closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp

Edizione del 02.03.2014

Il parlamento russo autorizza l’intervento delle truppe di stanza a Sebastopoli. Putin minaccia la guerra ma per il momento l’invasione della Crimea non c’è stata. Ue e Obama condannano, ma con calma. Tymoshenko a Mosca per trattare

Internazionale

Crimea, ora si tratta

Simone Pieranni

Tymoshenko il 3 marzo a Mosca per negoziare sulla crisi; Putin autorizzato dal suo parlamento a utilizzare le truppe della base sul Mar Nero. Proteste filo russe a Donetsk e Karkhiv

Internazionale

La Ue adesso teme la divisione del paese

Anna Maria Merlo

Riunione d'emergenza all'Onu ieri sera, lunedi' Consiglio dei ministri degli esteri europei a Bruxelles. Senza proposte concrete da offrire a Kiev, l'Ue vuole evitare la spaccatura del paese (e pagare il conto)

VERSO LE EUROPEE

La promessa socialista

Daniela Dalerci

A Roma per lanciare la candidatura di Martin Schulz alla presidenza della commissione, gli eurosocialisti prendono impegni per contrastare l’austerità in Europa. Ma la praticano in casa e dove governano con la destra

FRESCHE NOMINE

Il “cinghiale” è già un caso

Silvio Messinetti

Il sottosegretario, Antonio Gentile, accusato di censura, è sotto attacco, anche dei renziani. Potrebbe essere ascoltato in procura a Cosenza. Suo figlio Andrea è coinvolto in uno scandalo della sanità

Internazionale

Turchia, guerra delle intercettazioni

Fazila Mat

Senza esclusione di colpi lo scontro ai vertici del potere, iniziato con la maxi operazione anti-corruzione. Una presunta conversazione inguaia Erdogan. Mentre i giornali filo-governativi pubblicano la lista di persone «ascoltate» da una «struttura parallela» capeggiata dal rivale del premier Gülen

L'Ultima

I fasci del Katanga

Daniele Comberiati

Negli anni ’30, un pugno di sefarditi di Rodi, colonia italiana, emigrano in Congo, la «nuova America» per molti emigranti dal nostro Paese. Aprono un Fascio a Likasi e il console lo fa chiudere quando scopre che è composto da ebrei. Ma da Roma lo fanno riaprire: «Sono italiani»