closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
1 ULTIM'ORA:

Edizione del 07.07.2019

Il veliero della Mediterranea con 46 naufraghi a bordo rompe il divieto e attracca a Lampedusa. Ma il cinismo di Salvini non ha freni. Bloccati sulla barca sotto il sole e senza servizi igienici, fino a notte ai migranti è vietato scendere a terra. «È sequestro». Lite con la ministra Trenta

La Germania solidale sta con la «Captain Europe»

Sebastiano Canetta

Novanta comuni, cento Ong, trentamila tedeschi scendono in piazza in tutto il Paese al fianco delle ong e contro il ministro dell’interno Seehofer. Che boicotta l’accoglienza di 60 municipi, ma scrive al collega Salvini per chiedere «di riconsiderare la chiusura dei porti italiani»

Politica

Nuova legge sul Csm, scontro Anm-Bonafede

A. Fab.

«Rischio di riforme eccentriche», i magistrati temono il sorteggio. Bonafede per l’ennesima volta annuncia: testi pronti in dieci giorni. Il guardasigilli, fino a qui bloccato da Salvini, rompe anche con le toghe: «Così partite male»

GRECIA AL VOTO

Syriza, la scommessa inizia ora

Luciana Castellina

«Non chiediamo di darci fiducia per una seconda prova ma per una prima opportunità», l’ultimo comizio del premier Tsipras in una piazza piena ma in un paese smemorato. Oggi Grecia alle urne per le elezioni anticipate, le prime dalla fine del Memorandum

Commenti

Trump fa la guerra con le sanzioni, l’Ue subisce e tace

Alberto Negri

Le politiche sanzionatorie di Trump presto potrebbe mettere nel mirino Cina e Russia che hanno rapporti commerciali stretti con Teheran e con l’Europa. Che la tensione stia salendo lo dimostra il sequestro, su indicazione americana, di una petroliera con greggio iraniano a Gibilterra da parte di 30 marines britannici

Internazionale

Riyadh verso il nucleare, gli Usa danno una mano

Michele Giorgio

L'Arabia saudita insegue l'ambizione nucleare con l'appoggio della Casa bianca. Tehran accusa Trump di «ipocrisia»: vende tecnologia nucleare ai sauditi senza garanzie mentre vara sanzioni contro l’Iran che ha firmato un accordo internazionale

Brevi dal mondo: Turchia, Palestina, California, Libia

Red. Esteri

Erdogan licenzia il governatore della Banca centrale. Israele ha fatto sparire le prove della Nakba. Sisma, la California dichiara lo stato d’emergenza. Haftar riconosce la Noc: «Il greggio lo esportano loro»

Cultura

Stefano Agosti, una raffinata flânerie sull’«enigma» del testo

Irene Santori

Scomparso a 89 anni il francesista e critico letterario. Scrisse, tra gli altri, di Mallarmé, Proust, Rimbaud. Già docente all’Università di Venezia, è stato legato a Zanzotto e Derrida. Portò negli studi letterari che ancora risentivano dell’ipoteca crociana, la forza ribelle che aveva in Francia il suo fuoco teorico principale

Nutriti di aria e di sventura

Paola Ferretti

Tra la fine della prima guerra mondiale e metà degli anni Trenta, in Russia vagavano milioni di bambini abbandonati, i «Besprizornye»: uno studio di Luciano Mecacci per Adelphi

Irresistibile ascesa del reietto di Augusto

Roberto Andreotti

Al poeta delle Metamorfosi, celebrato di recente dalla mostra alle Scuderie, arride una fervida stagione di studi: tra gli altri, i libri di Francesca Ghedini, Emilio Pianezzola e Antonio La Penna

La Brera in barricata di Ettore Modigliani

Massimo Romeri

Gestione del museo e difesa del patrimonio sulla traccia di Adolfo Venturi e dell’erudizione tardo romantica; antifascismo e relazioni illuminate con Luigi Albertini, Guido Cagnola...

Whitney Biennial contro Trump

Tommaso Mozzati

Nella più «patriottica» fra le manifestazioni espositive U.S.A., le curatrici selezionano le opere in base alla forza di elaborazione dello stato di allarme: fra i punti focali, l’imponente opera-manifesto antirazzista di Kota Ezawa

Quella porta che si apre di qua dal paradiso

Luca Briasco

Precipitato in un abisso professionale e famigliare, il proprietario di un hedge fund si mette in viaggio durante l’ultima campagna presidenziale: «Destinazione America», da Guanda

Saramago, il bello della vita arriva tardi

Virginia Caporali

Il sesto e ultimo quaderno, datato 1998, dell’autore di «Una terra chiamata Alentejo»: una sorta di agenda della vita, che testimonia le opinioni dell’impenitente comunista. «Diario dell’anno del Nobel», da Feltrinelli