closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp

Edizione del 02.11.2018

Dall’America all’Asia all’Europa: i dipendenti di Google in sciopero contro le molestie sessuali dei manager e i silenzi dell’azienda: 48 dirigenti sotto accusa, poi allontanati con buone uscite faraoniche. Anche nella dorata Silicon Valley, la rivolta parte dalle donne

Commenti

Il regno maschile del capitalismo delle piattaforme

Benedetto Vecchi

La lotta di classe parla sempre più il linguaggio sessuato della differenza. Si potrebbe dire che tutta l’esperienza di Non Una Di Meno ha questa potenza politica, legando i meccanismi di produzione e di riproduzione dentro e contro il capitalismo delle piattaforme

ESCALATION TRUMP

Mid-term alle porte, Trump cavalca l’«invasione

Luca Celada

L’attacco allo ius soli e l’idea-spot di 15 mila soldati sul confine. L'escalation del presidente Usa negli ultimi giorni di campagna per consolidare lo zoccolo duro e oltranzista del suo elettorato. E se i sondaggi confermano favoriti i democratici per una nuova maggioranza alla camera lui punta a esacerbare lo scontro frontale per i prossimi due anni e giungere alle presidenziali con la base montata al massimo del fanatismo

Politica

Arriva lo “spazza prescrizione”. E divide gli alleati

Andrea Fabozzi

Anche la Lega contro l'emendamento grillino che trasforma il disegno di legge anticorruzione. Sulla ammissibilità l'ultima parola ai 5 Stelle. Ma la sfida del partito di Salvini è ad alzo zero: pioggia di proposte ostili, come quella che vuole imporre un notaio alla piattaforma Rousseau

Caiazza (Ucpi): «Prescrizione, si vuole colpire il sintomo e non la causa»

Eleonora Martini

Parla il presidente dell'Unione delle camere penali italiane: «Con questa norma, palesemente incostituzionale, si otterrebbe l’effetto contrario che si va sbandierando: nessuna certezza della pena. Se la Lega cederà al populismo penale del M5S passeremo all’astensione dalle udienze»

Economia

Atac, sindacati contro il Sì del Pd: disinformati e contro i lavoratori

Massimo Franchi

A dieci giorni alla consultazione a Roma sulla liberalizzazione della municipalizzata del trasporto pubblico Filt Cgil, Fit Cisl e Uilt scrivono una lettera aperta al Partito Democratico. L'esempio di Cotral (risanata e rilanciata dalla Regione Lazio) e di Tpl (azienda privata che ha in appalto parte del servizio)

Commenti

Redistribuire la ricchezza senza disturbare il manovratore

Francesco Indovina

Un vero programma di cambiamento, come si dice oggi, imporrebbe la predisposizione di strumenti non solo per la redistribuzione della ricchezza prodotta e accumulata, ma anche per la redistribuzione del lavoro, del tempo di lavoro, delle modifiche profonde alla vita lavorativa

Internazionale

Russia, l’attentatore della sede del Fsb era un anarchico

Yurii Colombo

Durante la perquisizione condotta in casa del giovane infatti sono stati ritrovate riviste e materiali anarchici e dell'estrema sinistra oltre che un poster della Raf (Rote Armee Fraktion). Grazie all'analisi del suo pc la polizia è venuta anche a sapere che il ragazzo era registrato a un canale anarchico di Telegram denominato “Discorsi insurrezionali” con il nickname di Sergey Necaev, il celebre anarchico nichilista russo del XIX secolo

Cultura

Dismettere la ricerca è un gioco sfiancante

Andrea Capocci

Intervista a Daniele Archibugi a proposito della penuria di fondi in cui versa il Consiglio Nazionale delle Ricerche. «Dal 2010 a oggi lo Stato ha sottratto circa 100 milioni di euro di finanziamenti pubblici, il 20% del totale. Servono per far quadrare il bilancio, oggi chiediamo di restituirli»

Il presente senza alcun futuro che nutre la macchina sovranista

Roberto Ciccarelli

La congiuntura politica e l’impasse del neoliberismo in «La crisi come arte di governo» di Dario Gentili per Quodlibet. L'autore spiega la natura della «crisi» in cui viviamo con un’importante categoria di Gramsci: l’interregno dove il vecchio muore e il nuovo non può nascere. Siamo al centro di una «rivoluzione passiva» dove la trasformazione politica è orientata alla conservazione di un sistema economico che è all’origine della crisi. La sola prospettiva di un’alternativa si situa oltre la dimensione dicotomica nazionale/globale; popolo/élite; autoctono/migrante

La scoperta del mondo dallo schermo

Luigi Abiusi

Al Science+Fiction di Trieste «Stalker» di Tarkovskij, la fede nel cinema come rivelazione. In un repertorio di macerie, la disperazione del protagonista nella Zona riguarda la fine della civiltà attuale

Cultura

1968, l’immaginario al potere

Vincenzo Vita

In rassegna a Roma ventotto film dei tardi anni Sessanta, una scintilla sovversiva in cui la contestazione travolse tutto e tutti. «Il progetto e le forme di un cinema politico/2», un evento dell’Archivio audiovisivo del movimento operaio e democratico

Così le cineprese portarono la rivolta in presa diretta

Pietro Montani

Per la prima volta maneggevoli e alla portata di tutti, le macchine da presa fusero lo spazio politico e quello privato. Un filo rosso lega i cortei del ’68 con le strade di Genova 2001 e Occupy Wall Street fino alle nozze dei #Ferragnez

La scintilla sovversiva di «una risata vi seppellirà»

Giovanni Spagnoletti

Esistono tanti ’68 quante sono le esperienze personali e artistiche che lo hanno attraversato. Una ribellione in forma di domanda, un’ipotesi sempre aperta. La spontaneità recuperava alla collettività quanto era negato al singolo, in uno scontro iconoclasta con il potere dominante

Il documentario militante e i primi «cine-volantini»

Antonio Medici

Dagli Usa e al Messico fino alla Francia di Godard e non solo. E, da noi, il «Movimento studentesco» suona la carica rivoluzionaria filmandola in proprio. La necessità della controinformazione crea nuovi linguaggi visivi, slogan su pellicola e accostamenti fulminei

Il decennio delle svolte era già «no logo»

Marco Gazzano

Una straordinaria esplosione di energia giovanile - e mondiale - si intreccia alla trasformazione trasversale delle arti e della comunicazione. Scultura, pittura, cinema, teatro, musica, poesia... Le Compagnie diventano Laboratori e il ciclostile sfida le case editrici