closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp

Edizione del 04.10.2015

I jet dell’Alleanza atlantica hanno colpito per più di un’ora l’ospedale di Medici Senza Frontiere a Kunduz: per ora 19 vittime, 12 medici e 7 pazienti, tra cui tre bambini. Il comando Usa si scusa: «Effetto collaterale». Msf al manifesto: «Non è stato un incidente». Gino Strada: «Pura crudeltà». L’Onu: atto criminale

Internazionale

Strage Nato di medici e pazienti a Kunduz

Giuliano Battiston

Ripetuti raid sull’ospedale di Medici Senza Frontiere nella città sotto assedio: 19 vittime, 12 medici e 7 pazienti. Il comando statunitense: danni collaterali. Ma i vertici militari di Kabul e Washington avevano le coordinate Gps

Tra Usa e Russia la guerra è fatta di parole

Chiara Cruciati

Mosca difende i raid: ridotto il potenziale dell'Isis. Il fronte anti-Assad: colpiti solo civili e ribelli moderati. Dietro le quinte, prosegue il dialogo per cooperare nel paese

Europa

Fuga di massa attraverso l’Eurotunnel

Leonardo Clausi

In 200, sudanesi e eritrei, tentano di forzare il blocco scontrandosi con i gendarmi. La polizia indica un presidio di anarchici inglesi come ispiratore dell’assalto

Europa

Portogallo, cronaca di una inaspettata sconfitta

Goffredo Adinolfi

Clima di disaffezione, destra favorita nelle urne. E pensare che fino a due anni fa sembrava tornata la Rivoluzione dei Garofani. Poi gli indicatori hanno cominciato a crescere, e la protesta ha perso mordente

La narrazione della crisi alla prova elettorale

Bruno Montesano

Pcp, Bloco de esquerda e Livre le sole forze anti-austerity. Ma Podemos è un’altra storia. Calano deficit e disoccupazione e la propaganda dei «successi» ottenuti a Lisbona dalla troika premia il governo Coelho. In barba al boom del rapporto debito-Pil

IL NUOVO FILM

La guerra di Michael Moore

Giulia D'Agnolo Vallan

«Where to Invade Next», il nuovo film presentato al NY Film Festival, racconta gli Usa nella lente dell’Europa. Un’invasione pacifica per portare a casa le idee migliori degli altri su sanità, istruzione, stato sociale. «I candidati repubblicani sono l’ultima cosa di cui preoccuparsi. La nostra America sono i giovani, le donne, gli african american, il Paese dei bianchi arrabbiati sta morendo»

Allucinazioni a Lima nel giorno di una processione

Francesca Lazzarato

"Niente miracoli a ottobre": dalla tragedia alla parodia al pamphlet, tutti i registri vengono convocati da Oswaldo Reynoso nel resoconto di un giorno ideale per l’esibizione dei poteri

Vassalli, l’eterno presente (con voce di donna)

Cecilia Bello Minciacchi

Una suora napoletana, perseguitata come eretica, incontra lo scrittore nella Roma del Bernini... La Storia così si fa «attualità», ma solo attraverso il salto cognitivo della Letteratura

La presa dei sensi, mentre la reatà sfugge

Luca Briasco

Prima ancora che la storia di un amour fou, «Un gioco e un passatempo» di James Salter è una immersione nell'esperienza dell'espatrio, a caccai di nuovi sguardi sulla vita