closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp

Edizione del 02.04.2021

Le Commissioni Difesa di camera e senato chiedono all’unanimità al governo di usare parte dei fondi del Recovery plan per gli armamenti militari. Mentre a Bruxelles nell’ultima bozza del Green New Deal spuntano finanziamenti alle industrie fossili travestite di verde

Politica

Sì del Colle al nuovo decreto, malumori nella maggioranza

Andrea Fabozzi

Per andare incontro a Salvini, diritti limitati anche senza una legge. Mattarella firma. Ceccanti, Pd: nuove regole introdotte con una semplice deliberazione del Consiglio dei ministri sarebbero una regressione non accettabile. Protestano anche i sindaci

Commenti

«No Grandi Navi», vinta una battaglia se ne apre un’altra

Gianfranco Bettin

Non far entrare le navi oltre 40mila tonnellate di stazza è una scelta ragionevole, che sarebbe potuta arrivare anche prima se la potente lobby che punta a tenere a tutti i costi le navi in laguna non avesse fatto perdere un sacco di tempo inseguendo proposte sbagliate. Ma la battaglia non è finita

Italia

Una fetta di Recovery Plan alla ricca industria militare

Emma Mancini

Rete Italiana Pace e Disarmo: il parlamento raccomanda l’uso di parte dei fondi per l’acquisto di nuove armi. In un governo trasversale, anche il sostegno all'iniziativa lo è: si toglie ad altri settori per finanziarne uno che riceve già 27 miliardi

Transgender in uniforme: l’ok del Pentagono

Marina Catucci

Dopo l'ordine esecutivo di Biden, definitivamente cancellata la misura trumpiana che vietava alle persone transgender di servire nell'esercito. La Difesa introduce anche i trattamenti medici per la transizione di genere

Hong Kong, condannati 7 attivisti: «Corteo non autorizzato»

Serena Console

Il 18 agosto 2019, un milione e 700mila persone marciarono pacificamente nell'ex colonia britannica. Ieri una corte distrettuale ha riconosciuto colpevoli i volti noti del dissenso locale di aver organizzato e preso parte alla protesta

Partito comunista vs piattaforme, scontro tra influencer

Simone Pieranni

Il Pcc «avverte» Alibaba: snellire le partecipazioni nel mondo dei media. Ma il colosso dell’e-commerce è solo uno degli obiettivi. Pechino teme che la mole di dati raccolti dal sito e la possibilità di influenzare l’opinione pubblica possano essere utilizzati da Jack Ma in un futuro confronto finale

Cultura

Cronaca di una mutazione a pelle

Tommaso Di Francesco

«La fabbrica del Manifesto» a cura di Luciana Castellina e Massimo Serafini, per manifestolibri. Interventi e memorie, tra gli altri, di Gianni Usai, Lucio Magri, Pino Ferraris, Manuela Cartosio, Ninetta Zandegiacomi, Vittorio Foa, Eliseo Milani, Collettivo Dalmine del Manifesto. Il racconto a più voci del decennio rosso e operaio 1969/1979, quando nacque il quotidiano comunista. Dai Consigli dei delegati in fabbrica alle forme diffuse della protesta sociale. Le donne in prima fila. Occupare la facoltà, preparare un esame di filosofia e correre la sera al turno di notte. Scoprire da lavoratore-studente quanto stava avvenendo fu un’altra esperienza

Visioni

Virgilio Sieni, il senso della danza

Francesca Pedroni

Creare spazi dove gli artisti si incontrino: il nuovo progetto del coreografo in un bando diviso i 7 punti. «Più che guardare al futuro dobbiamo guardare al presente, come viviamo: si parla pochissimo dei problemi psicologici emersi in questo periodo anche fra i giovani»

L’autorità del tono basso e del sorriso

Tommaso Di Francesco

Era Marco un’«acqua cheta», tranquillo, piccolo, sereno all’apparenza ma testardo, forte, in mugugno e rivolta, pieno di misteri come un nuraghe. L’ultimo saluto oggi alle 16 al Cimitero San Michele di Cagliari

Il cuore grande di Marco Ligas

Filippo Maone

Appena ottantenne, il cuore grande di Marco Ligas, un altro protagonista fondamentale della storia del Manifesto, ha terminato di battere ieri notte

Rubriche

La distanza imposta dal contagio

Alberto Olivetti

Distanza è il contrario di contatto. Ed è appunto ogni forma ed ogni occasione di ‘contatto’ che va interdetta ed evitata. Il morbo epidemico si contrae per contagio, ossia per contatto