closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp

Edizione del 06.03.2016

Dopo gli squilli di tromba Renzi prova a mettere la sordina all'intervento militare in Libia. «Prudenza, equilibrio, buon senso: queste le nostre parole d'ordine». Slitta a oggi il rientro dei due tecnici italiani liberati a Sabratha

Editoriale

Illusione libica

Alessandro Dal Lago

Renzi vuole intervenire in Libia, ma senza che si sappia in giro. Ma stavolta si è infilato in un gioco ben più complesso e pericoloso di quelli che ama giocare a colpi di alleanze variabili e discorsi fiume

PRIMARIE

Pd, i votanti più che i voti

Domenico Cirillo

Oggi seggi aperti per la scelta del candidato sindaco. A Roma sfida Giachetti-Morassut, ma per Renzi c'è l'incubo affluenza, in calo dai 250mila di undici anni fa ai 40mila delle "parlamentarie" ai 100mila per il Campidoglio nel 2013. E non c'era ancora mafia Capitale.

IL CASO DELLA REGGIA

Il caso della Reggia di Caserta: «Una montatura contro i sindacati»

Roberto Ciccarelli

Nella lettera dello «scandalo» non c’è scritto che il direttore del museo Felicori «lavora troppo». La Uil ha sospeso un suo funzionario che risponde: «Nessuna accusa a Felicori di lavorare troppo, anzi c'è la preoccupazione di tutelarlo predisponendo il servizio di vigilanza anche negli orari in cui si intrattiene». Il documento dei sindacati Ugl, Usb, Uil e delle Rsu della Reggia di Caserta porta la data del 22 febbraio e solleva problemi già affrontati in un'interrogazione parlamentare. E' diventato un caso quando Renzi l'ha scelta per una crociata contro i sindacati. Ecco il testo

Israele intensifica le demolizioni di case palestinesi «illegali»

Michele Giorgio

Dall'inizio dell'anno, le forze armate israeliane hanno demolito o danneggiato 323 case e altre strutture edilizie in Cisgiordania, lasciando in strada 440 palestinesi, molti dei quali bambini. Intanto Amnesty International lancia appello a favore di Mohammad Abu Sakha, il clown della scuola del circo palestinese, detenuto senza processo

REPORTAGE

Gli opposti del Vietnam

Marco Zappa

Il paese asiatico sta crescendo a ritmi vertiginosi pur mantenendo le contraddizioni dei paesi in via di sviluppo. L’apertura al mercato avviata nel 1987 con il doi moi, il «rinnovamento», vista anche la fine degli aiuti dell’Unione sovietica, lo ha trasformato radicalmente. Il 20 per cento della popolazione ancora oggi è considerata povera. Ma nelle grandi città si costruiscono grattacieli e centri commerciali per la nuova classe media e i super-ricchi

L’ombra del rimorso non conosce giustizia

Andrea Colombo

Ognuno è alla ricerca della sua Moby Dick, ovvero il criminale che non si è ancora riusciti a incastrare: dietro le apparenze del poliziesco, la concatenazione logica di brutali dilemmi morali: "Balene bianche" di Richard Price

Iniziazione anni ’50 al rigore della vita

Francesca Borrelli

Fra New York, Chicago, Detroit, due giovani coppie intrecciano i loro destini. L’avvio al climax è prolisso, ma già brillanti i dialoghi familiari: "Lasciar andare", l'esordio al romanzo di Philip Roth

Agguato agli ideali di un kibbutz

Massimiliano De Villa

L'esordio al romanzo di Amos Oz: "Altrove forse". Protagonista è il confine, una faglia nella geografia e nell’esistenza. Ma il tradimento è pronto dietro l’angolo

Le installazioni dell’ingegnere

Stefano Jossa

Sculture in fil di ferro sospese, stimolate da correnti o motori elettrici: i «mobiles» (e «le costellazioni»), un dialogo moderno su estetica e spazio