closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
1 ULTIM'ORA:

Edizione del 04.09.2014

Mentre la ministra Madia blocca gli aumenti contrattuali della pubblica amministrazione, il premier annuncia l’assunzione di 150 mila precari nel 2015 e ridisegna il modello retributivo degli insegnanti: più ore di lavoro e scatti salariali legati al merito. Nasce la figura del preside-manager. Obbligo di stage nelle aziende per gli studenti di istituti tecnici e professionali. Al via la consultazione del «patto educativo» targato Renzi

Scuola

Docenti a scatti meritocratici

Roberto Ciccarelli

Renzi annuncia la stabilizzazione di 150mila precari tra un anno. Ma la sua riforma prevede più ore di lavoro e aumenti salariali legati alle competenze. Il costo della mega infornata è di quattro miliardi a regime. Per i nuovi assunti è prevista la «valutazione di merito» ogni tre anni e l’obbligo alla mobilità. La figura centrale del «patto» renziano sarà il preside-manager

Lavoro

Madia blocca gli aumenti

Massimo Franchi

La ministra: non ci sono i soldi per i contratti, ma avete già gli 80 euro. La Cgil è pronta alla piazza: «Ci mobiliteremo». Cisl: «Renzi bluff, così ci delude». I dipendenti delle amministrazioni statali ormai al collasso: non ricevono incrementi stipendiali dal 2010. Persi ben 4800 euro, di cui 600 nel prossimo anno

«Così la formazione finisce al servizio delle aziende»

Roberto Ciccarelli

L’autrice di «Valutare e punire» boccia "il patto" di Renzi: "C’è l’accentramento del potere nelle mani del preside-manager e del consiglio di amministrazione, l’annullamento degli organismi intermedi di rappresentanza. Si premia la disponibilità allo sfruttamento, sotto l’etichetta «produttività"

Politica

Renzi pronto a cancellare l’articolo 18

Antonio Sciotto

Il premier al «Sole 24 Ore»: via la reintegra obbligatoria. No di Camusso (Cgil): «Basta slogan». Landini (Fiom) è pronto alla piazza: «Conflitto pesante». Sacconi (Ncd): «La delega sia ampia e senza inibizioni». Damiano (Pd): «Fino a tre anni di prova e poi la tutela piena»

Ocse: la riforma Poletti aumenta il precariato

Antonio Sciotto

Secondo l'organizzazione internazionale, la recente legge sui contratti a termine rischia di ampliare il divario tra garantiti e non garantiti. Ma l'invito è ad accelerare sul Jobs Act, flessibilizzando i licenziamenti e mettendo in soffitta l'articolo 18

Eterologa, fai-da-te delle regioni

Eleonora Martini

Stilate dagli assessori alla salute le regole per evitare l’eugenetica e i «problemi psicologici». In attesa dell’intervento di Lorenzin

Economia

Bisogna fermare il rilancio dei liberisti

Gabriele Pastrello

L’«austerità espansiva» elaborata da Alesina e sposata dalle istituzioni europee è fallita. Ma ora, senza autocritica, gli stessi economisti che ci hanno portato al disastro preparano un’altrettanto tragica «fase due»

Reportage

Avanti Tap, ma il Salento dice no

Gianmario Leone

Con lo «Sblocca Italia», il gasdotto che dall’Azerbaigian dovrebbe arrivare in Puglia, sembra concretizzarsi. Il premier ha promesso che il 9 settembre andrà a Baku per il definitivo via libera. Scavalcando la Regione Puglia e il parere delle amministrazioni locali, il governo intende mettere fine alla battaglia del comitato locale contro un’opera che modificherebbe irreparabilmente l’ambiente

Navi Mistral alla Russia: consegna sospesa

Anna Maria Merlo

Alla vigilia del vertice Nato, Hollande costretto a sospendere (fino a novembre) la consegna della prima portaelicotteri ordinata da Mosca. Putin minaccia: soldi indietro (1,2 miliardi) più la multa per aver rotto il contratto (20% del prezzo). Mille posti di lavoro in ballo nel cantiere di Saint-Nazaire

Reportage

Ucraina: tra i feriti del battaglione Azov

Danilo Elia*

Il battaglione Azov è una formazione paramilitare nata nei giorni della Majdan e poi incorporata nella Guardia nazionale dell’Ucraina con decreto del ministro dell’Interno Avakov. In queste settimane hanno cercato di entrare a Donetsk, ma la battaglia è stata cruenta. Viaggio tra i feriti ricoverati a Dnipropetrovsk

Charles Wright Mills e il sapere ridotto in frantumi

Benedetto Vecchi

Riproposta dal Saggiatore «L’immaginazione sociologica» del teorico statunitense, assente nelle librerie da decenni. Un libro ancora attuale nella sua capacità di svelare e denunciare i limiti della parcellizzazione nella produzione culturale

Pagine romanzesche a corte dai Gonzaga

Redazione cultura

Appuntamento a Mantova per una full immersion con gli scrittori. Fino a domenica, incontri con Elizabeth Strout, Michael Cunningham, Per Olov Enquist, Colum McCann, Elvira Lindo, Adriana Lisboa, NoViolet Bulawayo, Teju Cole

Davide Ferrario e il sogno del progresso

Giuliana Muscio

Fuori concorso «La zuppa del diavolo» dove il regista bergamasco con documentari industriali e materiali audiovisivi dell'archivio nazionale del Cinema d'Impresa di Ivrea che ricostruisce l'Italia dal dopoguerra al boom fino agli incubi degli anni '70

Il regno dei grandi burattinai

Cristina Piccino

Fuori concorso «La trattativa» di Sabina Guzzanti che ripercorre vent’anni di storia italiana, dal maxiprocesso del 1992 agli accordi fra Stato e mafia

Non è più tempo per le favole

Silvana Silvestri

In concorso arriva «Sivas», l’esordio vincente del turco Kaan Müjdeci. Un duro romanzo di formazione, protagonista l'undicenne Aslan e il suo cane da combattimento