closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp

Edizione del 02.08.2014

Scherzando e ridendo come sempre ieri Matteo Renzi ha cominciato a rimangiarsi le sue promesse: «Non siamo in grado di garantire l’estensione degli 80 euro». Anche al senato si accorge di aver tirato troppo la corda: offre mezzo ramoscello di pace alle opposizioni. E ora Sel spera nella riduzione del danno

Politica

E Renzi mette via la clava

Andrea Colombo

Dopo il caos notturno il premier fa marcia indietro e riapre al dialogo con Sel, ma le divergenze politiche restano tutte. Intanto Grasso zittisce la relatrice di minoranza. Persino Forza italia perde la pazienza

De Petris: «Parlano, ma non è trattativa»

Daniela Preziosi

La senatrice di Sel: il governo cambia passo, sa di aver tirato troppo la corda. Siamo nell’ottica della riduzione del danno. E da adesso lavoriamo al referendum

Editoriale

Warfare vs. Welfare

Guido Viale

Una riflessione sulla democrazia economica che rende muta e impotente l'Unione Europea sul dramma dei conflitti che esplodono ai suoi confini: Libia, Siria, Ucraina, Iraq, Israele e Palestina

I conti della Lista Tsipras

Barbara Spinelli*

I lavori all'Europarlamento sono iniziati. La questione dell’utilizzo dei fondi messi a disposizione dei deputati e la loro destinazione legalmente possibile. Da oggi e fino all’estinzione dei debiti, i 3 eurodeputati verseranno cia­scuno una somma pari a 1.500 euro men­sili

Economia

Traballano anche gli 80 euro

Antonio Sciotto

Renzi: «Non siamo in grado di estendere la platea». Poi la toppa: «Ma ci proveremo». Il governo accusa le prime difficoltà su ripresa e conti. Non basta la fanfara del dl «Sblocca Italia»

Editoriale

La Fiat se ne va

Vincenzo Comito

La storica azienda degli Agnelli lascia l'Italia, ma restano ancora tanti nodi aperti. A partire dal futuro dei nostri stabilimenti e dei lavoratori

Pisapia e la mossa del Leoncavallo

Giorgio Salvetti

Dopo vent’anni e una trattativa infinita, la giunta arancione acquisisce lo stabile di via Watteau risarcendo la proprietà con due palazzi.E’ il primo passo verso la soluzione definitiva, ma le opposizioni ne approfitteranno per dare battaglia

Editoriale

Teatro Valle, il prezioso lascito di un’occupazione

Sandro Medici

Uno spazio culturale che è tornato a essere inalienabile: indisponibile cioè a compravendite, riconversioni, speculazioni. Non è poco: e soprattutto sta lì a segnalare che solo opponendosi si riesce a contrastare la dissipazione intenzionale del patrimonio pubblico

Reportage

Solo 90 minuti di tregua a Gaza

Michele Giorgio

Israele e Hamas si accusano a vicenda di aver fatto fallire la tregua. Tel Aviv chiede la restituzione immediata del militare catturato e accusa il movimento islamico di aver eseguito dopo le ore 8, quindi in piena tregua, un piano organizzato da tempo. Gli islamisti replicano che tutto è accaduto prima della tregua e durante combattimenti per respingere un’avanzata di mezzi corazzati israeliani

Cultura

La filologia vivente di Gramsci

Guido Liguori

Il nuovo libro di Alberto Burgio analizza gli scritti dell’intellettuale e dirigente comunista dal periodo torinese ai «Quaderni dal carcere». Un’opera presentata però come un sistema unitario,mettendo così in secondo piano le discontinuità interne che la caratterizzano

Il pellegrino che non si fermava mai

Marco Dotti

La figura di Pierre Favre, oggi santo, in un libro per Jaca Book a cura di Luce Giard. E gli studi di Michel Certeau sul suo Memoriale e sul significato del suo spaesamento da viaggio

Visioni

Astiteatro, sfida vincente tra corpi e territori

Gianfranco Capitta

Pippo Delbono alla direzione artistica di Astiteatro, un festival che cerca prospettive di osservazione diversa ai linguaggi della scena, della danza, musica e cinema. Sorprendente la performance di Irène Jacob, attrice di culto per Antonioni e Kieslowski

La metropoli flessibile

Patrizia Ferri

Una riflessione sull'Arte Pubblica e le sue declinazioni possibili, escludendo le sculture ornamentali disseminate all'aperto e puntando invece su un progetto collettivo che coinvolga la comunità e i suoi desideri

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.