closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp

Edizione del 07.07.2015

Drammatico passo indietro di Yanis Varoufakis per rafforzare il governo di Atene e togliere ogni alibi all’Europa. Tsipras ottiene il sì dei partiti di opposizione e si presenta a Bruxelles con il consenso alle nuove proposte. Ue e Bce gelide

Europa

Il sacrificio di Varoufakis

Pavlos Nerantzis

Tsipras incontra i leader politici dei partiti, tranne i nazisti di Alba Dorata, e trova un’intesa comune per il negoziato. Il titolare delle finanze si dimette, al suo posto Euclid Tsakalotos

Atene porta nuove proposte ai creditori

Anna Maria Merlo

Incontro Hollande-Merkel, che cercano di accordare il discorso: Atene sia "responsabile", noi siamo (o siamo già stati) "solidali". Isteria in Germania: per il numero due del governo, Sigmar Gabriel (Spd), oggi si discuterà di "aiuti umanitari" ad Atene. La Bce mantiene in vita l'Ela, per il momento (la scadenza finale è il 20 luglio, quando la Grecia dovrà rimborsare 3,5 miliardi). Dissensi nel board dei governatori, Noyer chiude alla ristrutturazione del debito verso la Banca centrale (30 miliardi), che contraddirebbe l'art.123 del Trattato di Lisbona

ATENE

I giovani fanno stravincere il no

Angelo Mastrandrea

Il 70% dei ragazzi tra i 18 e i 25 anni hanno votato contro il piano. Più consensi in provincia che ad Atene. Per il sì solo gli over 55

La ferocia liberista della socialdemocrazia europea

Marco Bascetta

Le due ali politiche istituzionali fanno a gara per imporre i memorandum della Bce e del Fmi all’Europa. E chiudono gli occhi di fronte all’esercizio della democrazia che viene dalla Grecia

Referendum

Alberto Leiss

La rubrica settimanale di Alberto Leiss

Campania, pronta la giunta De Luca

Adriana Pollice

Il vice sarà il fedelissimo Fulvio Bonavitacola. In programma assunzione dei precari della sanità e una sanatoria degli abusi edilizi

Lavoro

Ikea, arriva il primo sciopero nazionale

Antonio Sciotto

La multinazionale vuole tagliare i salari e le maggiorazioni, i sindacati non ci stanno: stop sabato 11 nei 21 locali italiani. Seimila dipendenti, molti part time: le domeniche servono per rimpinguare buste paga basse

Lavoro

Jobs Act, la protesta dei precari di «Italia Lavoro»

Roberto Ciccarelli

Hanno vinto un concorso, ma rischiano di restare disoccupati. Si occupano di "Neet", disoccupati e della "Garanzia Giovani", ma non hanno certezze. Si sono organizzati. Ieri in uno "speakaers' corner" oggi in un presidio al ministero del Lavoro a Roma

Cultura

La pietanza sentimentale

Mattia Cinquegrani

«Dal gusto al disgusto. L'estetica del pasto» di Maddalena Mazzocut-Mis, per Raffaello Cortina editore. Il cibo dalla condanna platonica alle provocazioni estreme dell'arte

C’era una volta Baghdad

Manuela De Leonardis

Un incontro con Latif al-Ani, fotografo, classe 1932, che ha immortalato una città ormai scomparsa

La chimica va alla guerra

Andrea Capocci

«Al servizio del Reich. Come la fisica vendette l’anima a Hitler» di Philip Ball (per Einaudi) e «La scienza in trincea» di Angelo Guerraggio (per Raffaello Cortina): quando i cervelli più visionari cedono alle lusinghe della propaganda e del potere politico

Schegge di Storia al Cinema ritrovato

Sergio M. Germani

Si è conclusa un’altra edizione della rassegna felsinea dove ha trovato spazio un’interessante retrospettiva dedicata ai film iraniani anteriori al khomeinismo. Una sezione raccoglie anche lavori di Leo McCarey come «Part time wife» proveniente dalla prima epoca sonora

Ingrid Bergman, scandalosa mamma diva

Giuliana Muscio

Al Cinema Ritrovato appena concluso un documentario di Stig Bjorkman sulla grande diva svedese, preceduto da un incontro con la figlia Isabella Rossini in piazza Maggiore

MONDIALE DI CALCIO FEMMINILE

State unite sul tetto del mondo

Samir Hassan

La Coppa del mondo di calcio femminile finalmente è un evento di massa. Fortunatamente il mondiale di Canada 2015, appena conclusosi a Vancouver, non verrà ricordato solo per il bacio lesbico della finale tra la centrocampista Abby Wambach - che con tre magnifici gol ha portato gli States alla vittoria - e sua moglie. Obama, entusiasta, invita la campionessa alla Casa Bianca