closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp

Edizione del 08.03.2016

A Bruxelles si mercanteggia sulla pelle dei rifugiati. Ankara chiede più soldi, la liberalizzazione dei visti e un’ulteriore accelerazione del processo di adesione all’Ue per impedire che raggiungano l’Europa. I leader dei 28 fingono di indignarsi per la repressione della stampa in Turchia, ma sono pronti a dare a Erdogan ciò che vuole. E intanto dichiarano chiusa la rotta dei Balcani

Europa

Il Bunker-Europa nelle mani della Turchia

Anna Maria Merlo

Accettato il dato di fatto della chiusura dei Balcani. Ankara alza la posta e chiede il raddoppio dei 3 miliardi promessi. L'Ue mette la sordina al caso Zeman e per convincere la Grecia propone l'idea surrealista dell' "uno a uno": un profugo riammesso dalla Turchia proveniente dalla Grecia, un rifugiato accolto in Europa per via legale. Intanto l'operazione Nato si rafforza con la partecipazione britannica.

Commenti

Accogliere i rifugiati, o è barbarie

***

L’incapacità dei governi di tutti i paesi a mettere fine alle cause dell’esodo (quando non contribuiscono ad aggravarlo) non li esonera dal dovere di soccorrere e di accogliere i profughi rispettando i loro diritti fondamentali, che con il diritto d’asilo sono inscritti nelle dichiarazioni e convenzioni che fondano il diritto internazionale

INSABBIATO

Truppe italiane in Libia, il governo tratta

Andrea Colombo

Attese per oggi le salme di Salvatore Failla e Fausto Piano. Anche se non è chiaro quale sia l’impedimento che costringe il ministro degli Esteri Paolo Gentiloni a usare la formula dubitativa. Riguardo la partecipazione all'azione militare, l’ambasciata Usa precisa: decide l’Italia. Renzi oggi vede Hollande. Tra i nodi principali, come formare la spedizione

Gaza stritolata dal braccio di ferro Egitto-Turchia

Michele Giorgio

Il Cairo accusa Hamas di aver partecipato attivamente alla preparazione e alla realizzazione dell'attentato che lo scorso giugno uccise il procuratore capo Hisham Barakat. Il movimento islamico nega con forza l'accusa. Paga come sempre la popolazione di Gaza, stretta nella morsa dal blocco attuato da Israele e dall'Egitto

PRIMARIE

Roma, tre carte dopo i gazebo

Daniela Preziosi

È polemica sul numero dei votanti, l’opposizione dem attacca. Giachetti atto primo: sulla tomba del sindaco comunista Petroselli Fassina: flop Pd, la sinistra non farà la stampella Ma dai suoi parte il pressing sull’ex ministro Bray Sel: «Azzerare tutto e ripartire da una lista civica» E resta ancora l’incognita dell’ex sindaco Marino

Politica

Valente, vittoria e accuse

Adriana Pollice

La prima sconfitta di Bassolino arriva di misura, per 400 schede. La «giovane turca» è già al lavoro per ricucire con l’ex maestro. Diffusi video con persone pagate per votare

De Magistris: Valente è il passato

Adriana Pollice

Il commento del sindaco in carica e in corsa per la rielezione: la vincitrice delle primarie era assessora negli anni della crisi dei rifiuti e della crescita del debito

Roma, tornano 8 elettori su 100

Red. Pol.

Nella Capitale partecipazione ai minimi, strano boom delle schede bianche. La minoranza bersaniana all’attacco: logorato il rapporto con gli elettori. Orfini replica: con voi c’erano i rom e i capibastone

Italia

Referendum, il fronte delle Regioni

Serena Giannico

Al via la campagna per il «sì» alla consultazione del 17 aprile, per fermare le trivelle. Alla Camera nove consigli regionali presentano i sei quesiti su ricerca e estrazione degli idrocarburi

L’università si muove, è tempo di esodo dalla meritocrazia

Nadia Breda*

L’esodo è stato preparato da oltre sei anni di dibattito. Oggi il movimento contro la "valutazione della ricerca" (Vqr) è una liberazione, mentre si moltiplicano le prese di posizione dai sociologi agli antropologi fino agli economisti

Lavoro

La rivolta dei corrieri Ups: “Contratto per tutti”

