closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp

Edizione del 07.10.2017

Si allarga lo sciopero della fame a sostegno dello Ius soli. 157 senatori pronti a dare il via libera alla legge. Al fronte trasversale si unisce anche Casini:«Scelta obbligata per dovere di coscienza». Solo il Pd di nasconde nel silenzio. Da Renzi in direzione nemmeno una parola

Il polverone di Riace

s. mes

Le tappe di ispezioni e accuse contro Mimmo Lucano, sindaco calabrese amato da Wenders e da Bergoglio

Politica

La sinistra e Montanari: “Attuare la Costituzione”

Riccardo Chiari

La tappa fiorentina del giro d'Italia di 'quelli del Brancaccio' e della Rete delle città in Comune, per una lista di sinistra nel segno dell'attuazione della Carta repubblicana: "Compreso il titolo III". Cioè il modello economico.

Ilva, 4mila esuberi e Jobsact, Genova si ribella: sciopero

Massimo Franchi

Ilva, 4mila esuberi e Jobsact, Genova si ribella: sciopero. La nuova proprietà AmInvestCo ai sindacati: ne riassumiamo 9.600 col "tutele crescenti". Tra due giorni il via alla trattativa al ministero. Fim, Fiom e Uilm: inaccettabile

Europa

Il prefetto si scusa, Trapero va alla sbarra

Luca Tancredi Barone

Rimandati a casa, senza nessuna misura cautelare, il capo dei Mossos e gli altri 3 imputati per sedizione ascoltati dall'Audiencia nacional. Un giudice apre un'inchiesta sulle violenze della Guardia Civil

NOBEL PACE

È un premio al futuro. E l’Italia ci ripensi

Francesco Vignarca

La strada più concreta per un reale disarmo nucleare è al contrario un percorso condiviso per una norma internazionale di messa al bando, quella che l’Italia dovrebbe assumere come prioritaria, anche magari in seno alla comunità europea, Se veramente il disarmo nucleare è un obiettivo della nostra politica e del nostro governo, come più volte dichiarato ma smentito poi dai fatti e dai voti in Parlamento

Cultura

Quando il nodo dell’ambivalenza si scioglie

Benedetto Vecchi

«Retrotopia» (Laterza), il volume del sociologo polacco che suona come un denso testamento intellettuale. Il mondo ricorda le società medievali europee e non gli albori della modernità capitalistica. Le tribù digitali si compongono di identità posticce che al «noi» preferiscono conflitti e singolarità

Incontri ravvicinati

Arianna Di Genova

«Thornhill» di Pam Smy, per Uovonero. L'autrice è in Italia, a Cagliari, per il festival Tuttestorie

Rubriche

La legge di sangue è ingiusta

Sarantis Thanopulos

Il legame naturale, di cui oggi conosciamo la costituzione genetica, è il fondamento di un rapporto che si pretende definito in partenza, a sé stante. In realtà la particolarità del legame tra genitori e figli e tra fratelli e costruita, nel bene e nel male, attraverso le loro relazioni mai avulse dall’ambiente esterno alla famiglia

L'Ultima

Di Liegro, la politica di un prete

Federico Bonadonna

Dall’occupazione della Pantanella all’apertura di ricoveri per migranti nel cuore della Capitale, contro l’idea di una città vetrina. Fuori dall’agiografia in cui è stato ingabbiato, il ricordo di don Luigi, a 20 anni dalla morte. Il suo convegno sui «mali di Roma» del 1974 è tornato oggi purtroppo molto attuale

Alias

Rio de Janeiro, dal Cristo all’oceano

Niccolò Cuppini

Piccola epica del quotidiano tra le contraddizioni di un paese che trabocca eccesso, bellezza, povertà e desiderio di ripresa dopo la crisi che da anni lo funesta

Un classico ritratto di signora

Silvana Silvestri

Paolo Franchi autore di "Dove non ho mai abitato" in sala dal 12 ottobre, un film di rigorosa malinconia e sfuggente attrazione erotica

L’ultima volta del Che

Federico Cartelli

Dal reportage dalla Bolivia di Franco Pierini su "L'Europeo" del 26 ottobre 1967

L’arte in un gelato al tarassaco

Arianna Di Genova

L'artista brasiliano Jorge Menna Barreto parla del suo progetto Restauro, la creazione di un ristorante che coinvolge la comunità e le piante commestibili selvatiche. Ora è sbarcato a Londra, alla Serpentine gallery, grazie alla Fundação Bienal de São Paulo. «Stiamo lasciando fuori 24.995 specie dalla nostra dieta. Si prospetta per noi un mondo piatto e con un paesaggio monocolturale ed enormi impatti ambientali»