closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp

Edizione del 03.12.2015

Scontro ai livelli di guardia tra Mosca e Ankara. Putin accusa Erdogan e fornisce le «prove degli affari della famiglia» del Sultano con l’Isis: petrolio a basso costo in cambio di armi. La replica: «Solo calunnie». Missili puntati verso la Turchia. Usa e Nato contro i russi. E Londra dice sì alla guerra di Hollande

Internazionale

Jihad, bugie e videotape

Giuseppe Acconcia

Con un’iniziativa senza precedenti Mosca offre le prove degli illeciti rapporti tra Ankara e Stato islamico. E punta i missili sulla Turchia. Nel business del petrolio in cambio di armi sarebbe coinvolta la stessa famiglia di Erdogan. E ora Putin vuole la testa del presidente turco. Il Pentagono: «Assurdità»

L’affaire Dündar e Gül

Dimitri Bettoni *

Direttore e caporedattore di "Cumhuriyet" accusati di spionaggio per un articolo sul traffico di armi verso la Siria. Incarcerati su denuncia del presidente turco Erdogan

Caos di guerra

Tommaso Di Francesco

La Turchia apripista, verso un fronte di guerra peggiore

Europa

Francia, emergenza continua. Hollande vira a destra

Anna Maria Merlo

Più di 2mila perquisizioni, chiuse tre moschee "radicali". Pronta la riforma della Costituzione, stato d'emergenza di sei mesi, misure "transitorie" e fine dello jus soli. Hollande star dei sondaggi, ma senza effetti sul voto delle regionali. Proteste a sinistra per la "vittoria ideologica" del Fronte nazionale. La Cgt affronta il ciclone dei "radicalizzati" con le espulsioni

Internazionale

Per Obama al Congresso il clima si fa pesante

Marina Catucci

Per i repubblicani l'ambiente non è una priorità. Così le promesse fatte dal presidente statunitense alla Cop21 si infrangono subito contro il no della Camera alle norme che limitano le emissioni di gas nocivi. In questo modo anche la campagna elettorale si surriscalda

Nuovi indicatori, nuovo sviluppo

Aldo Carra

Ecco a cosa servono i 135 indicatori del Bes. Dall’Istat un nuovo modo di misurare la qualità della vita e dello sviluppo

Lavoro

Ministro Poletti, un precario deve indebitarsi per avere una pensione

Roberto Ciccarelli

Il ministro del lavoro Giuliano Poletti dà ragione a Tito Boeri (Inps), ma esclude il reddito minimo o una riforma del fisco e del Welfare: "I giovani non hanno alternative: devono versarsi i contributi per avere una pensione". Per chi è disoccupato, o lavora in maniera intermittente, questa nuova uscita significa indebitarsi per una pensione che non avrà mai

“Per il pubblico niente Jobs Act, ma si può già licenziare”

Antonio Sciotto

Rossana Dettori (Fp Cgil): abbiamo l’articolo 18 "formato Fornero", e lo riconosce anche la ministra Madia. Piuttosto estendiamo il reintegro anche ai lavoratori privati. Negli enti locali, nella sanità, nei ministeri esistono delle commissioni disciplinari che giudicano su segnalazione: chi compie un reato può essere messo alla porta

Politica

Le vere primarie che piacciono a Renzi

Luca Fazio

Dopo un incontro al Nazareno, il sindaco Giuliano Pisapia torna a casa con la consapevolezza che il Pd ha deciso di puntare tutto su Giuseppe Sala nonostante il mal di pancia della sinistra milanese. A Pisapia resta in mano la carta Francesca Balzani, ma il candidato Pierfrancesco Majorino, sostenuto da Sel, sembra intenzionato a non abbandonare la partita

Politica

Per la Consulta la quota Castiglione

Andrea Fabozzi

Il Pd segue le indicazioni di Alfano per sostituire il candidato Pitruzzella. E sceglie la professoressa ultrà delle riforme renziane politicamente vicina all'ex sottosegretario indagato per il cara di Mineo

I segreti di Gasparri nascosti nella poltrona

Daniela Preziosi

Il berlusconiano vicepresidente tuona contro l’intelligence italiana, «inefficientissima» nella guerra al terrorismo. Motivo: Forza Italia è rimasta fuori dal Copasir

Italia

Il vescovo a scuola insegna omofobia

Costantino Cossu

Altro «no» per Paolo Atzei, il vicepresidente della Conferenza episcopale sarda. «Incontro diseducativo e pericoloso»: la protesta degli studenti del liceo Azuni dopo la visita del prelato. Il Mos: «Bene il rifiuto dei maestri»

Maurice ha 30 anni. E ancora non si accontenta

Jacopo Rosatelli

I «rompiscatole» dello storico circolo lgbt italiano si raccontano. «La battaglia per i diritti di coppie e famiglie va legata a quella contro lo smantellamento dello stato sociale»

Cultura

Frantz Fanon e la materia viva dell’oppressione

Roberto Beneduce

Nuova edizione e nuova traduzione di «Pelle nera, maschere bianche», l’opera giovanile dello psichiatra martinicano che rivela ancora oggi una forte capacità di interrogare il presente. E che fornisce strumenti per comprendere criticamente il perdurare del diffuso razzismo in Europa e Stati Uniti verso rom, afroamericani, arabi, indigeni

Soggetti a ordinaria ambivalenza

Andrea Fumagalli

«Precariato», un volume collettivo per ombre corte. Una condizione di vita e lavoro generalizzata che richiede risposte tese a garantire l’autonomia dei singoli

Le parole della violenza

Cecilia D'Elia

«Femminismo e processo penale» di Ilaria Boiano, pubblicato da ediesse. Un’attiva presenza femminile nelle aule giudiziarie produce trasformazioni e aiuta a individuare ipotesi di procedure e norme più attente alle donne

Visioni

Nello sguardo animale

Giovanna Branca

«Steadfast On Our Sand» del collettivo ZimmerFrei presentato nella sezione Panorama del Festival dei Popoli, indaga sul rapporto fra essere umano e le realtà urbane

Partitura a due, storie e volti dal quotidiano

Cristina Piccino

Tra i documentari premiati al TorinoFilmFestival, appena concluso, «Gipsofila» di Margarida Leitao, toccante confronto tra generazioni. Premiato anche «Dans ma tête un rond-point» di Hassen Ferhani

Straub e l’acqua come metafora dell’uomo

Erik Negro

Nel documentario «L’Aqaurium et la Nation», concorso internazionale di Filmmaker, il regista scava nell’ordine malato del cosmo cercando le cause sociali dell’imbarbarimento

Se l’amore è troppo isterico

Cristina Piccino

Nelle sale il film di Maiwenn «Mon Roi - Il mio re», storia d'amore a tinte maso senza troppe botte ma molti lividi e ferite del cuore e della dignità. Con Vincent Cassel e Emmanuelle Bercot

Sinfonia industriale nell’antica fonderia

Cecilia Ermini

Lavoro manuale e arte fra passato e presente nel doc di Clerici dal titolo «Il gesto delle mani», vincitore del premio Fipresci a Berlino 2015, da oggi nelle sale

L'Ultima

Cipro unita, partita aperta

Stefano Fonsato

La linea verde dell’Onu sventra ancora in due l’isola del rame, goffamente. In sospeso resta la questione dei profughi causati dai fatti del 1974 da una parte e dall’altra. Ma su entrambi i versanti, riavvicinati oggi dalla crisi economica, cresce il numero di chi sembra interessato esclusivamente al "domani". E la voglia di riunificazione passa anche per il calcio: «Come possiamo fare pace se non giochiamo insieme?»