Antonio Sciotto

Tavolo con la multinazionale statunitense per i diritti dei lavoratori in appalto. Autisti e magazzinieri italiani sono terziarizzati attraverso ditte o cooperative: livelli di inquadramento non rispettati, straordinari, malattie e ferie non retribuiti. Venerdì scorso sindacati e azienda hanno firmato un primo accordo per dire stop agli abusi

Cultura

Lungo gli argini di famiglia

Linda Chiaramonte

Il progetto «Fiume» di Valentina D’Accardi. C’è Elsa, la nonna scomparsa che poi viene «ritrovata», annegata come Ofelia. E una nipote che, molti anni dopo, ripercorre le sue tracce

La scena del capo

Andrea Fabozzi

Il saggio di Calise, «La democrazia del leader», edito da Laterza, è quasi una guida pratica al renzismo. E al suo modello (Berlusconi)

La fitta trama di un Evento

Claudio Vercelli

La Rivoluzione francese è da sempre indagata come la fine di un tempo e l’inizio di un’altra era. Una caratteristica che orienta tutt’ora il lavoro storiografico sulle sue genesi culturali o sul ruolo svolto dalle «grandi personalità». Un percorso di lettura a partire da due recenti saggi

Un giro in giardino in compagnia di sé

Alessandra Pigliaru

Un ritratto in prima persona dell'editrice e acuta intellettuale Laura Lepetit: «Autobiografia di una femminista distratta», per Nottetempo

Visioni

A baciar male si fa peccato

Mariangela Mianiti

Non è vero che il primo bacio non si scorda mai. Alcuni sono così disastrosi e deludenti che dimenticarseli è una benedizione

Visioni

Nikolaus Harnoncourt, musicista europeo

Andrea Penna

Morto a 86 anni il maestro ungherese. Con lui non scompare solo uno dei più importanti pionieri della rivoluzione filologica nel campo della musica antica, ma un grandissimo interprete

SPECIALE 8 MARZO

8 marzo, una forza da spendere

Bia Sarasini

Lo sfruttamento non è confinato alla sfera della riproduzione. Si potrebbe dire che più ci sono donne visibili e potenti, più diventa chiaro che la parità è un obiettivo necessario eppure fasullo. Un trucco da agitare, se non diventa vera equità sociale

Visioni

Pedali per la libertà

Mariangela Mianiti

I benpensanti si scandalizzarono non poco vedendo le prime donne inforcare un sellino. E lo stesso Karl von Drais, l’inventore della bicicletta, fu il primo a indicare la sua creatura come oltraggiosa per il pudore femminile

Alla conquista della Casa Bianca

Giulia D'Agnolo Vallan

Non è poi così vero che l'America viva già in un'epoca post gender. Le serie tv di successo, che prevedono Hillary Clinton al controllo della Casa Bianca, sfoderano in realtà atteggiamenti ambivalenti con le candidate in corsa

Europa

Las Kellys, cameriere in lotta

Marina Turi

Quest'anno l'8 marzo in molti alberghi di località turistiche, dalle Baleari alle Canarie, dalla Costa Brava all'Extremadura, sarà una giornata di rivendicazione, con ramazze e guanti di gomma

Abortire in Irlanda, decide ancora la Chiesa

Andrea Binelli

L’80% dei cittadini è favorevole a un referendum per l’abrogazione dell’Ottavo Emendamento, che equipara il diritto alla vita del feto e della madre, ma le gerarchie religiose, anche protestanti, lanciano l'anatema e la politica non ha il coraggio di muoversi

Lavoro

Lavoro povero, la nuova segregazione

Marcella Corsi

Con la crisi economica la quota dove in famiglia lavora solo la donna è al 10 per cento. Fanalino di coda in Europa, con un tasso di occupazione fermo al 47. Da noi la disparità di genere si riflette sul mercato del lavoro e sulle politiche di welfare

Politica

«Cara, pensaci tu», un welfare versione donna tuttofare

Alessandra Pigliaru

Il welfare italiano - spiega la sociologa Chiara Saraceno - si basa ancora in larga parte sulla solidarietà famigliare, declinata lungo linee di genere. Un modello che non ha fatto i conti con il mutamento dei comportamenti femminili e con la crisi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.