closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp

Edizione del 06.12.2015

La Francia in guerra va alle urne con i sondaggi che premiano le leggi d’emergenza di Hollande ma danno i socialisti al governo al minimo storico. È un voto regionale con valenza altamente politica. Marine Le Pen sull’onda anti-immigrati si candida a primo partito. La sinistra divisa rischia metà delle amministrazioni. Decisivo sarà l’astensionismo

GOVERNO

Renzi, sofferenza bancaria

Andrea Colombo

Gli enti di credito come quello di papà Boschi salvati a spese dei risparmiato. L'esecutivo tenta di metterci una pezza, ma non sarà per tutti. Il presidente del Consiglio sente la protesta e prova a difendersi: «Abbiamo salvato quattro istituti che altrimenti avrebbero chiuso»

5 STELLE

Il ballottaggio di Bologna

Carlo Lania

Grillo dirotta i volti noti in città, ma la sua campagna elettorale è rovinata dalla lite interna. Intanto Merola rischia di perdere sia a sinistra che al centro e vede lo spettro del secondo turno

«Il clima securitario favorisce il Front national»

Guido Caldiron

Per il sociologo Sylvain Crépon è una destra «à la carte» ma resta l’impronta del fondatore Le Pen. «Si può dire che sia diventato il partito dei "piccoli bianchi" che fanno fatica ad arrivare alla fine del mese, dei sottoproletari, dei precari»

Truppe turche in Iraq minacciano l’unità e Teheran

Chiara Cruciati

I peshmerga fanno arrivare carri armati e soldati turchi alle porte di Mosul: «Solo per addestramento». Ma si parla già di operazioni via terra sulla seconda città irachena. Nato e Turchia sfidano così Iran e Russia

SAN BERNARDINO

A San Bernardino, tutta chiese e armi, una strage americana

Luca Celada

Per l’Fbi è terrorismo, ma sulla tranquilla coppietta di periferia che diventa un commando assassino gli interrogativi restano. Da «suburbia» multietnica a capitale delle psicosi da guerra di civiltà. Ma se l’Is fosse giunto ufficialmente fin qui, avrebbe trovato una terra già satura di fondamentalismi e pistole

L'Ultima

Le parrocchie dell’anticamorra

Adriana Pollice

Non mille ma più del triplo hanno manifestato ieri dalla Sanità a piazza Plebiscito contro «le camorre» per chiedere lavoro, istruzione, sanità

Alias Domenica

Istruzioni per districarsi nello gnommero

Federico Bertoni

Due i presupposti dell’opera gaddiana che guidano il Commento a "Quer Pasticciaccio brutto de via Merulana" diretto da Maria Antonietta Terzoli: la non verginità della parola e l’ambizione di abbracciare da ogni lato il reale

Alias Domenica

Polifonia di un inganno con corredo di amorosi sensi

Francesca Borrelli

Sulla scena di uno scambio di ragazze allestito ai danni di un povero venditore di boza, avanzano i personaggi dell'ultimo libro di Orhan Pamuk, "La stranezza che ho nella testa", un intreccio dialogico, fatto di voci che parlano in prima persona

Antropologia della settima arte

Marco Mazzeo

La dimensione sociale e sinestetica del cervello condivide con il cinema il primato dell’azione: dai neuroni-mirror a Buster Keaton. "Lo schermo empatico" di Vittorio Gallese e Michele Guerra