closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp

Edizione del 03.07.2014

Altri 74 migranti dati per dispersi, mentre salgono a 45 i corpi trovati nella stiva del peschereccio ormeggiato a Pozzallo. Il Canale di Sicilia è una fossa comune, l’Unhcr stima in 500 i morti nel Mediterraneo dall’inizio del 2014. Sono 25mila in dieci anni. Renzi a Strasburgo invoca «Frontex plus»

Italia

Unhcr: “Nei giorni scorsi altri settanta migranti sono scomparsi nel Mediterraneo”

Luca Fazio

Dopo i quarantacinque cadaveri estratti dal barcone ormeggiato a Pozzallo, l'agenzia dell'Onu per i rifugiati denuncia altri due naufragi in cui potrebbero aver perso la vita ottanta persone. Mentre nel mare di Sicilia l'ecatombe continua, Matteo Renzi si appella all'Europa come "faro di civiltà" e chiede di fare fronte congiuntamente e in maniera più decisa ai flussi migratori. Sabato fiaccolata a Pozzallo

BARBARA SPINELLI

Tra rigore e crescita, una relazione impossibile

Barbara Spinelli

Da Renzi molta retorica e nessuna indicazione su come e dove trovare le risorse economiche per un New Deal che aiuti l’Europa a invertire la rotta. Servono project bond, Tobin e carbon tax, una conferenza sul debito come quella che aiutò la Germania nel ’53

Politica

La crisi Ue si ferma a Porta a Porta

Andrea Fabozzi

Renzi buca la conferenza stampa a Strasburgo e corre in Rai per rassicurare: "Non mettiamo in discussione l'accordo su Junker". Poi regala la notizia del nuovo incontro con Berlusconi

EUROPA

Europa: un selfie per la generazione Telemaco

Anna Maria Merlo

Renzi inaugura la presidenza tra citazioni classiche e voli pindarici. Ma non evita le bordate della destra (e dei tedeschi): prima i compiti a casa. L'europarlamento è diviso ideologicamente, la svolta della crescita non sarà facile. Critiche anche da sinistra per il "ministro delle parole" che non si capisce quando passerà "all'azione". Poca solidarietà sull'immigrazione

Un’estate contro il pareggio di bilancio

Giorgio Airaudo, Giulio Marcon

La raccolta firme per il referendum e la proposta di legge di iniziativa popolare possono dare un contributo a rilanciare una mobilitazione dal basso contro le politiche di austerità in Europa

Europa

Corruzione: Sarkozy contrattacca

A.M.M.

L'ex presidente messo in stato d'accusa dopo 15 ore di interrogatorio e di fermo. Sospettato di aver organizzato una rete di informazione su inchieste giudiziarie a suo carico. Il contrattacco con un'intervista rabbiosa su Tf1 e Europe1: "strumentalizzazione politica della giustizia". Ma per 2 francesi su 3 ha è stato trattato "come un cittadino normale"

PALESTINA

Quanto vale la vita di Mohammed

Michele Giorgio

Scontri nella zona araba della Città Santa dopo il rapimento e l'uccisione di un 16enne palestinese del campo profughi di Shuaffat. Probabile vendetta per l'omicidio dei tre ragazzi ebrei. Il premier Netanyahu condanna

Editoriale

L’abbraccio tra fondamentalisti

Zvi Schuldiner

Nelle ultime ore, giovani palestinesi che protestavano contro questo assassinio si sono scontrati con le «forze dell’ordine» a Gerusalemme, mentre in città gli attacchi razzisti contro i palestinesi si sono moltiplicati.

DISORDINE MONDIALE

Il virus mutante della sovranità

Massimiliano Guareschi

Alcune considerazioni su come è cambiato, con la crisi, il diritto internazionale e i rapporti tra le classi a partire dal volume di Alessandro Colombo «Tempi decisivi» edito da Feltrinelli

Una militanza fatale

Angelo Mastrandrea

«Un amore partigiano», il libro di Mirella Serri che racconta la storia oscura di Gianna e Neri, uccisi dai loro stessi compagni e scomparsi nel nulla

L’identità indomabile

Cristina Morini

Un libro di Donatella Lanzarotta, uscito per ombre corte, sulle Drag Queen e sul loro divenire un soggetto / oggetto artistico

Commenti

No a una nuova escalation di violenze in Medio Oriente

Arci

Non possiamo giustificare chi crea e diffonde la cultura del più forte, della verità assoluta che si trasforma in fanatismo. in queste ore il pensiero va soprattutto alle vittime. Quelle che hanno spazio mediatico e quelle avvolte nel silenzio. Quelle che hanno libertà di movimento e quelle che chiuse in una striscia di terra aspettano che un giorno tutto questo abbia fine

Tisa: il contrario di pubblico è segreto

Marco Bersani

TISA («Trade In Service Agreement»). E' un nuovo trattato super segreto che riguarda i mercati del settore dei servizi. Lo stanno negoziando nel massimo silenzio Stati Uniti, Australia, Nuova Zelanda, Canada, i 28 paesi dell’Unione Europea, Svizzera, Islanda, Norvegia, Liechtenstein, Israele, Turchia, Taiwan, Hong Kong, Corea del Sud, Giappone, Pakistan, Panama, Perù, Paraguay, Cile, Colombia, Messico e Costa Rica. Ci sono interessi enormi in ballo: il settore servizi è il più grande per posti di lavoro nel mondo e produce il 70% del prodotto interno lordo globale

Reportage

La rivoluzione militare cinese

Simone Pieranni

In Cina, Xu Caihou potente generale dell’esercito è stato espulso dal Partito per corruzione. Un segnale che vale per tutti: il Pla verrà riformato affidando più peso a marina e aeronautica