closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp

Edizione del 08.05.2015

Dagli abissi del mare libico riemergono le immagini del barcone affondato il 18 aprile scorso con circa 800 profughi. All’interno ci sarebbero decine di corpi imprigionati nella stiva. In Libia arrestati centinaia di migranti in partenza. Bufera su Alfano che parla di lavoro gratuito per i richiedenti asilo nei comuni

Politica

Ritrovato il barcone della strage

Giuseppe Acconcia

La Marina ritrova il relitto della tragedia del Canale di Sicilia. In Libia ondata repressiva e pattugliamenti per allontanare un intervento armato. Per accreditarsi con l’Ue Tripoli arresta 600 migranti ma lascia liberi gli scafisti

Il ministro delle gaffe

Carlo Lania

Bufera su Alfano che invita i Comuni a far lavorare i profughi «che stanno lì a non fare niente». «Schiavista» lo accusano destra e sinistra. Accordo con le Regioni sull’accoglienza

Politica

Il big bang? Dopo le regionali

Daniela Preziosi

Dall’addio di Civati alle costituenti locali, road map del nuovo soggetto. Con incognite. La scommessa della Liguria e della Campania. Intanto alle senato gli ex 5Stelle chiamano i dissenzienti Pd: insieme contro Renzi

Parlamentari condannati, aboliti i vitalizi

Riccardo Chiari

Gli uffici di presidenza approvano la delibera. Proteste di Forza Italia, che reclamava una legge, e dei 5 Stelle perché tra i reati non è previsto l'abuso d'ufficio

“Ministra Guidi, ci hai lasciati soli”

Antonio Sciotto

In arrivo migliaia di lettere di licenziamento. Slc Cgil: dal ministero solo promesse e nessun atto concreto. Teleperformance e Transcom sarebbero pronte a lasciare l’Italia: non reggono i costi. Spesso aiutano gli incentivi legati al «Jobs Act»: via i vecchi dipendenti, dentro i nuovi

Lavoro

Sentenza da applicare, governo in alto mare

Massimo Franchi

Renzi (ancora muto) incontra Padoan. La Consulta: «Pronunciamento già efficace, ma politica può intervenire». Non servirà fare ricorso: sarà l'Inps a liquidare gli arretrati. Ma i tempi sono ancora tutti da definire

Scuola

«Vogliamo trattare, ma con il governo»

Massimo Franchi

Al Nazareno tre ore «senza passi avanti» fra Pd e sindacati. Che chiedono di parlare con Renzi e Giannini. «Gli emendamenti non bastano, serve cambiare l’impianto della riforma» M5S lascia commissione: un teatrino penoso

Editoriale

Non è solo un «no», l’alternativa a Renzi esiste

Grazia Naletto

La scuola che ha in testa Renzi è diseguale, gerarchica e sempre più privata. La contestazione non è solo ideologica. Si fonda sull’analisi dei contenuti della riforma, con proposte che studenti, insegnanti e sindacati hanno tentato di portare all’attenzione del Governo, senza ricevere ascolto

Il «merito» che premia il clientelismo

Danilo Lampis

Non si garantiscono gli investimenti necessari a livello centrale e si lega tutto alla capacità di ogni singola scuola di rendersi appetibile agli interessi dei privati

Netanyahu, il governo della debolezza

Michele Giorgio

Sono immediate le difficoltà per Benyamin Netanyahu, alla guida di una maggioranza risicata che non potrà consentirgli di governare. Festaggiano invece i coloni che vedono il loro partito, Casa Ebraica, in posizione di forza nell'esecutivo. E per loro sono in arrivo altre 900 case

Cultura

I rentier armati delle migrazioni

Guido Caldiron

Un’intervista con lo scrittore e studioso salavadoregno Oscar Martinez, autore de «La bestia» (Fazi), puntuale analisi del ruolo dei narcos, dei corpi paramilitari e degli Stati nazionali nella «fabbrica umana del crimine»

Levante, canzoni dritte al cuore

Francesca Angeleri

«Abbi cura di te» è il secondo album della cantautrice catanese a breve in tour, a due anni dall'esordio con «Manuale Distruzione»

La guerra era finita. La Russia e le celebrazioni della seconda guerra mondiale

Fabrizio Poggi

La Russia celebra i 70 anni di liberazione, grazie all’Armata rossa, dal nazi fascimo in Europa. Domani la parata commemorativa a Mosca. Ma i leader occidentali di Usa, Germania, Gran Bretagna e Francia disertano l’appuntamento. Per Gorbaciov, si tratta di un «segno di disprezzo verso chi ha sofferto ingenti perdite per sconfiggere la peste nera del nazismo»

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.