closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp

Edizione del 08.03.2015

A Istanbul uomini in piazza con la gonna, a Kabul con il burqa mentre dalle combattenti kurde arriva l’invito a dedicare la giornata della donna alle loro lotte. Tra guerre e crisi, l’8 marzo coglie l’Italia in fondo al tunnel della disoccupazione europea. Al lavoro solo il 47% della popolazione femminile

Politica

Un corpo fuori controllo

Geraldina Colotti

Libertà sessuali e riproduttive, educazione, agibilità politica, il manifesto di Amnesty. Medici senza frontiere mette l’accento sui problemi sanitari delle adolescenti

Quali «panni» noi maschi vogliamo indossare?

Stefano Ciccone, Alberto Leiss

Dall’Afghanistan e dalla Turchia una provocazione possibile su cosa pensare, cosa dire, cosa agire come uomini nella giornata che in tutto il mondo è dedicata alla donna

Boldrini: «Su di me fantapolitica. Il mio lavoro mi basta»

Daniela Preziosi

Parla la presidente della Camera: «A Renzi dico: se non difendessi il parlamento sbaglierei». «Declinare al femminile sembra una cosa futile? Non lo è». «Nessuna crociata sulla lingua italiana, ma la mentalità che impone il maschile è quella che vuole le donne a casa»

Lavoro

Call center, il Jobs Act licenzia 7 mila operatori

Antonio Sciotto

Sono gli attuali dipendenti che verranno rimpiazzati da nuovi meno costosi, assunti con gli incentivi. Grazie al cambio di commesse negli appalti. Ben 4 mila rischiano in Almaviva, altri 1590 in Infocontact. Ma sono interessati anche i servizi di Marino e Pisapia. La mobilitazione della Cgil

Call center, le mamme di Terni tutte a casa

Marco Vulcano

Key 4 Up e Overing, stipendi a singhiozzo e licenziamenti a raffica. Ma le cuffiette, soprattutto donne, hanno deciso di ribellarsi: scioperano a oltranza e chiedono conto ai committenti Eni e Telecom

Editoriale

Dopo Nimrud, Hatra. Serve la protezione Onu

Marcello Madau

Come agire? Le convenzioni dell’Aja (1954 e 1999), non bastano. Prevederebbero anche interventi diretti, però sono state disattese persino nella prescrizione delle misure protettive per le aree più delicate e importanti. È che gli apparati giuridici non sono corrispondenti alla storia, alla sfida in atto, al nuovo desiderio di paesaggio sostenibile.

Giordano Bruno e le sue ceneri parlanti

Adriano Prosperi

Come si arrivò al giorno in cui il mondo intero guardò al pensoso monaco nero, protagonista di "Campo dei Fiori. La storia di un monumento maledetto" raccontata da Massimo Bucciantini per Einaudi

Florence Henri, forma inquadrante

Maurizio Giufrè

La formazione berlinese anni dieci di Florence Henri è alla base di un’idea di avanguardia tutta giocata su elementi astratti (sfere piani griglie) ma mai formalistica

Einaudi, gusto e giudizio per i libri da fare

Niccolò Scaffai

Il senso di autonomia di Solmi, Cases, Bazlen; la scontrosità di Natalia Ginzburg; la brillantezza di Calvino, Manganelli e Lucentini: uno spaccato di editoria d’autore

L'Ultima

Zekra per Baghdad

Chiara Cruciati

Zekra Alwach è la prima donna nominata sindaco di un comune iracheno, la prima a rivestire tale carica in una grande città. Ingegnere civile e direttore generale del Ministero dell’Educazione Superiore, avrà l’arduo compito di rivitalizzare una capitale ferita e divisa, vittima ogni giorno di eventi sanguinari