già alle spalle un bel po’ di episodi violenti. La Vita, monumento cartaceo di sé stesso, è stata amata nel Novecento da insospettabili lettori

Piero di Cosimo, il vasariano uomo bestiale

Tommaso Mozzati

Si applicava a «un muro... sputato da persone malate», cuoceva uova su uova nel pentolino delle colle leganti... Un’aneddotica nata nelle malevole botteghe fiorentine e sviata ideologicamente

Demone, splende l’atonia della volontà

Giorgio Villani

Lunatico atrabiliare, ha fatto dell’Angelo caduto un’antropologia dello spirito. Amava follemente le gemme, nella sua "art nouveau" c’è una barbarica gioia minerale

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.