closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp

Edizione del 01.10.2017

Tensione alle stelle in Spagna. La Catalogna oggi al voto per il «non referendum». Il governo Rajoy invia i militari a Barcellona e blocca il voto on line: sigillato il Centro elettronico. Ma i secessionisti aprono i seggi nelle scuole occupate. La destra nazionalista in piazza contro la consultazione

5STELLE

Luigi «Smart» Di Maio contro i sindacati: il futuro è una start-up

Roberto Ciccarelli

Susanna Camusso (Cgil): «Stiamo tornando all'analfabetismo della Costituzione. Parla di cose che non conosce con un linguaggio autoritario e insopportabile. Non sa come è fatto un sindacato, non sa che non è un'organizzazione statuale di cui decidi le modalità organizzative, è una libera associazione». Il candidato ha profetizzato l'arrivo di una «Smart Nation» con il Movimento 5 Stelle a Palazzo Chigi. «Internet - ha detto il candidato premier - è la più grande fabbrica di posti di lavoro al mondo». Di «posti di lavoro» ce ne sono in realtà pochi, molti di più sono i precari della «gig-economy», l’economia dei «lavoretti»

Europa

Yom Kippur con marcia neonazista a Göteborg

Camilla Martini

Movimento di resistenza nordica in piazza e contromanifestazione negli stessi giorni in cui va in scena alla Fiera del libro la polemica per lo spazio dedicato all'ultradestra. Le preoccupazioni della comunità ebraica, sotto attacco nel "Giorno dell'Espiazione"

IL DISCORSO AL LABOUR

«La sinistra deve fare una vera rivoluzione morale»

Naomi Klein

Nel discorso al Labour la cura dei lavoratori, del pianeta e delle persone deve far parte dello stesso programma. Perché oggi è impossibile separare una crisi dall’altra: caos climatico, colonialismo, élite dedite alla rapina e democrazia disfunzionale si sono tutte fuse insieme, come un mostro a più teste. I millennial non sopportano le false promesse. Sanders, Podemos e Corbyn dimostrano che partiti e movimenti devono allearsi

Cultura

La carica nucleare degli animali mutanti

Andrea Capocci

Parla il biologo Timothy Mousseau, esperto di evoluzione genetica e impatto sull'ecosistema di catastrofi come quelle di Chernobyl e Fukushima. «La capacità di adattarsi a un livello di radiazioni elevato, di cui spesso si parla nei racconti più rassicuranti, è in realtà limitata a poche specie»

Travagli nella parabola della Rivoluzione

Stefano Garzonio

Una prospettiva, quella dello storico inglese Stephen A. Smith, che mentre descrive «Un impero in crisi 1890-1928» estende gli effetti dei «dieci giorni che sconvolsero il mondo» fino alle attuali tensioni nazionaliste

Notizie da uno smisurato quanto i suoi debiti

Valentina Parisi

Estraneo alla introspezione psicologica, il carteggio dello scrittore russo denuncia l’odiato «buon senso» borghese, le «vili» impellenze economiche, la nostalgia della Russia vista dai viaggi in Occidente

Whitman, Foglie democratiche e queer

Caterina Ricciardi

Mario Corona affronta la complessa costruzione «in progress» del poema «Foglie d’erba», mostrando l’identità simpatetica di uomo-poeta-corpo- testo e di America-anima-cosmo-lettore

Roussel: con le macchine inverosimili ipnotizzò Breton e Duchamp

Pasquale Di Palmo

Una congerie di invenzioni linguistiche e automi affollano le pagine di Raymond Roussel, l’irregolare che i surrealisti consideravano un loro apripista (ma in lui non c’è mai l’intento dissacratorio). Ora le giovani Edizioni Grenelle di Potenza ripropongono uno dei suoi strampalati romanzi: «Locus Solus»

Carrai, l’evidenza toccante delle cose

Cecilia Bello Minciacchi

Istanbul, la Ferrara ebraica, Genova, Firenze, Viareggio con le sue nostalgie, e Saba Montale Sereni: Stefano Carrai, «La traversata del Gobi», da Aragno

Pasolini, il morto vivente come artista visivo

Andrea Cortellessa

Annovi legge l’opera di Pier Paolo Pasolini in chiave integralmente manierista, con una nuova esplosione di significati. Pervasività della presenza fisica nell’opera e passione per l’«originario»: la sintesi fra questi due estremi al centro delle sue analisi testuali