closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp

Edizione del 01.12.2013

«La sinistra non basta». In un’intervista al manifesto Daniel Cohn-Bendit benedice le larghe intese «dal basso» con la destra: «È l’unico modo per cambiare l’Europa». Tra l’ascesa di Grillo e Renzi, con il crollo di Spd e Hollande, un intero continente rischia di trovarsi senza alternativa, al freddo bivio tra due destre

Europa

«L’Europa va cambiata, e la sinistra non basta»

Daniela Preziosi

Il leader ambientalista apre alle larghe intese «sociali» con la destra. A Milano per presentare Green Italia, l’europarlamentare invita i giovani a scommettere sull’Ue: «Gli stati nazionali sono impotenti contro il mercato»

Politica

Il crollo è «verticale»

Tommaso Nencioni

Il falso salto in alto della vittoria di Renzi. La sinistra dovrebbe evitare scorciatoie. L’unica strada è «snodare» i conflitti

De Luca è «incompatibile»

Adriana Pollice

Per l’Antritrust la nomina nel governo del sindaco di Salerno è illegittima. L’authority di Pitruzzella ribadisce che non si può stare a Roma e alla guida di un grande comune. Fi e M5S insistono per le dimissioni. Anche Cuperlo e i bersaniani mollano il «big» renziano

Quel pasticciaccio brutto dell’Imu

Marina della Croce

Centri di assistenza fiscale nel caos. A gennaio – quando scadranno i termini per pagare la seconda rata della tassa sull’abitazione principale – l’Italia rischia la paralisi. In forse anche la copertura finanziaria sulla prima rata. Camusso: «Unica cosa seria è rimetterla». La Cgia di Mestre lancia l’allarme: «Difficile per lo stato incassare gli 1,5 miliardi richiesti. Ci saranno rincari su accise, bollette e sugli acconti fiscali delle imprese»

Per i beduini una seconda Nakba

Chiara Cruciati

Ieri «giorno della rabbia» globale contro le espulsioni nel deserto del Negev. Il Piano Prawer segna la sorte di 45 villaggi palestinesi. Repressione dura contro chi si oppone

Visioni

Ode al maestro, la messa è servita

Eugenio Renzi

Club Sandwich del messicano Fernando Eimbcke vince il 31esimo Torino Film Festival. Premiati anche Ben Rivers e Ben Russell, Roberto Minervini, Edoardo Morabito