closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp

Edizione del 05.08.2018

Approda domani alla camera il «ddl motovedette» voluto da Salvini. Dodici mezzi della Guardia costiera e della Finanza saranno consegnati gratis alla Libia per fermare gli sbarchi in Italia. Nel pacchetto anti-migranti anche 2 milioni di euro per l’addestramento

«Perché Salvini non fa sgomberare CasaPound?»

Ruggero Scotti

La lettera del sindaco di Cerveteri, coordinatore del nuovo partito di Pizzarotti, al ministro e alla prima cittadina di Roma ricorda che la sede nazionale dei "fascisti del terzo millennio" è un bene dello stato

Cultura

Il peso complesso del desiderio

Franco Lolli

È italiano il primato dei disturbi alimentari nell’infanzia e adolescenza. Un percorso di letture affronta il fenomeno clinico in forte aumento, soprattutto tra le bambine

L'Ultima

Ciad, il paese senza cibo né pallone

Stefano Fonsato

Da due anni e mezzo la nazionale rossogialloblu non disputa una partita. Il calcio organizzato è stato cancellato insieme alla voglia di protestare, annientata dalla fame e dalla terribile siccità

L’ex allenatore della Sao accusa la federcalcio

Stefano Fonsato

«Con la prima vittoria calcistica della storia, la Coppa Cemac nel 2014, eravamo diventati una speranza per tutto il popolo. Ma i dirigenti hanno dilapidato tutti i contributi della Fifa»

Una larva d’uomo posseduto da un grande vuoto

Mario Caramitti

Il primo possidente da cui va Cicikov nelle «Anime morte» di Gogol’ è sempre intento a fumare, ciò che disumanizza ancora di più la già radicale astrazione del suo personaggio

La follia del gioielliere è un’ossessione estetica

Luca Crescenzi

Di giorno uomo di mondo di notte una belva, Renato Cardillac è il protagonista di uno dei più brillanti intrecci di E.T.A. Hoffmann, che traumatizzato dalle guerre napoleoniche, studia la follia come chiave d’accesso alla sua epoca

Agli altri prescrive di uccidersi se non sanno godere

Valentina Parisi

Consapevole che la critica avrebbe cercato precedenti illustri per il suo eroe, Michail Arcybašev si diverte: fa addormentare di noia Sanin su «Così parlò Zarathustra» e rivendica il suo legame esclusivo con la cultura russa

Un’angelica energia convertita in libido distruttiva

Pierluigi Pellini

Il conte protagonista di «Honorine», meravigliosa tappa della Comédie humaine, è al tempo stesso figura en abyme di Balzac, perché crea un mondo fittizio in cui ingabbia la moglie; e onnipotente demiurgo dello scioglimento tragico, perché preferisce uccidere la donna piuttosto che privarsene

Il suo Io non valeva più di una carogna di topo

Massimo Raffaeli

L’italiano Frank Alpine, portavoce di Malamud, sta tra l’alieno e il giullare di dio: decostruendo una parte di sé per simularne un’altra che sia all’altezza del presente, realizza con le sue azioni, in un’unica fisionomia, la dialettica di verità e bugia

Il piede di lei, un miraggio bianchissimo

Giorgio Amitrano

Protagonista di «L’amore di uno sciocco» di Tanizaki, il rampollo di una benestante famiglia di contadini propone a Naomi di andare a vivere con lui per «educarla». La ragazza svela via via il suo lato oscuro, mentre il lettore aderisce alla voce inaffidabile e seduttiva dell’Io narrante

Una furia verbale sempre in bilico tra delirio e deliquio

Massimiliano De Villa

Il protagonista di «Antichi maestri», romanzo di Thomas Bernhard, è l’estenuazione del perfezionismo: la sua voce rovescia sul lettore una requisitoria contro l’intera umanità, ma soprattutto contro l’arte

Dickens sferrò il colpo e subito si disperò

Paola Colaiacomo

Daniel Quilp è la creatura maligna e deforme che invia al nonno della piccola Nell il denaro per le sue giocate notturne: l’insana passione del vecchio per la bambina si riversa sulle carte da gioco, dove «sta scritta la fortuna»

Nessuno conta per lui quanto il suo libro

Clotilde Bertoni

Comparsa dei «Mandarini», il romanzo più famoso di Simone de Beauvoir, Robert Dubreuilh è spesso fuori scena perché assorbito da riunioni, comizi e soprattutto dalla scrittura alla quale si dedica con «occhi gonfi di insonnia», impermeabile alle distrazioni e quasi anche alle emozioni