closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp

Edizione del 06.11.2019

Il futuro della ex Ilva appare segnato. E lo scontro è incandescente. Neanche lo scudo penale trattiene più Mittal. Che tira dritto verso il disimpegno e fa causa al governo per rescindere il contratto. Palazzo Chigi sotto assedio. Oggi Conte incontra l’azienda. Taranto divisa. Gli ambientalisti: l’unica strada è la riconversione

Politica

Calabria, Oliviero balla da solo ma in nome di Matteo Renzi

Silvio Messinetti

Il presidente scaricato dal Pd annuncia il voto il 26 gennaio, election day con l’Emilia. Il Pd verso i grillini, che resisterono. Circola il nome dell’imprenditore Callipo. La destra è più che favorita, ma sul sindaco forzista Occhiuto c’è il niet diSalvini

L’Iran arricchisce l’uranio per ricordare alla Ue le sanzioni

Farian Sabahi

Da oggi Teheran inietterà il gas per arricchire l’uranio nelle 1.044 centrifughe dell’impianto nucleare di Fordow, ma sotto la supervisione dell'Aiea. Un modo per attirare l'attenzione di un'Europa che pare aver dimenticato l'uscita degli Usa dell'accordo del 2015

Brevi dal mondo: Iraq, Siria, Messico

Red. Esteri

Iraq «chiuso per ordine del popolo»: la protesta avanza. Nel Rojava il 48% in più di attacchi dell’Isis grazie alla Turchia. Nove uccisi dai narcos messicani, tra loro sei bambini

SPECIALE MURO - CADUTA NON LIBERA

1989, il fantasma della libertà

Marco Bascetta

Ad abbattere il muro di Berlino, ormai infragilito da innumerevoli crepe, fu una moltitudine ingabbiata desiderosa di libertà senza aggettivi. A definire e governare l’ordine che ne sarebbe seguito fu invece un liberismo dogmatico e severo, scarsamente mitigato dal paternalismo dei grandi partiti popolari della Bundesrepublik, che oggi ne stanno pagando con il proprio declino le conseguenze

Europa

Trent’anni dopo, quel che resta del rosso antico

Sebastiano Canetta

Quattro storie a cavallo della Sprea, piccoli tasselli della Grande Storia che faticano a trovare posto nella narrazione da manuale, ma si ostinano a occupare spazio perfino alla fine del “ventennio” di Angela Merkel

La Germania est si può ancora salvare?

Stefan Heym*

Lo scrittore tedesco elaborò questo testo per il settimanale tedesco «die Ziet» che il manifestò pubblicò sul domenicale del 22 novembre 1989

Cultura

Coercizioni automatiche

Byung-Chul Han

Estratto da «Che cos’è il potere» (Nottetempo), del filosofo sudcoreano da domani in libreria. L’anatomia offertaci da Foucault offre un’attenta disanima del concetto e delle sue applicazioni. Pena o punizione? Dal simbolismo del sangue alla normalizzazione del Codice. Non si punta al ripristino del soggetto di diritto, bensì a «formare un soggetto d’obbedienza», mediante una «correzione della condotta»

Il Novecento in prima persona

Jacopo Rosatelli

Domani a Roma un convegno dedicato alla figura di Bianca Guidetti Serra, partigiana, avvocata, parlamentare e autrice di libri «Il paese dei celestini» sui minori maltrattati negli istituti assistenziali. A cento anni dalla nascita

L’imbarazzante lascito della casa natale di Hitler

Piergiorgio Pescali

L'edificio dove il Führer fu bambino è al centro di un caso politico in Austria. Il governo non ha deciso se abbatterlo o trasformarlo in un luogo per ricordare la tragedia, una volta reso irriconoscibile con interventi architettonici. Nel frattempo è mèta di pellegrinaggi neonazisti

È emergenza climatica nel mondo ma Trump se ne va

Giuseppe Onufrio

Da quando Trump è diventato presidente, sono state chiuse almeno 50 centrali a carbone negli Usa. Lo stato del Texas, capitale dello shale oil - un idrocarburo la cui produzione è ambientalmente critica - è anche diventato una capitale degli impianti eolici il cui costo di produzione di elettricità è sceso sotto quello degli impianti a fonti fossili

Editoriale

Il Garante Mauro Palma laureato honoris causa a Roma Tre

Marco Fanes

Il garante nazionale delle persone private della libertà nella sua lectio magistralis ha ripercorso i temi di un diritto penale che deve sempre e costantemente andare a «vedere» la propria applicazione concreta. L’opposto, dunque, della Giustizia come «dea bendata»