closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp

Edizione del 05.03.2014

Nel patto Renzi-Berlusconi sulla legge elettorale si inserisce il terzo incomodo, Alfano. Il leader del nuovo centrodestra incassa il via libera all’emendamento che Forza Italia riteneva inaccettabile: l’Italicum sarà approvato, ma varrà solo per la Camera. Il Cavaliere cede, con «grave disappunto»

Politica

Italicum, il patto dimezzato

Andrea Colombo

Alla fine Berlusconi cede: la nuova legge elettorale varrà solo per la camera. Renzi canta vittoria: «Tanto il senato verrà abolito». Ma questa mano se l’aggiudica Alfano

Politica

La Camera affossa l’amnistia

Eleonora Martini

Quattro ore di dibattito liquidano il messaggio al Parlamento di Giorgio Napolitano. Nella relazione approvata, la via per arrivare all’appuntamento con Strasburgo

C’è bisogno di un’App per salvare Pompei

Valentina Porcheddu

Lo stallo della politica, le ricerche, le sfide della tutela: parla lo studioso Fabrizio Pesando. «È un momento di estrema incertezza. Ma ciò che manca è una vera strategia di valorizzazione»

La Somalia dei veleni

Daniela Preziosi

Era il 1992 e il responsabile Onu per l’ambiente Tolba lanciò un allarme chiaro e drammatico: imprese italiane stanno per trasformare il Corno d’Africa in pattumiera. E già che c’era usò la parola “mafia”

UCRAINA

E John Kerry invade Kiev

Simone Pieranni

Il segretario di Stato Usa arriva a Kiev e promette un miliardo di dollari per il neo governo voluto dalla piazza. Putin ordina la fine dell’esercitazione militare: «Soluzione armata estrema ratio»

Europa

Ue (e Usa): prestiti a Kiev, in attesa della désescalade russa

Anna Maria Merlo

Dalla Ue 610 milioni di prestito a Kiev a un aiuto per saldare il debito con Mosca sul gas di 2 miliardi. Oggi alla Nato riunione Russia-Nato, mentre giovedi' il primo ministro ucraino sarà a Bruxelles, ricevuto dai capi di stato e di governo prima del vertice straordinario. Vecchia e Nuova Europa divise sulle sanzioni. Sconfitta russa al Consiglio di sicurezza dell'Onu, dove anche la Cina boccia le giustificazioni di Mosca per l'intervento in Crimea

Sulla Siria l’ombra dello scontro Usa-Russia

Michele Giorgio

Il confronto rovente tra Washington e Mosca rischia spostarsi sulla scena mediorientale di alimentare la guerra civile siriana. Ieri arrestato al confine con il Libano il famoso regista siriano Mohammed Malas

Egitto: Hamas fuorilegge

Michele Giorgio

Il movimento islamico palestinese messo sullo stesso piano dei "Fratelli Musulmani". Dure le risposte dei dirigenti di Hamas a Gaza. Ma saranno i civili palestinesi a pagare le conseguenze più gravi

Cultura

Un mito duro a morire

Gianpasquale Santomassimo

«Ferreo organizzatore», il rivoluzionario che voleva l’insurrezione, il combattente che che si è scagliato contro il supposto tradimento della Resistenza . È uno dei giudizi che hanno accompagnato la figura di Pietro Secchia. «Le rivoluzioni non cadono dal cielo», il volume di Marco Albeltaro recentemente pubblicato da Laterza consente invece di ricostruire con rigore il percorso del leader comunista al di là dell’aura di dirigente ostile ai "cedimenti" del Pci che ha accompgnato la sua vita politica

La cupa primavera moscovita

Claudia Scandurra

Letture di poesie, romanzi e esposizioni di qualità mentre scorrono le immagini di Kiev e della Crimea

Cronache di un declino manifesto

Sara Borriello

«Nessuno controlla il mondo» di Charles A. Kupchan per il Saggiatore. La crisi dell’Occidente è l’altra faccia di un mondo che vede l’ascesa dell’Asia e dell’America latina

COLOMBIA

Dopo 100 anni di solitudine a Macondo arriva l’acqua potabile

Filippo Fiorini

Con l'arrivo delle condutture idriche, Aracataca sta per sconfiggere la sete. È il posto in cui 87 anni fa (domani è il suo compleanno) nasceva Gabriel Garcia Marquez, il villaggio che nel suo romanzo più celebre avrebbe chiamato Macondo, facendovi piovere per settimane, dove i passeri cadevano in volo stremati dall'afa e dove finora il progresso ha sempre portato catastrofi